ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Come arredare una casa di 70 mq perché sia spaziosa e luminosa

A Tel Aviv Amir Navon e Maayan Zusman firmano il restyling di un appartamento con giardino

Arredare 70 mq è già di per sé una sfida, se oltre tutto si ereditano dalle ristrutturazioni precedenti caratteristiche strutturali non proprio favorevoli, come in questo caso, bisogna davvero giocare d’ingegno!

È quello che hanno fatto Amir Navon e Maayan Zusman in questo appartamento a Tel Aviv, ripensato negli spazi e nell'interior decoration con l'aiuto di due brillanti designer laureate presso la 6b Studio Design School: Dana Sagive e Naama Tison Volotzky.

 

Foto di Itay Benit

 

Situata in un edifico Bauhaus in una delle strade più belle e centrali della città, la casa ha il pregio di avere uno splendido giardino interno di ben 40 mq. Benedetti da questa oasi verde, una rarità per le case del centro, i designer si sono trovati però a confrontarsi con elementi un po’ critici derivanti dalla precedente ristrutturazione. Originariamente, infatti, l’appartamento constava di una sola camera e di un bagno. Inoltre, i soffitti erano stati abbassati e i pilastri irrobustiti per garantire all’edificio un maggior sostegno. Il risultato era quello di un ambiente chiuso, un po’ cupo, che certo non sfruttava al meglio ciò che la casa aveva da offrire.

È con l’intervento di Studio 6b che l’abitazione prende una nuova forma. Gli spazi sono ripensati all’insegna dell’ariosità e della luminosità e gli ambienti vengono risuddivisi per ospitare 2 camere da letto, 2 bagni e perfino uno studio.

La pianta originale è stata completamente stravolta.

“Il nostro intento” racconta Studio 6b “era quello di aprire gli spazi e renderli più ariosi piuttosto che mantenere la suddivisione preesistente e cercare di infilarci tutte le nuove funzioni”.

 

 

Foto di Itay Benit

Foto di Itay Benit

 

Primo escamotage per far sembrare gli ambienti più ampi è senza dubbio la palette di colori scelti, dal bianco delle pareti ai pavimenti in quercia chiara a spina di pesce.

Pur non volendo esagerare con i colori scuri per non rischiare di dare cupezza alla casa, i designer hanno inserito dei dettagli dark in cucina e in bagno, comunque smorzati dall’accostamento con accenti dorati.

 

Foto di Itay Benit

 

 

Foto di Itay Benit

 

Anche i pilastri preesistenti sono stati tinti di nero e sono stati trasformati in un elemento distintivo. Invece di cercare di nasconderli, infatti, i designer hanno scelto di esaltarli grazie al contrasto con i luminosi lampadari in ottone.

 

Foto di Itay Benit

 

Tocchi luminosi in ottone sono stati utilizzati anche in altri spazi, come il bagno.

 

Foto di Itay Benit

 

Ma le sfide continuano per Studio 6b!

Nella casa, infatti, era presente una camera di sicurezza (altrimenti nota come “panic room”) il cui smantellamento avrebbe comportato uno sforzo non indifferente. Da qui la scelta di trasformarla nella seconda camera da letto. Caratterizzata da spazi molto ridotti, i designer hanno optato per una soluzione bella e allo stesso tempo funzionale: una struttura in legno forata posizionata ad entrambi i lati del letto dove appendere abiti e oggetti.

 

 Foto di Itay Benit

 

Anche la master bedroom è pensata all’insegna dell’ottimizzazione degli spazi. Una delle sue pareti è infatti rappresentata dalla parte posteriore di un armadio con ante bianche a vetro da entrambi i lati. Una soluzione space saving che permette alla luce della zona living di penetrare nella zona notte.

 

Foto di Itay Benit

 

All’insegna della luminosità è pensato anche lo studio.

Posizionato all’interno della zona living, lo studio è un cubo di vetro. Lasciato completamente a vista lo spazio gode della luce naturale proveniente dal giardino con cucina en plein air, anch’esso pensato all’insegna dell’ottimizzazione degli spazi.

Invece di alte piante schermanti che avrebbero impedito alla luce di giungere diretta in casa, lo 6b Studio ha optato per muri verdi fitti ma di altezza modesta.  

 

 Foto di Itay Benit

 

 Foto di Itay Benit

Foto di Itay Benit

 

www.6bstudio.co.il

www.maayanzusman.co.il

 

 

SCOPRI ALTRE CASE A TEL AVIV:

Una casa con piscina nel cuore di Tel Aviv
Una villa moderna in calcestruzzo in un'area residenziale di Tel Aviv
Il restyling di 53 mq in un edificio Bauhaus di Tel Aviv


di Redazione Digital / 8 Agosto 2017

CORNER

Interior Decoration collection

[Interior Decoration]

Tradizione reinterpretata

A Londra apre l'hotel tra gusto vittoriano e esperienza ultramoderna

Travel

[Interior Decoration]

Philipp Plein a Parigi

Negli Champs-Élysées inaugurato il nuovo store del lusso estremo

Negozi di design

[Interior Decoration]

Un laboratorio spettacolare

Dimorestudio progetta il nuovo negozio Oliver Peoples a Miami

negozi di design

[Interior Decoration]

Il tropicalismo va di moda

Il nuovo concept store di Prada inaugurato a Miami

negozi di design

[Interior Decoration]

Caffè sì, tavoli no

Un coffee bar senza tavolini – ma con co-working – a Pechino

Uffici di design

[Interior Decoration]

Desideri in cucina

Casamenu, la piattaforma con tutti gli ingredienti della cucina

cucine di design

[Interior Decoration]

L'hotel nella fabbrica di ceramica

Antico e moderno per un'allure senza pari nel centro di Maastricht

Hotel di design

[Interior Decoration]

Quattro amici al bar

Fiori, design e cucina da scoprire dietro un portone milanese

Lifestyle

Hearst Magazines Italia

©2017 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web