ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Arredare un monolocale rivisitando la tradizione giapponese

Una casa piccola firmata dall'architetto Nariaki Chigusa nel quartiere Somedonocho diventa lo spunto per una riflessione sulla percezione dello spazio

arredare-monolocale-kyoto

Arredare un monolocale in stile minimal e contemporaneo, ma in contiguità con la tradizione giapponese: è il progetto di restyling A House in Somedonocho, un piccolo appartamento di appena 45 m² a Kyoto, curato dall'architetto Nariaki Chigusa dello studio ICADA. Un monolocale che ridefinisce il rapporto dell'uomo con lo spazio puntando su un tetto reso spiovente per ricordare le proporzioni di un guscio.

L'ambiente è unico, definito dai classici pannelli scorrevoli, illuminato da tre finestre, moltiplicato dalle luci-specchi sul tetto e riscaldato dall'uso quasi esclusivo del legno. I colori sono quelli tipici della casa giapponese, dal bianco al verde oliva al nocciola. Il soffitto è un valore aggiunto: Nariaki Chigusa lo ha progettato in modo da farne variare gradualmente l'altezza. Da un massimo di 2.63 m, quella media di una casa giapponese, a un minimo di 1.67 m, corrispondente a un angolo della tradizionale sala del tè. Un semplice accorgimento che serve a dare l'impressione che il corpo diventi man mano più grande o più piccolo.

In questa casa piccola di Kyoto, l'immancabile sala del tè, chashitsu, è un microcosmo indipendente, sollevato rispetto alla zona dining/living e completo di tutto: i tatami, la fornace ricavata nel pavimento e l'alcova. Rimanda alla tradizione giapponese anche l'ampia porta-finestra che dà sul verde, ricreando il classico rapporto fluido tra interno ed esterno e inondando la casa di luce. L'illuminazione interna, invece, è tipicamente contemporanea, definita da fonti luminose rotonde incassate nel tetto, con dimensioni che vanno dai 30 ai 150 cm. La luce, indiretta, è riflessa dagli specchi integrati: l'obiettivo è cancellare gli angoli del soffitto e dare l'idea di una casa più ampia. In perfetto stile giapponese.

icada.asia

SCOPRI ANCHE:
 Come arredare un monolocale raddoppiando lo spazio
Casa extra-small
Un micro loft di 35 mq


di Alessandra D'Angelo / 6 Dicembre 2016

CORNER

Interior Decoration collection

[Interior Decoration]

Biarritz in un fine settimana

Il meglio della città secondo il New York Times

Itinerari

[Interior Decoration]

Il nuovo classico

Uno stile evergreen al di sopra delle mode

casa classica

[Interior Decoration]

Dove dormire a Bruxelles

2 b&b e 1 hotel bellissimi dove sentirsi a casa

hotel

[Interior Decoration]

C’era una volta un convento

Vecchi soffitti e colori per un appartamento nel centro di Roma

restyling

[Interior Decoration]

Tra una cena e una porcellana

A cena in un ristorante dentro una fabbrica di ceramiche cinesi

ristoranti

[Interior Decoration]

La vie en rose!

Ispirazioni da 5 interni tutti rigorosamente rosa

pareti colorate

[Interior Decoration]

Non solo coworking

A Milano arriva Spaces e il suo interior design è geniale

coworking

[Interior Decoration]

Vado a dormire in prigione

Un carcere in Olanda è stato trasformato in un ostello

hotel

[Interior Decoration]

Il museo del gelato

A Los Angeles uno spazio per tornare bambini

musei

Hearst Magazines Italia

©2017 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web