ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

La casa inglese trasformata con il collage per far sentire tutti a proprio agio

A sud di Londra Liddicoat & Goldhill trasforma un'abitazione degli anni 30 in uno spazio vivibile e informale per 4 persone

Convivere serenamente sotto lo stesso tetto è una questione di armonia, non soltanto per quanto riguarda i rapporti umani. Lo hanno tenuto ben presente gli architetti Liddicoat & Goldhill, studio londinese pluripremiato tra i finalisti del BD Architect of the Year Awards 2017, nel progetto di espansione e ristrutturazione di una casa inglese del 1930 nel quartiere di Balham a sud di Londra. L’obiettivo era migliorare l’ambiente domestico di una coppia con due figli piccoli, combinando gusti ed esigenze in un contesto vivibile e informale, in cui tutti i membri della famiglia potessero sentirsi liberi e a proprio agio.

La soluzione non era scontata: una metà della coppia era cresciuta in Belgio, circondata da arte del ventesimo secolo in una casa modernista, l’altra metà proveniva dalle montagne svizzere. Inoltre la sfida prevedeva il re-inserimento di mobili e oggetti di proprietà, accostandoli a nuovi acquisti e pezzi su misura.
Mentre a livello architettonico lo studio ha optato per modifiche strutturali che conferissero un maggior senso di apertura a uno spazio angusto (tipico delle case inglesi), dal punto di vista estetico è stata deliberatamente seguita la logica del collage. Un ricco mix di colori e texture fortemente contrastanti ha permesso la creazione di uno spazio caldo, tattile, accogliente dove ogni linea rimarca una scelta di stile ma anche una precisa volontà funzionale. Nella cucina in muratura, i candidi mattoni grezzi incontrano il vetro nero, l’acciaio inox e il legno solcato da evidenti venature.

Nel gioco delle pareti che separano gli ambienti, senza spezzare la luce proveniente dalle vetrate e finestre, sono accuratamente piazzati gli arredi contemporanei e vari pezzi di fattura danese della metà del Novecento. I pavimenti di cemento riflettono le ombre e si interrompono nel corridoio del piano terra per fare spazio alla sorpresa della scala. È questa la modifica più invasiva del progetto, l’elemento drammatico che dona carattere a tutta la casa. Nonostante l’effetto scenico, tuttavia, la scala è perfettamente funzionale - con cassettiera salvaspazio - e conduce ai piani superiori dove si aprono l’elegante camera padronale e le camere dei bambini a livello del tetto. Un esempio della “poetica delle cose pratiche” che sta alla base dell’ispirazione dello studio.

www.liddicoatgoldhill.com


di Laura Ghisellini / 19 Giugno 2017
tags:

restyling , Londra

CORNER

Interior Decoration collection

[Interior Decoration]

Caffè sì, tavoli no

Un coffee bar senza tavolini – ma con co-working – a Pechino

Uffici di design

[Interior Decoration]

Desideri in cucina

Casamenu, la piattaforma con tutti gli ingredienti della cucina

cucine di design

[Interior Decoration]

L'hotel nella fabbrica di ceramica

Antico e moderno per un'allure senza pari nel centro di Maastricht

Hotel di design

[Interior Decoration]

Quattro amici al bar

Fiori, design e cucina da scoprire dietro un portone milanese

Lifestyle

[Interior Decoration]

Barocco con Twist

Con Gwenael Nicolas nella nuova boutique Dolce&Gabbana

negozi di design

[Interior Decoration]

Il design arabo e l'Europa

Il nuovo ristorante Shababeek a Dubai, firmato Pallavi Dean

ristoranti di design

[Interior Decoration]

Lusso ad Hong Kong

Alla scoperta dei nuovi interni del The Fleming Hotel di Hong Kong

Hotel

[Interior Decoration]

Le camere delle Meraviglie

4 installazioni di cristallo firmate da 4 artisti per Swarovski

Installazioni

[Interior Decoration]

Una birra a Milano

Dwa reinterpreta il bar italiano degli anni '30 per Birrificio Italiano

lounge bar

Hearst Magazines Italia

©2017 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web