ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Caffè e spa, l'ecosistema green più belli di Hanoi

Un piccolo ecosistema in un locale: vi raccontiamo il Koi Cafè & Spa, unico nel suo genere, dove protagonista è una natura armonica sposata a un progetto “verde”

bar-ad-hanoi-vietnam-koi-cafe-spa

Farming Studio, con sede sia a Brescia che in Vietnam, ha ultimato il Koi Cafè & Spa, ad Hanoi, caratterizzato da una progettazione ispirata all’agricoltura urbana tramite l’impiego di un sistema acquaponico. Grazie a quest’ultimo è stato sviluppato un vero e proprio ecosistema. Nella struttura infatti convivono pesci, acquari, e coltivazioni, rendendo omaggio oltretutto a una vecchia leggenda vietnamita, che vede protagonista proprio il pesce koi, la nostra carpa, la quale, nella cultura orientale, simboleggia perseveranza e tenacia. 

Leggi anche → I colori del Vietnam fotografati dall'alto

Si tratta di un capolavoro di creatività e ingegno da parte di Farming Studio e l’effetto “wow” è assicurato. Ma in cosa consiste questo ecosistema? Partiamo dalla impattante cascata, la quale dapprima incontra una vasca intermedia per poi precipitare in un laghetto popolato dalle carpe che spiccano per le loro nuance rosse e bianche. Osservando il tutto, l’impatto visivo ed emotivo è notevole. Al centro del progetto, la coltivazione acquaponica, ossia l’acquacoltura e la coltivazione fuorisuolo idroponica (che fa uso, al posto del terriccio, di argilla espansa, lana di roccia e fibra di cocco) operano in perfetta simbiosi.

Da manuale “green” il funzionamento dell’impianto: l’acqua dell’acquario viene pompata e veicolata dove prospera la vegetazione. Le deiezioni delle carpe fungono da naturale fertilizzante per il mantenimento delle piante, le quali, assimilando gli scarti, purificano l’acqua. Quest’ultima, assumendo la forma di cascata, si rigetta nel laghetto, completando il ciclo biologico. I pesci non sono un mero ornamento, ma l’anima di un percorso eco, asieme alla coltivazione fuori terra, che elimina l’impiego di antiparassitari e diserbanti, riducendo l’inquinamento. 

Il verde del Koi Cafè è piacevolmente spezzato dal viola del glicine, mentre nel punto più alto dell’edificio, spiccano i pannelli solari per produrre energia. E che dire del chilometro zero? Il locale infatti serve soltanto gli ortaggi coltivati nella struttura, in nome di un regime dietetico salutista e della consumazione di alimenti freschi legati alle stagioni.  Infine, eco sostenibilità anche nella selezione dei materiali. Farming Studio ha optato per il legno ottenuto da pallet riciclati per gli arredi e per il soffitto, armonizzando tutte le aree del bar con il verde, con l’acqua, con un’idea generica di pace e di benessere. La facciata esterna è traforata e, come la parete di fondo, è stata edificata usando elementi curvilinei in laterizio, disposti in modo da apparire delle sorte di squame, richiamando il tema centrale delle carpe. Anche in questo caso Farming Studio ripropone un progetto di architettura che esalta il rapporto con la natura, da sempre punto di forza del suo operato. 


di Elena Marzorati / 26 Dicembre 2017

CORNER

Interior Decoration collection

[Interior Decoration]

Ufficio biofilico

l'ultimo progetto di SelgasCano per la community di SecondHome

uffici di design

[Interior Decoration]

La tradizione bolle in pentola

Bouillon Pigalle, il nuovo ristorante di cui parla tutta Parigi

Travel

[Interior Decoration]

Anno nuovo, hotel nuovo

Le migliori aperture del 2018 da tutto il mondo

Travel

[Interior Decoration]

Total Fusion

Un bistrot milanese tra Oriente e Occidente, all’insegna del melting pot

Travel

[Interior Decoration]

Il legno vince, sempre

Posato alla francese, il parquet è ancora il pavimento più bello

Lifestyle

[Interior Decoration]

Spa per la beat generation

AvroKo a Calistoga riecheggia i miti della generazione Jack Kerouac

Travel

[Interior Decoration]

A cena nei Caruggi

Sulle orme di Alessandro Borghese nei 4 ristoranti migliori di Genova

Travel

[Interior Decoration]

Chiesa con cucina

Duddell’s Hong Kong apre il suo gemello londinese in un'antica chiesa

Travel

[Interior Decoration]

Navigare nel lusso

Una locanda giapponese attraversa il Seto Inland Sea

Travel

Hearst Magazines Italia

©2017 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web