ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Come si vive davvero dentro un'architettura organica?

Dalla California una casa contemporanea che si ispira a Frank Lloyd Wright per un'armonia tra genere umano e natura

architettura-organica-casa-in-california-skyline-house
Bruce Damonte Photography

La Skyline House sorge sulla cima della catena montuosa di Eastbay che sovrasta la città di Oakland, in California: un esempio di architettura organica in stretto connubio con la natura

L'architettura organica ha a che fare con la relazione tra l'uomo e la natura, il bisogno di protezione e la necessità di restare in contatto con la terra madre: è all’interno di questo perenne dialogo che si snoda la storia dell’architettura abitativa dalle origini fino al nostro tempo. In questa alternanza di necessità con prevalenza di uno o dell’altro aspetto in base ad evoluzioni storiche e culturali, che arriviamo, ai giorni nostri, al tentativo di trovare un delicato equilibrio tra architettura e natura. Dalla casa Taliesin West di Frank Lloyd Wright fino ad oggi possiamo inserire la tendenza di questi ultimi decenni di costruirci un nido – o una conchiglia di chiocciola? – dotato di tanti comfort ma a stretto contatto con una natura che ci piace vedere nella sua bellezza originale: che sia un casale tra ulivi e vigneti oppure una palafitta al bordo della giungla, il concetto resta invariato. Quest'architettura definita "organica" opta per un'armonia tra genere umano e natura, la creazione di un nuovo equilibrio tra l'ambiente costruito e l'ambiente naturale che divengono parte di un unico interconnesso organismo architettonico. Non solo le forme ma anche i materiali assumono allora un’importanza vitale per comunicare questa simbiosi: pietre, legno ma soprattutto materiali del luogo, associati ad una moderna tecnologia che cambia e si affina nel corso della storia e che permette oggi, nonostante la sua apparente dirompenza, un’armoniosa integrazione con gli  spazi naturali esistenti.

Chi non può affrontare oneri economici o disponibilità di tempo libero a oltranza, spesso opta per resort in luoghi da sogno per un’esperienza autentica ma temporanea (leggi anche → L'eco Lodge Les Echasses in Francia), i più fortunati possono invece trasformarla in una definitiva scelta di vita. Rientrano in questo secondo gruppo i proprietari della Skyline House nata su un posto di vedetta per eventuali incendi o tempeste sulla  cima della catena montuosa di Eastbay che sovrasta la città di Oakland, in California.

Il progetto, con una fantastica vista sulla baia di sud-ovest e il Golden Gate, è stato commissionato da una giovane famiglia che desiderava una casa open space con ampia vista sulla baia ma anche con una forte connessione con il verde circostante. E sono proprie queste piante che avvolgono da entrambi i lati longitudinali della casa a far diventare l’abitazione quasi un semplice ponte tra due fantastici esterni. Lo Studio Terry & Terry Architecture ha ricavato negli oltre 450 mq disponibile una villa con quattro camere da letto, un ampio living e una dependence conessa ma leggermente dislocata per gli ospiti.

Per accentuare la connessione con gli esterni e per ragioni climatiche – l’abitazione si trova a in prossimità della cima della catena montuosa, a circa 1800 metri di altitudine - il tetto è stato deformato per creare un’ ampia ventilazione grazie all’aria che sale dalle fasce costiere e che raffredda l'interno con la brezza pomeridiana. È poi lo stesso tetto che allungandosi esternamente va a formare una tettoia capace di riparare gli interni dal sole.

Anche l’area della cucina è in perfetta connessione con l’esterno che in questo caso delimita la zona pranzo con una panca in cemento. Tramite una scala si scende quindi a un livello più basso dove la struttura continua per ospitare una camera per gli ospiti, un ufficio e una sala per proiezioni.

www.terryandterryarchitecture.com


di Paola Testoni / 3 Luglio 2017

CORNER

Interior Decoration collection

[Interior Decoration]

Profumi francesi a Roma

Il nuovo negozio Diptyque in via del Babuino

Travel

[Interior Decoration]

La wunderkammer di Bulgari

New Curiosity Shop: l’alta gioielleria allestita con Fornasetti

Negozi di design

[Interior Decoration]

Sì viaggiare

Ostelli di design per viaggiare in Europa a budget ridotto

Travel

[Interior Decoration]

Accento Indiano

Il miglior ristorante indiano del mondo arriva a Londra

Travel

[Interior Decoration]

Hollywood nella vita vera

Le location dei film più amati di sempre

Costume

[Interior Decoration]

Cracco in Galleria

Il nuovo tempio gourmet in Galleria Vittorio Emanuele

Travel

[Interior Decoration]

Cucina mozzafiato

Il ristorante Palace a Helsinki riapre dopo il restauro

Travel

[Interior Decoration]

Europa arrivo!

Una selezione degli hotel più particolari da provare nel 2018

Travel

[Interior Decoration]

Casa Matilda a Milano

Un nuovo ristorante italiano ha aperto sui Navigli

Travel

Hearst Magazines Italia

©2018 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web | Comunicato tariffe politiche elettorali