ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Uno chalet in Canada: Bolton Residence

In Québec, un doppio volume scultoreo reinterpreta l’archetipo del fienile nel progetto dello studio _naturehumaine

In Canada, lo chalet Bolton Residence, progettato dello studio _naturehumaine è incorniciato dai boschi della regione Cantons de l’Est, in Québec.

Il piccolo rifugio, oasi di relax e vacanze per un professionista del cinema, si sviluppa su due livelli e una superficie di 162 metri quadrati, sfruttando in modo ottimale, anche rispetto al budget contenuto, la morfologia complicata del terreno: un lotto longitudinale e scosceso, di natura rocciosa.

Lo chalet è incastonato nel punto più alto della proprietà, un pianoro naturale che proietta lo sguardo sul paesaggio circostante, e si compone di due volumi sovrapposti ben definiti anche nell’uso dei materiali di costruzione. La base è in cemento, con un fianco scavato nella roccia e l’opposto ricoperto in legno, mentre la porzione superiore a sbalzo, che si protende verso gli alberi, è rivestita in pannelli di acciaio grigio.

La forma geometrica del cottage ne conferma la fisonomia rurale e le sue linee, semplici e scultoree, traggono ispirazione dalla tipologia del fienile con tetto a doppia falda, architettura vernacolare caratteristica della zona.

La reinterpretazione, definita da un’estetica contemporanea, spicca anche nel design essenziale degli interni, che ricerca l’immersione nella natura selvaggia e l’armonia con essa, grazie all’impiego di materiali naturali e alla trasparenza delle facciate. In sintonia con il committente, le finestre ricordano nel loro disegno, preciso e accurato e profilato di nero, frame di pellicola, moltiplicando la percezione dell’esterno.

Lungo il piano superiore, caratterizzato dal soffitto a duplice pendenza, sono dislocate le principali funzioni abitative, risolte in un open space. Al livello inferiore si trovano una camera con bagno per gli ospiti e il garage.

SCOPRI ANCHE:

Uno chalet in Canada immerso nel verde
Trasformare una baita


di Silvia Airoldi / 14 Marzo 2016

CORNER

Interior Decoration collection

[Interior Decoration]

Ristorante o fiorista?

Il ristorante nascosto dai fiori in Cina

Travel

[Interior Decoration]

Cibo e arte al museo

Lo chef Frederik Bille Brahe presenta il cafè creativo Kafeteria

Travel

[Interior Decoration]

Nostalgia australiana a Seoul

Tutto marmi e accenti artistici, il nuovo ristorante Caravan 2.0

Travel

[Interior Decoration]

Bali da sogno

A Bali OMNIA apre un dayclub capace di colpire tutto i sensi

Travel

[Interior Decoration]

Ladurée a Tokyo

India Mahdavi firma il terzo store della pasticceria francese

Travel

[Interior Decoration]

Artisti nei borghi

3 artisti con Airbnb ridanno slancio ai borghi italiani

Travel

[Interior Decoration]

Elogio dell’anticamera

Restyling di un appartamento vista mare a Lerici

Restyling

[Interior Decoration]

Dentro un De Chirico

Apre a Milano uno store sospeso tra leggerezza e materia

Travel

[Interior Decoration]

Hotel di design a Providence

The Dean mette a frutto le idee degli studenti

Travel

Hearst Magazines Italia

©2018 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web