ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Come sono fatti i workspace stimolanti nei quali è piacevole lavorare?

A Pechino il Beaver Workshop Office Space è un'officina creativa di 600 mq pensata per volerci rimanere

come-sono-fatti-open-workspace-sala-comune-alto
Kangshuo Tang

Lampade e piante sospese, per questo workspace stimolante dove tutti vorebbero lavorare. Nel Beaver Workshop Office Space ogni ambiente è una piattaforma relazionale dove può sempre nascere l’idea giusta

Si sa che lavorare in un ambiente piacevole o in un open workspace stimolante aiuta la produttività. Lo sanno bene i progettisti dello studio MAT Office di Pechino che, per cambiare l’anima di un luogo e convertire uno spazio industriale in un’officina creativa, hanno lavorato con il colore e la conessione di spazi. A volte basta un semplice dettaglio, anche quando questo dettaglio è una struttura alta quasi nove metri, come nel progetto del Beaver Workshop Office Space.

Foto di: Kangshuo Tang

L’opera di restyling ha completamente stravolto il look di un vecchio magazzino di 600 mq, nel distretto di Chaoyang, a Beijing. All’interno di questo enorme edificio, una volta piatto e monotono, i progettisti hanno dato forma a una nuova anima multilivello perfetta per ospitare il quartier generale della Tong Deng Culture and Media, un’azienda legata al mondo del cinema e della comunicazione.

Foto di: Kangshuo Tang

Il cuore di questa rinascita è una grande struttura dotata di numerose aperture che ha occupato quasi la metà dello spazio, un elemento imponente, pensato per duplicare la superficie disponibile e stimolare la creatività dei dipendenti.

Foto di: Kangshuo Tang

All’interno del workspace trovano posto aree comuni, uffici privati, sale meeting, sale prova e spazi logistici, tutti disposti su livelli sfalsati in modo tale da essere perennemente in contatto. Tutti ambienti ispirati alla quotidianità, impreziositi da pavimenti in resina, pareti di vetrocemento, vivaci grafiche azzurre, suggestivi lampadari e verdissime composizioni naturali che spezzano l’omogeneità di un bianco diffuso.

Foto di: Kangshuo Tang

I confini tra ambienti e piani sono stati sostituiti da originali soluzioni come una cascata verticale di lampade e piante in vaso sospese, che regala personalità a una sorta di bianchissimo pozzo che distribuisce in tutto l’edificio la luce solare proveniente dai lucernari del tetto. In questo modo, ogni angolo diventa uno spazio perfetto per ospitare brainstorming, meeting e confronti, luoghi dove la luce non manca mai perché ogni buona idea alla fine è pur sempre una piccola illuminazione.

Foto di: Kangshuo Tang

Foto di: Kangshuo Tang

Foto di: Kangshuo Tang

www.matoffice.com

 

SCOPRI ANCHE:
Perché il coworking di Fosbury & Sons è meglio dei soliti uffici?
Lavorare in un coworking a Londra
Coworking Space a Brooklyn
Coworking con mobili vintage a Shanghai
Gli uffici moderni in una fabbrica abbandonata di Moment Factory


di Francesco Marchesi / 24 Gennaio 2017

CORNER

Interior Decoration collection

[Interior Decoration]

Hotel o club esclusivo?

Luci soffuse e atmosfera intima da Room Mate Gerard a Barcellona

hotel

[Interior Decoration]

Design giapponese, colori del Perù

Il nuovo Nobu Dowtonwn progettato da David Rockwell

ristoranti

[Interior Decoration]

Design alle Maldive

Ospiti di Cocoon, il resort di design nel blu dell'Oceano indiano

hotel

[Interior Decoration]

La rivoluzione dell'hotellerie

Patrick Norguet firma il nuovo Okko Hotel di Parigi

hotel

[Interior Decoration]

Luxury per tutti

Il nuovo hotel di Ian Schrager a New York

Hotel

[Interior Decoration]

White Forest

La firma di Tokujin Yoshioka per un negozio di scarpe a Tokyo

negozi di design

[Interior Decoration]

Refettorio felice

Ilse Crawford firma il nuovo spazio londinese del progetto di Bottura

ristoranti

[Interior Decoration]

Lavorare di fantasia

Tokyo incontra New York in un coworking...a Madrid

coworking

[Interior Decoration]

Bellezza imperfetta

Makhno firma una casa minimalista e rustica ispirata al wabi-sabi

casa moderna

Hearst Magazines Italia

©2017 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web