ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Come coabitare con stile, un esempio a Bangkok

K22, il progetto firmato Junsekino Architect and Design, coniuga spazi privati e condivisi per condividere un appartamento senza rinunciare alla privacy

 Se pensate che condividere un appartamento sia cosa da studenti, dovete ricredervi: il cohousing ha tante declinazioni, e può essere fatto con stile. Un esempio interessante è K22, una residenza a Bangkok commissionata a Junsekino Architect and Design da tre fratelli che, divenuti adulti, hanno espresso l’intenzione di continuare a vivere con i genitori continuando la coabitazione pur lasciando a ciascuno la propria indipendenza.

La casa si trova nella zona più centrale della capitale tailandese, nel il distretto di Huay Kwang, quartiere di origine della famiglia che ha scelto di continuare la tradizione e abbattere i costi d’acquisto di un nuovo appezzamento di terreno.

Il concetto principale della residenza è quello di progettare spazi condivisi per tutti i membri della famiglia e contemporaneamente fornire privacy a ciascuno di loro. Si potrebbe paragonarlo a una casa condivisa in cui ciascuno dispone di una propria unità abitativa mentre lo spazio comune si adatta perfettamente alle esigenze e alle attività delle diverse generazioni, al punto che l’architettura della stessa casa è in grado di promuovere momenti aggregativi per tutta la famiglia.

Poiché l’appezzamento di terreno su cui l’edificio poggia è di forma romboidale, la casa è accessibile solo dal fronte principale, lasciando gli altri lati liberi di essere adattati a giardino privato. L'ingresso è collegato al corridoio principale circondato da spazi comuni: cucina, spazio di lavoro e soggiorno. Inoltre, una seconda area living si affaccia sul giardino, in cui tutti i membri possono trascorrere il loro tempo insieme. Il corridoio è anche collegato alla zona di servizio, che si trova accanto al parcheggio.

Ogni membro della famiglia può accedere alla propria unità abitativa al secondo piano attraverso una scala localizzata nel mezzo del corridoio comune. La casa è divisa in due parti, una con volume singolo e l'altra con uno doppio. Il primo contiene le stanze per i genitori e uno dei fratelli mentre nel secondo si trovano le unità per gli altri due fratelli. Questa diversità di altezza, oltre a essere il carattere distintivo della casa, rende difficile, dall’esterno, avere un’idea precisa del numero dei livelli.

Il progetto del piano principale a soppalco rende gli spazi flessibili e adattabili permettendo alla famiglia di creare il proprio spazio nella maniera preferita e di poter estendere in futuro le unità in base alla crescita della famiglia e al conseguente cambiamento di stile di vita.

www.junsekino.com

SCOPRI ANCHE:
Nendo ristruttura un centro commerciale a Bangkok


di Paola Testoni / 3 Novembre 2016
tags:

restyling , Bangkok

CORNER

Interior Decoration collection

[Interior Decoration]

Un attico baciato dal sole

A Palermo minimalismo ed ergonomicità su due livelli

restyling

[Interior Decoration]

Location! Location! Location!

Roma e i nuovi progetti per l’abitare contemporaneo

interviste

[Interior Decoration]

Polvere di stelle

Femminilità a colori: il pop up store di Paula Cademartori

negozi di design

[Interior Decoration]

Mix balinese

Un boutique hotel a Bali tra arte, natura, design e vintage

hotel

[Interior Decoration]

Cafè No. 19, vintage alla greca

Un nuovo locale ispirato alle vecchie gastronomie greche di Melbourne

ristoranti

[Interior Decoration]

New style new life

Questa volta Dmail reinventa se stessa

negozi di design

[Interior Decoration]

Londra ha un cuore sardo

Il ristorante Olivo racconta tra menù e design la bellezza di un'isola

ristoranti

[Interior Decoration]

Tempi di vendemmia

In Catalogna il minimalismo contagia anche le cantine

food e design

[Interior Decoration]

I pastelli di Odette

A Singapore un ristorante francese punta tutto sui colori soft

ristoranti

Hearst Magazines Italia

©2017 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web