ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

La Canottieri Olona riapre i battenti con un nuova veste firmata dallo studio L22

Più di 100 anni di storia tra canottaggio e sport in riva al Naviglio Grande alle porte della metropoli meneghina

Rinasce a Milano la sede della Canottieri Olona 1894, tra nobili echi della mitica Boat Race tra Oxford e Cambridge, atmosfere ispirate ai salotti british, fascino antico dei Navigli meneghini e moderne soluzioni architettoniche. Il progetto, che punta tutto sul rapporto con la città, è un restyling puntiglioso firmato dai creativi dello studio L22.

Per disegnare il nuovo volto di questa storica oasi di benessere affacciata sul Naviglio Grande (nella shighera milanese - nebbia), i progettisti hanno riplasmato gli oltre 4000 mq della struttura cercando di valorizzare la relazione e la continuità tra interno ed esterno, aprendo gli spazi di un tipico edificio razionalista italiano anni ’70 distribuito su tre livelli.

Le geometrie strutturali della costruzione sono state così trasformate in inattese trame decorative in grado di dare forma a nuove connessioni. Dietro alla facciata, della storica Canottieri Milano ripensata attraverso l’uso della lamiera stirata, molte delle pareti divisorie sono state rimosse, le scale sono diventate un importante punto di riferimento architettonico e gli spazi sono stati ridistribuiti.

La palestra è stata spostata dal seminterrato al primo piano, in modo tale da rendere più piacevoli le attività sportive grazie a grandi vetrate che garantiscono luce naturale e una vista diretta sulle acque del Naviglio. Il centro nevralgico dell’edificio è stato trasferito al piano ammezzato, diventato un vero e proprio snodo tra i diversi livelli e le differenti funzioni della struttura. Qui trovano spazio la reception, gli uffici, la sala convegni e l’ingresso alla piscina.

A impreziosire ulteriormente la struttura, la club house, una vera lounge con pareti a vetro rivolte verso le acque del Naviglio, dove rilassarsi su comode poltrone vintage, e il nuovo ristorante con bar The Rowing Club, immerso nel verde e decorato da arredi custom in legno di rovere e da vecchie canoe appese al soffitto come inaspettate installazioni artistiche.

www.l22.it


di Francesco Marchesi / 16 Gennaio 2017

CORNER

Interior Decoration collection

[Interior Decoration]

Hotel o club esclusivo?

Luci soffuse e atmosfera intima da Room Mate Gerard a Barcellona

hotel

[Interior Decoration]

Design giapponese, colori del Perù

Il nuovo Nobu Dowtonwn progettato da David Rockwell

ristoranti

[Interior Decoration]

Design alle Maldive

Ospiti di Cocoon, il resort di design nel blu dell'Oceano indiano

hotel

[Interior Decoration]

La rivoluzione dell'hotellerie

Patrick Norguet firma il nuovo Okko Hotel di Parigi

hotel

[Interior Decoration]

Luxury per tutti

Il nuovo hotel di Ian Schrager a New York

Hotel

[Interior Decoration]

White Forest

La firma di Tokujin Yoshioka per un negozio di scarpe a Tokyo

negozi di design

[Interior Decoration]

Refettorio felice

Ilse Crawford firma il nuovo spazio londinese del progetto di Bottura

ristoranti

[Interior Decoration]

Lavorare di fantasia

Tokyo incontra New York in un coworking...a Madrid

coworking

[Interior Decoration]

Bellezza imperfetta

Makhno firma una casa minimalista e rustica ispirata al wabi-sabi

casa moderna

Hearst Magazines Italia

©2017 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web