ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Un ristorante a Hong Kong trasforma in arredamento industriale la mente dello chef

A Hong Kong, tra upcycling, ricordi e artigianato, un ristorante progettato per essere il ritratto architettonico del cuoco che ogni sera ne anima la cucina

arredamento-industriale-ristorante-rhoda-hong-kong-bancone

Nel progetto del ristorante Rhoda, firmato dalla designer Joyce Wang, pannelli di rame ossidato convivono in perfetta armonia con assi di legno trattate con l’antica tecnica Shou Sugi Ban.

Arredamento industriale per raccontare uno chef: se è opinione comune che in un piatto si possano trovare le tracce della personalità di chi lo ha preparato, perché non estendere questa legge all’intero ristorante? Un ampliamento di orizzonti che ha guidato la designer Joyce Wang nel progettare il ristorante Rhoda dello chef Nate Green, a Hong Kong.

Per dare forma al ritratto architettonico di un cuoco innamorato di sapori e auto vintage, di grill e fiammanti hot rod, di barbe, tatuaggi e ritualità antiche, la designer ha creato un originale universo in stile industriale, antiche tecniche artigianali e oggetti d’arredo vintage.

Dietro le geometrie di due grandi portali dal look industrial, che separano il locale dalla frenesia delle strade del quartiere di Sai Ying Pun, il centro della scena è occupato da una cucina a vista e dal bancone di un cocktail bar. Per decorare gli ambienti, Joyce Wang ha accostato assi di legno irrobustite dalle bruciature della secolare tecnica giapponese Shou Sugi Ban, suggestivi pannelli di rame ossidato e uno scenografico lampadario realizzato combinando vecchi cestelli di lavatrice.

La disposizione dei tavoli esprime il valore di rito collettivo che lo chef attribuisce all’atto del cibarsi. Per questo motivo, al centro della sala principale, circondato da una serie di tavolini perfetti per un tête-à-tête, trova posto un grande tavolo in stile industriale, realizzato da un artigiano islandese fondendo rame nelle fessure e nei nodi di ampie tavole di legno.

Per i più curiosi, la possibilità di entrare idealmente nella mente dello chef, cenando nella barber room: una sala da pranzo con soli sei posti dove è possibile degustare le pietanze preparate da Nate Green, protetti da scure pareti di cemento e rete metallica, tra lucide tubature di rame, inattesi pennelli da barbiere e punti luce decorati da disegni di tatuaggi vintage.

www.joycewang.com

rhoda.hk

SCOPRI ANCHE ALTRI RISTORANTI A HONG KONG:
Cucina scandinava a Hong Kong
Un nuovo ristorante di design a Hong Kong
Il ristorante Mott 32 a Hong Kong


di Francesco Marchesi / 20 Febbraio 2017

CORNER

Interior Decoration collection

[Interior Decoration]

Hotel o club esclusivo?

Luci soffuse e atmosfera intima da Room Mate Gerard a Barcellona

hotel

[Interior Decoration]

Design giapponese, colori del Perù

Il nuovo Nobu Dowtonwn progettato da David Rockwell

ristoranti

[Interior Decoration]

Design alle Maldive

Ospiti di Cocoon, il resort di design nel blu dell'Oceano indiano

hotel

[Interior Decoration]

La rivoluzione dell'hotellerie

Patrick Norguet firma il nuovo Okko Hotel di Parigi

hotel

[Interior Decoration]

Luxury per tutti

Il nuovo hotel di Ian Schrager a New York

Hotel

[Interior Decoration]

White Forest

La firma di Tokujin Yoshioka per un negozio di scarpe a Tokyo

negozi di design

[Interior Decoration]

Refettorio felice

Ilse Crawford firma il nuovo spazio londinese del progetto di Bottura

ristoranti

[Interior Decoration]

Lavorare di fantasia

Tokyo incontra New York in un coworking...a Madrid

coworking

[Interior Decoration]

Bellezza imperfetta

Makhno firma una casa minimalista e rustica ispirata al wabi-sabi

casa moderna

Hearst Magazines Italia

©2017 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web