ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

L'arredamento etnico incontra il lusso nel nuovo Hilton di Tangeri

Jaime Beriestain firma l'interior decoration del nuovo hotel a 5 stelle come fosse un moderno riad

arredamento-etnico-hilton-hotel-tangeri

La terrazza dell'Hotel Hilton a Tangeri

Un riad nel cuore di Tangeri dove circondarsi di arredamento etnico senza rinunciare al piacere del lusso contemporaneo. È il nuovo Hotel Hilton, completamente arredato in stile etnico dallo studio Jaime Beriestain

Cileno di nascita (classe 1969), ma naturalizzato spagnolo da quando nel 2002 ha aperto il suo studio a Barcellona, Jaime Beriestain si è specializzato negli anni nella progettazione di residenze private e di hotel. Impressiona il lungo elenco dei lavori fatti, e ancora di più la lista di quelli che sono in fase di realizzazione, spaziando da Vienna a Lisbona, dalle Bahamas a Barcellona. 

Cosmopolita e spirito libero nell'approccio professionale, quando si è trattato di scegliere lo stile con cui curare tutto l'interior decoration dell'Hilton Hotel di Tangeri non ha avuto dubbi. Rivisitare il tipico stile marocchino e conservare quel sapore unico e inconfondibile dell'artigianato autoctono, reinterpretandolo però in chiave cosmopolita. Un mix quindi di influenze etniche e gusto europeo. 

Per tutti gli ambienti dell'hotel - un cinque stelle con due ristoranti, 180 camere di cui 19 suite, un'area lounge, gym e un'altra sala lounge con piscina e terrazza, ha scelto diversi tipi di marmi, abbinati a legno locale, ottone spazzolato e martellato, ceramiche Zellige e tessuti etnici tipici. E il risultato sono ambienti dal respiro internazionale, nei quali tuttavia si riconosce il gusto dell'arredamento orientale e il costante richiamo ai colori e alla cultura del Marocco.

 

Come nella reception, con marmi che rimandano ai colori delle dune del deserto e la grande scultura sul soffitto realizzata a mano da artigiani locali con foglie dorate. E nei due ristoranti, con sedute di design moderne abbinate a tavolini in marmo e metallo, tende in tessuto etnico e tantissime lampade in metallo a sbalzo sul soffitto, che ricordano un souk. I colori poi diventano più tenui nelle camere, per conciliare l'idea del relax, mentre la luce è la vera protagonista dell'area lounge all'ultimo piano, schermata da pannelli a lamelle in metallo bianco, come chiari sono gli arredi, ravvivati da punte di verde e giallo come i riflessi in un un'oasi moderna.

SCOPRI ANCHE:
→ Insieme alla principessa Letizia Ruspoli nel riad più chic di Marrakech
→ Vacanze in Marocco, l'indirizzo per dormire in una Casbah


di Maria Chiara Antonini / 21 Agosto 2017

CORNER

Interior Decoration collection

[Interior Decoration]

Pizza revolution

Dry 2, il secondo indirizzo della pizzeria più trendy di Milano

Lifestyle

[Interior Decoration]

The Hoxton apre a Parigi

Apre nel secondo arrondissement l'ultimo nato della catena inglese

hotel di design

[Interior Decoration]

New Age indiana

L’hotel W a Goa fa sua la cultura psichedelica e New Age

Hotel

[Interior Decoration]

Hai portato il ficus?

Un rapporto della Nasa svela quali piante tenere in casa

Lifestyle

[Interior Decoration]

L'hotel più bello di Hong kong

In anteprima il progetto di Foster+Partners per The Murray

Travel

[Interior Decoration]

KIKOiD a Milano

In corso Vittorio Emanuele iI nuovo regno di beauty e del make up

Negozi di design

[Interior Decoration]

Benessere sacro

Un resort a Pushkar, la città santa degli induisti

Travel

[Interior Decoration]

Bar underground a Vienna

The Krypt Bar, da locale jazz anni 50 a cocktail bar contemporaneo

Lounge bar

[Interior Decoration]

Un social club a Shenzhen

10.Creative Drink, un locale tra arte, intrattenimento e business

Lounge bar

Hearst Magazines Italia

©2017 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web