ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Il wellness club per il pisolino è la nuova mania della città che non dorme mai

Lo stigma del dormire in ufficio ha le ore contate, e se gli spazi di lavoro non si adattano arrivano i centri benessere con i nap pods

centri-benessere-dormire-in-pausa-pranzo-new-work
Getty Images

Nap York “ricarica le persone che alimentano il mondo. Fatto orgogliosamente nella città che non dorme mai.” Stiamo parlando di un’azienda che si definisce un “welleness club” aperta da febbraio 2018 a Midtown Manhattan.

Un luogo dove le persone pagano per riposare o dormire in pausa pranzo, espressione di un cambiamento culturale che trova nel pisolino in ufficio un modo molto più efficiente di ricaricarsi rispetto a un caffè doppio.

Se negli uffici di Google a New York i nap pods per dormire in ufficio sono sparsi ovunque, la maggior parte dei luoghi di lavoro deve ancora incorporare le aree sonno nelle proprie planimetrie.

Leggi anche: Arredo ufficio a prova di siesta nel posto di lavoro più rilassante di New York

Un post condiviso da Nap York® (@napyork) in data:

  \

Tra le opzioni per riempire questo vuoto di spazi per il riposino in ufficio la più nuova è appunto Nap York, disponibile per coloro che sono disposti a pagare per dormire: circa 10 dollari per mezz’ora. 

Ma non è l’unica: una delle possibili alternative alla pennichella in ufficio è Yelo Spa, a Midtown East, dove i napper pagano un dollaro al minuto.

Al 12esimo piano di un edificio circondato da negozi come Louis Vuitton e Saint Laurent, Yelo Spa offre un'esperienza particolarmente rilassante, dove a un’estetica audace di pareti magenta e arancio e mobili ton sui ton si giustappone un menu di trattamenti viso e massaggi pre-pisolino a disposizione dei clienti. 

  \
  \

Gli avventori possono prenotare la propria “cabina”, una stanza pensata appositamente per dormire, oppure fare un sonnellino in una qualsiasi delle stanze per i trattamenti, scegliere la propria colonna sonora e selezionare un'aromaterapia. Ogni stanza è dotata di un letto a gravità zero regolabile in modo da ridurre al minimo la pressione sul corpo. 

A Nap York, un edificio di quattro piani a sud di Times Square, un blocco di sette pod (a cui ne verranno presto aggiunti altri 23) al secondo piano assomiglia a uno spazio pisolino futuristico, con materassi rivestiti in pelle vegana e cuscini airweave. 

Un post condiviso da Nap York® (@napyork) in data:

  \

Al primo piano, i clienti possono utilizzare un iPad per ordinare estratti di barbabietola, insalate e panini, che arrivano su un nastro trasportatore che corre lungo una parete verde.

Il terzo piano offre sedute a forma di luna o di uovo e uno spazio per le lezioni di yoga, mentre al quarto piano ci sono scrivanie con sedie che si abbassano completamente per coloro che vogliono lavorare e riposare.

Leggi anche: Foster + Partners ha inventato la poltrona per isolarsi nei luoghi pubblici

Un post condiviso da Nap York® (@napyork) in data:

  \

Piuttosto che creare esclusivamente uno spazio per dormire, i fondatori di Nap York volevano fornire un’oasi di pace nel mezzo della frenetica Midtown, uno spazio tranquillo per concentrarsi, con nap pod dotati di luci da lettura per coloro che desiderano rilassarsi senza dormire.

Il tutto in un ambiente pieno di eleganti mobili neri, luci soffuse e oltre 250 piante vive che contribuiscono a creare un’atmosfera rilassante e molto cool.

Un post condiviso da Nap York® (@napyork) in data:

  \
di Carlotta Marelli / 30 Marzo 2018

CORNER

Interior Decoration collection

[Interior Decoration]

Ristorante o fiorista?

Il ristorante nascosto dai fiori in Cina

Travel

[Interior Decoration]

Cibo e arte al museo

Lo chef Frederik Bille Brahe presenta il cafè creativo Kafeteria

Travel

[Interior Decoration]

Nostalgia australiana a Seoul

Tutto marmi e accenti artistici, il nuovo ristorante Caravan 2.0

Travel

[Interior Decoration]

Bali da sogno

A Bali OMNIA apre un dayclub capace di colpire tutto i sensi

Travel

[Interior Decoration]

Ladurée a Tokyo

India Mahdavi firma il terzo store della pasticceria francese

Travel

[Interior Decoration]

Artisti nei borghi

3 artisti con Airbnb ridanno slancio ai borghi italiani

Travel

[Interior Decoration]

Elogio dell’anticamera

Restyling di un appartamento vista mare a Lerici

Restyling

[Interior Decoration]

Dentro un De Chirico

Apre a Milano uno store sospeso tra leggerezza e materia

Travel

[Interior Decoration]

Hotel di design a Providence

The Dean mette a frutto le idee degli studenti

Travel

Hearst Magazines Italia

©2018 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web