ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Un concept store di design a Buenos Aires in una villa storica

Nel quartiere di Palermo Chico Casa Cavia, ideato da Guadalupe Garcia Mosqueda, è un indirizzo per pranzare, fare shopping e partecipare a incontri culturali

Palermo Chico è una delle zone più interessanti di Buenos Aires, con i suoi alberghi di charme, gallerie di design e bistrot famosi. L’ultimo locale appena aperto si chiama Casa Cavia, un concept store che ospita un ristorante, una pasticceria, un fiorista, oltre a una profumeria e una piccola casa editrice.

Inaugurato dalla sua ideatrice Guadalupe Garcia Mosqueda, è stato ricavato in quella che una volta era la villa Bollini Roca. Progettata nel 1920 dall’architetto spagnolo ma di origine norvegese Alejandro Christophersen, si sviluppava su due piani, con un ampio patio interno. I lavori di ristrutturazione curati dallo studio KallosTurin hanno mantenuto la struttura originale, mettendone in risalto gli elementi di pregio: i pavimenti in legno a lisca di pesce, gli ottoni del portone d’ingresso e della ringhiera della scala padronale. A questi sono stati aggiunti nuovi dettagli ed elementi decorativi.

Nel ristorante La Cocina gestito dallo chef Pablo Massey, accanto alle sedute in tessuto verde abbinate a tavoli con il piano in marmo, si trovano grandi specchi fumè e applique in ottone brunito. Interni sobri e tinte chiare sono stati scelti per le stanze dedicate alla piccola casa editrice, dove eleganti teche di vetro e ottone espongono le ultime pubblicazioni, insieme ai grandi classici della letteratura latino americana. Il tutto ravvivato da una nota decorativa inusuale: alcuni libri infatti pendono direttamente dal soffitto.

Il patio invece è rimasto come il progetto originale, con le piante, una fontana e tavolini per pranzare. Vi è stata aggiunta solo una tettoia in vetro. «Ho concepito Casa Cavia», racconta la proprietaria, «come un ambiente culturale dinamico, per promuovere un dialogo continuo tra architettura, gastronomia, design e letteratura». E a giudicare dal successo che sta già riscuotendo si può affermare che l’idea sia stata vincente.

www.casacavia.com
www.kallosturin.com

SCOPRI LE NOSTRE TOP 10:
10 negozi di tendenza da seguire su Instagram


di Maria Chiara Antonini / 3 Giugno 2016

CORNER

Interior Decoration collection

[Interior Decoration]

Hotel o club esclusivo?

Luci soffuse e atmosfera intima da Room Mate Gerard a Barcellona

hotel

[Interior Decoration]

Design giapponese, colori del Perù

Il nuovo Nobu Dowtonwn progettato da David Rockwell

ristoranti

[Interior Decoration]

Design alle Maldive

Ospiti di Cocoon, il resort di design nel blu dell'Oceano indiano

hotel

[Interior Decoration]

La rivoluzione dell'hotellerie

Patrick Norguet firma il nuovo Okko Hotel di Parigi

hotel

[Interior Decoration]

Luxury per tutti

Il nuovo hotel di Ian Schrager a New York

Hotel

[Interior Decoration]

White Forest

La firma di Tokujin Yoshioka per un negozio di scarpe a Tokyo

negozi di design

[Interior Decoration]

Refettorio felice

Ilse Crawford firma il nuovo spazio londinese del progetto di Bottura

ristoranti

[Interior Decoration]

Lavorare di fantasia

Tokyo incontra New York in un coworking...a Madrid

coworking

[Interior Decoration]

Bellezza imperfetta

Makhno firma una casa minimalista e rustica ispirata al wabi-sabi

casa moderna

Hearst Magazines Italia

©2017 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web