ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

In Slovenia una casa country ma non troppo

La Chimney House firmata Dekleva Gregorič Architects dimostra come dalla tradizione può nascere il nuovo

Dietro un’apparenza di casa country tradizionale, la Chimney House che sorge a Logatec in Slovenia è estremamente innovativa e reinterpreta con un linguaggio moderno la tipologia della casa rurale. I progettisti Aljoša Dekleva e Tina Gregorič, fondatori dello studio Dekleva Gregorič Architects di Lubiana, per dare vita all’abitazione sono partiti dall’analisi del contesto, caratterizzato dalla vocazione agricola e popolato di fienili e semplici case unifamiliari con il classico tetto a due spioventi.

Pur rispettando formalmente i parametri volumetrici e i materiali del costruito preesistente, il design della casa si basa su significative trasformazioni che la rendono contemporanea e intrigante. Fulcro del progetto, il camino. Posizionato centralmente all’interno dell’ambiente cucina, assolve anche la funzione di stufa e determina l’articolazione degli spazi di pranzo - soggiorno diventando l’elemento principale della casa.

È la sua forma elementare e archetipica che definisce la sezione della Chimney House, segnando la metamorfosi del camino da apparato tecnico a vero e proprio tema di progetto. L’intero volume della casa deriva dalla sagoma di questo grande focolare che, come nella tradizione vernacolare slovena, è fonte di calore e luce.

Il colmo del tetto viene completamente eliminato in favore di un grande lucernario lineare che si estende per tutta la lunghezza della costruzione per fornire una suggestiva illuminazione dall’alto agli ambienti. L’involucro dell’edificio è rivestito con assi di larice oliato che lo rendono perfettamente affine ai fabbricati adiacenti tra cui spicca una chiesa in legno del 16 secolo.

Per l’interno, caldo e accogliente nella sua semplicità country, è stato scelta l’essenza di rovere, utilizzata per tutte le superfici che possono essere raggiunte e toccate dalla coppia che abita la casa, mentre è lasciata a vista la struttura del tetto in cemento armato che mostra intenzionalmente l'impronta della cassaforma di legno della gettata: ancora una volta, un modo per coniugare la tradizione con il nuovo.


di Laura Pastorino / 14 Aprile 2017

CORNER

Interior Decoration collection

[Interior Decoration]

Hotel o club esclusivo?

Luci soffuse e atmosfera intima da Room Mate Gerard a Barcellona

hotel

[Interior Decoration]

Design giapponese, colori del Perù

Il nuovo Nobu Dowtonwn progettato da David Rockwell

ristoranti

[Interior Decoration]

Design alle Maldive

Ospiti di Cocoon, il resort di design nel blu dell'Oceano indiano

hotel

[Interior Decoration]

La rivoluzione dell'hotellerie

Patrick Norguet firma il nuovo Okko Hotel di Parigi

hotel

[Interior Decoration]

Luxury per tutti

Il nuovo hotel di Ian Schrager a New York

Hotel

[Interior Decoration]

White Forest

La firma di Tokujin Yoshioka per un negozio di scarpe a Tokyo

negozi di design

[Interior Decoration]

Refettorio felice

Ilse Crawford firma il nuovo spazio londinese del progetto di Bottura

ristoranti

[Interior Decoration]

Lavorare di fantasia

Tokyo incontra New York in un coworking...a Madrid

coworking

[Interior Decoration]

Bellezza imperfetta

Makhno firma una casa minimalista e rustica ispirata al wabi-sabi

casa moderna

Hearst Magazines Italia

©2017 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web