ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Stile minimal per la casa di John Pawson nella campagna inglese

Coniugando design giapponese e architettura dei monaci benedettini l'architetto inglese firma per Living Architecture un rifugio alle pendici di una valle gallese

John Pawson è stato incaricato da Living Architecture (leggi anche → 5 siti per affittare case di design) di progettare Ty Bywyd (in inglese “Life House”), una casa in stile minimal in di 260 metri quadrati alle pendici di una piccola valle gallese.

Il progetto della casa vacanze – pensata per ospitare fino a sei persone– si basa sul concetto di rifugio, un luogo dove dedicarsi con serenità alla contemplazione.

Risultato di cinque anni di lavoro, Life House è una casa semplice ma di lusso nata dalla collaborazione di John Pawson con il filosofo Alain de Botton, direttore creativo di Living Architecture, e profondamente influenzata dal design giapponese e dall'architettura dei monaci benedettini.

Due spazi per la meditazione – una sorta di caverna vuota sepolta nel fianco della collina e uno spazio esterno da cui contemplare le montagne gallesi – accompagnano il generoso living, la biblioteca, la sala da musica, le camere da letto e gli spazi comuni, pensati per consentire sia la completa privacy sia – quando lo si desidera – la socialità.

Per completare l'esperienza, la casa è circondata dalle passeggiate curate dall'artista Hamish Fulton, con punti per fare esercizio fisico.

Le pareti sono costruite con oltre 80.000 mattoni danesi fatti a mano. La combinazione di toni chiari e scuri dei laterizi, del cemento chiaro lucido e del legno Douglas usato per soffitti, porte e arredi, dà forma a un'atmosfera di quiete e riflessione, un'oasi per fuggire alla vita frenetica contemporanea.

“Con Life House abbiamo voluto ripensare il monastero laico contemporaneo, che ci riportasse ai primi anni del buddismo in Oriente e della filosofia stoica in Occidente. In entrambi i casi, la caotica città offriva alcune opportunità mentre, allo stesso tempo, ne precludeva altre. Fondamentalmente il rischio è che ci si dimentichi del tempo per noi stessi e per le nostre menti, che hanno bisogno di momenti di quiete per inquadrare le cose dalla giusta prospettiva” racconta Alain De Botton.

Aggiunge Pawson “La posizione meravigliosamente remota mi ha permesso creare un santuario in cui le persone si sentono a casa ma mai isolate dal carattere elementare del paesaggio circostante.”

www.johnpawson.com

SCOPRI ANCHE:
 → Intervista a John Pawson
 → La Fondazione Bisazza di John Pawson


di Carlotta Marelli / 11 Maggio 2016

CORNER

Interior Decoration collection

[Interior Decoration]

Una casa da collezione

A San Paolo l'architettura scompare per far posto all'arte

restyling

[Interior Decoration]

Palm Springs here we come!

Quattro hotel per tutti i gusti a un passo dal deserto della California

hotel

[Interior Decoration]

A Hong Kong come a NY

Ovolo Southside è il primo magazzino convertito in luxury hotel

hotel

[Interior Decoration]

Miyake finalmente a Milano

Uno store italiano per il brand del designer giapponese

Negozi di design

[Interior Decoration]

Tea store in versione manga

Un microbar in Cina dove si servono solo fashionable drink

lounge bar

[Interior Decoration]

Vado a vivere in garage

Tanta luce naturale in una vecchia autorimessa nei suburbs di Londra

restyling

[Interior Decoration]

Vivere a 180 m di altezza

Una casa di lusso nel quartiere cool di Southbank a Melbourne

Casa moderna

[Interior Decoration]

Salone di bellezza art decò

A Roma, un indirizzo speciale per coccolare corpo e anima con stile

Negozi di design

[Interior Decoration]

Tempo di mare

5 beach bar per chi sogna già le infradito, ma non solo

ristoranti

Hearst Magazines Italia

©2017 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web