ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Cosa si nasconde dietro le pareti di un attico super lusso a New York?

Gli interni di un doppio attico firmato da Shigeru Ban e Brad Ford costruito sopra una casa in ghisa dell’800 a Tribeca

cover SFrances_170113_6178_B_RGB
Scott Frances

Cast Iron House a Tribeca: l’iconica casa in ghisa della fine dell’800 si arricchisce di due attici disegnati da Shigeru Ban e arredati da Brad Ford

Avete mai varcato la soglia di un attico super lusso a New York? Quello che abbiamo scelto noi non è un superattico qualsiasi: si tratta del restyling della famosa casa con struttura in ghisa costruita nel 1881 da James White a Tribeca, nel cuore di Manhattan. Nel passato, centro finanziario, ora il quartiere, il cui nome è l’acronimo di Triangle Below Canal Street, ovvero il "Triangolo Sotto Canal Street" a sud di Manhattan, è diventata un’area residenziale alla moda, e ospita tra l’altro questo edificio, uno dei più noti di New York, con uno stile architettonico immediatamente identificabile con il design del XIX secolo grazie ad una facciata neoclassica distribuita su sei piani. È su questa realtà che nel 2014, è intervenuto l'architetto giapponese Shigeru Ban decidendo di volta in volta di conservare o restaurare i dettagli storici, oppure modernizzando altre aree ma soprattutto aggiungendo due attici in vetro e acciaio che offrono ora una delle migliori vedute su New York.

Per fare ciò l’architetto ha deciso di staccarsi completamente dallo stile dell’edificio per creare due attici con una loro personalità. Per accentuare questa sua originaria visione ha affidato gli interni a Brad Ford. Il famoso designer è stato capace di sfruttare le pareti telescopiche delle abitazioni per ricavarne un senso arioso e luminoso dell’abitare. L’interior designer ha fatto sua l’idea modernista e minimalista dell’architetto giapponese, aggiungendo però la sua passione per l’alta artigianalità degli arredi e il suo senso di equilibrio fra design, arte e architettura, elementi che qui giocano insieme con un obiettivo comune.

Il punto d’accordo tra architetto e designer è stato sicuramente l’interesse di entrambi per i dettagli fatti a mano e di alta qualità che hanno anche la funzione di creare un rapporto empatico tra la casa stessa e i suoi occupanti. Queste caratteristiche diventano anche lo strumento per dialogare con la storia dell’edificio stesso e per raggiungere un’unità concettuale ed emotiva nell’intero progetto. Materiali caldi come il legno e forme organiche come alcuni elementi di arredo, creano un dialogo con la rigorosa struttura edilizia e con la forte luminosità e rendono la casa estremamente vivibile. Il nucleo centrale dell’attico con vista è sicuramente lo spazio a doppia altezza all’angolo tra Franklin Street e Broadway: qui, dove la luce invade gli interni, grazie a una doppia serie di finestre sovrapposte - quelle originali e quelle aggiunte dal progetto di Shigeru Ban - Ford ha dovuto fare i conti con un’altezza considerevole che lascia il suo forte imprinting sugli interni.

Sotto al grande lampadario-scultura nero, ha scelto mobili di diverse caratteristiche ma accomunati da una ristretta palette cromatica di toni morbidi e da forme minimaliste dal gusto vintage. I pavimenti di legno chiaro corrono per tutto il piano lasciato aperto che si trasforma in living e dining senza soluzione di continuità. Il lungo tavolo di legno scuro è affiancato da sei poltroncine di stoffa grigia mentre l’open kitchen è un monoblocco total white. Allo stesso livello c’è anche posto per uno studio con angolo relax mentre le camere da letto sono raggiungibili al piano superiore grazie ad una scala di legno chiaro incassata tra due pareti bianche.

Per la zona notte si continua ad optare per delle tinte tenui e per degli arredi di linee organiche ma rigorose e una versione contemporanea di letto a baldacchino. Per gli interni oltre al design non dobbiamo dimenticare gli interventi di arte moderna distribuite con nonchalance nei vani dell’attico: tele alle pareti ma anche sculture tridimensionali.

www.bradfordid.com

www.shigerubanarchitects.com

SCOPRI ANCHE:
Un attico moderno posato sopra un edificio storico
L'attico di Zaha Hadid a New York in vendita
A New York un loft moderno che gioca con il colore


di Paola Testoni / 27 Luglio 2017

CORNER

Interior Decoration collection

[Interior Decoration]

Come svecchiare una terraced house

Il restyling contemporaneo di una tipica casa inglese

restyling

[Interior Decoration]

Back to the 70s

A Londra un ristorante ricrea la New York dello studio 54

ristoranti

[Interior Decoration]

Perfetta ma non troppo

Ecco la dimora ideale per una giovane famiglia

restyling

[Interior Decoration]

Molto più di un ostello

Una location di design sospesa nel tempo ad Austin

ostelli

[Interior Decoration]

New American Interiors

3 case mozzafiato tra San Francisco a New York

Casa moderna

[Interior Decoration]

Il calore del legno

Pavimenti in legno: dai grandi classici agli ultimi trend

pavimenti e rivestimenti di design

[Interior Decoration]

Ristrutturazione vetro e legno

Una vecchia piccola casa torna a splendere

Restyling

[Interior Decoration]

Casa green sulla spiaggia

Già negli anni ’70 William Morgan progettava la sua dimora secondo i nuovi canoni di sostenibilità

[Interior Decoration]

Office in the sky

Gli uffici di Memocorp a Sydney sembrano un attico di lusso

uffici di design

Hearst Magazines Italia

©2017 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web