ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Case piccole da sogno per vacanze di design nella natura

Piccoli rifugi di design, tende indiane, yurte e nuovi concept firmati dalle archistar in Europa

Case piccole e belle per vacanze e week end a contatto con la natura scegliendo soluzioni insolite in giro per l’Europa. Non solo tende indiane e yurte della tradizione nomade, ma anche strutture di nuovo concept e piccole dimore, firmate dalle archistar.

Viaggiare è il più personale dei piaceri, affermava Vita (Sackville-West) che, per raggiungere nel 1926 il marito diplomatico britannico a Teheran seguì un, a dir poco, periglioso percorso con nottate sotto le stelle o in temporary retreat vagamente primitivi. Spirito libero per antonomasia, apprezzerebbe oggi le originali alternative Made in Europe ai resort a cinque stelle, amati e odiati dal viaggiatore esteta, allergico alla folla e ai riti collettivi.

Un soggetto difficile, che ama il remoto, ovunque e comunque, da solo, in coppia o con pochi selezionatissimi amici, ma non riesce (ahilui) a rinunciare al giusto comfort. Un viaggiatore esigente, che ha già sperimentato anche l’ultimo nato dei design hotel sperduto nel deserto, che non può non apprezzare Ecopod mimetizzati tra le betulle della costa più selvaggia della Scozia occidentale, tende minimaliste con vista sulla Sierra andalusa (ma doccia en suite) o i Carrés d’etoiles con grande occhio sul cielo stellato della Francia, cuscini di piume e TV flat screen. E, naturalmente, l’emozione di una notte firmata Peter Zumthor, non alle terme di Vals ma sulla spiaggia del Devon che promette “lo stesso senso di serenità e di benessere di un antico monastero o di una abbazia”.

Tutte le versioni XXI secolo del cottage tutto-legno-e-cintz di tradizione britannica sono progettate da altrettante archistar internazionali e appartengono all’iniziativa di Living Architecture, promossa da Alain de Botton, l’illuminato autore di molti bestseller, da The Architecture of Happiness a The Art of Travel sino a A Week at the Airport. “Abbiamo impegnato un gruppo di architetti di altissimo livello in progetti che normalmente non farebbero” – sottolinea de Botton - “Forse sono gli edifici più piccoli e più economici che abbiano mai fatto. Un invito anche per il viaggiatore a sperimentare in prima persona l’architettura contemporanea, vivendola negli atti quotidiani dell’abitare (mangiare e dormire). Non solo quindi da spettatore, nei rapidi passaggi dentro una stazione, un museo, un aeroporto o un hotel”.

Tutte le soluzioni sono chiavi in mano, in location che privilegiano un contatto ravvicinato con la natura e il luogo, arredati con pezzi di design, biancheria impeccabile e elettrodomestici Miele di ultima generazione e il vuoto attorno. O sotto, come nel caso della Balancing Barn che sembra oscillare pericolosamente in cima a una collina del Suffolk come il pullman della famosa scena di The Italian Job. Per vacanze (o week end) suspence firmate dallo studio olandese MVRDV.

SCOPRI ANCHE:
→ 5 siti per affittare una casa di design
10 appartamenti di design su Airbnb


di Laura Maggi / 20 Giugno 2011
tags:

Casa vacanze , hotel , b&b

CORNER

Interior Decoration collection

[Interior Decoration]

Un attico baciato dal sole

A Palermo minimalismo ed ergonomicità su due livelli

restyling

[Interior Decoration]

Location! Location! Location!

Roma e i nuovi progetti per l’abitare contemporaneo

interviste

[Interior Decoration]

Polvere di stelle

Femminilità a colori: il pop up store di Paula Cademartori

negozi di design

[Interior Decoration]

Mix balinese

Un boutique hotel a Bali tra arte, natura, design e vintage

hotel

[Interior Decoration]

Cafè No. 19, vintage alla greca

Un nuovo locale ispirato alle vecchie gastronomie greche di Melbourne

ristoranti

[Interior Decoration]

New style new life

Questa volta Dmail reinventa se stessa

negozi di design

[Interior Decoration]

Londra ha un cuore sardo

Il ristorante Olivo racconta tra menù e design la bellezza di un'isola

ristoranti

[Interior Decoration]

Tempi di vendemmia

In Catalogna il minimalismo contagia anche le cantine

food e design

[Interior Decoration]

I pastelli di Odette

A Singapore un ristorante francese punta tutto sui colori soft

ristoranti

Hearst Magazines Italia

©2017 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web