ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Milano diventa capitale mondiale della cultura nipponica con l'apertura della casa del sake Sakeya

Un bistrot interamente dedicato alla bevanda più nota nel Paese del Sol Levante

casa-del-sake-milano-sakeya-muro-di-sake-01

La casa del sake Sakeya aperta vicino corso Genova a Milano

Pensavate fosse possibile immagginare una casa dedicata solo al sake? Lo è. Dove? Ma a Milano, naturalmente. La metropoli meneghina è senza dubbio la città italiana da cui si è diffusa, dalla fine degli anni Novanta, la nippomania gastronomica e, la casa del sake Sakeya, il capoluogo lombardo si aggiudica ancora una volta il primato in fatto di nuovi trend provenienti dal Giappone.

La casa del sake ha aperto lo scorso 14 dicembre 2016 a pochi passi da corso Genova: progetto unico nel suo genere, è insieme uno store, un bistrot e un cocktail bar dove le tradizioni legate alla bevanda più nota del Paese del Sol Levante si uniscono ai sapori e alle fascinazioni della sua cultura.

L’interior design, spiega l’art director Flavio Angiolillo, «è un casino organizzato: la mission era trovare un’identità a Sakeya per renderla diversa rispetto ai locali di Milano, così ho pensato di ricreare un Giappone vintage». Per farlo, ha utilizzato una serie di elementi ed escamotage d’arredo che rendono questa house un unicum: il bancone, interamente in legno, è controbilanciato e alleggerito nella sua importanza materica da una parete di specchi. Se per un attimo lo spazio sembra dilatarsi, ecco una piccola stanza per due innamorati.

Nella zona bistrot, la protagonista è la bevanda alcolica. A dominare la scena è un muro di 10 metri riempito di sake illuminati che creano l’ambient perfetto per dedicarsi alla lettura del menù. Un arredo che funziona come una piccola opera d’arte grafica, oltre che un come invito alla scoperta della vera cucina giapponese, dove al sushi è dedicata solo una pagina e, tra le pietanze - piatti in crosta, affumicati, grigliati e scottati si alternano ai sapori delicati delle cotture al vapore - è possibile assaporare la vera anima gourmet delle diverse province giapponesi.
Vera perla del locale, la carta dei sake, dai classici agli spumantizzati e invecchiati, ricchi di note, profumi e gusti. A raccontarli, in prima persona, i produttori e i membri dello staff, composto esclusivamente da Sake Sommelier.

Nata da un’idea di Lorenzo Ferraboschi e Maiko Takashima, fondatori di Sake Company - principale distributore italiano di etichette d’alta gamma e della Sake Sommelier Association -, questa prima casa è un progetto che gode del patrocinio diretto delle prefetture giapponesi, interessate a promuovere all’estero il proprio territorio e le propie tradizioni.

http://www.sakeya.it/


di Manuele Menconi / 11 Gennaio 2017

CORNER

Interior Decoration collection

[Interior Decoration]

Un attico baciato dal sole

A Palermo minimalismo ed ergonomicità su due livelli

restyling

[Interior Decoration]

Location! Location! Location!

Roma e i nuovi progetti per l’abitare contemporaneo

interviste

[Interior Decoration]

Polvere di stelle

Femminilità a colori: il pop up store di Paula Cademartori

negozi di design

[Interior Decoration]

Mix balinese

Un boutique hotel a Bali tra arte, natura, design e vintage

hotel

[Interior Decoration]

Cafè No. 19, vintage alla greca

Un nuovo locale ispirato alle vecchie gastronomie greche di Melbourne

ristoranti

[Interior Decoration]

New style new life

Questa volta Dmail reinventa se stessa

negozi di design

[Interior Decoration]

Londra ha un cuore sardo

Il ristorante Olivo racconta tra menù e design la bellezza di un'isola

ristoranti

[Interior Decoration]

Tempi di vendemmia

In Catalogna il minimalismo contagia anche le cantine

food e design

[Interior Decoration]

I pastelli di Odette

A Singapore un ristorante francese punta tutto sui colori soft

ristoranti

Hearst Magazines Italia

©2017 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web