ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

La country house del barone Beaverbrook è il nuovo hotel più cool d'Inghilterra?

Recentemente trasformata in hotel, la residenza riporta in vita un luogo magico e pieno di storia, amato da icone e leggende, come Churchill, Chaplin e Liz Taylor, nelle campagne del Surrey

country-house-hotel-house-at-beaverbrook
© Beaverbrook

Nelle campagne del Surrey, un paradiso bucolico ad appena mezz'ora da Londra, ha aperto i battenti un nuovo country house hotel che promette di essere il più lussuoso e affascinante del paese. Sì, perché House at Beaverbrook raccoglie un'eredità prestigiosa: la struttura del 1870 che ospita ora l'hotel apparteneva infatti un tempo a Lord Beaverbrook, signore indiscusso della mondanità blasonata di inizio Novecento. In questo luogo incantevole, coi suoi 400 acri di prati verdi distesi intorno a un lago perfetto per la pesca delle trote, ci sono passati in tanti: da Winston Churchill a Ian Fleming, da Charlie Chaplin a Elizabeth Taylor.

© Beaverbrook

Proprio agli ospiti più illustri sono dedicate le 18 camere di questo glorioso country hotel, che dopo un imponente restauro, costato oltre 90 milioni di sterline, ora si mostra in tutto il suo splendore: un connubio di tradizione e modernità, dove pezzi d'antiquariato e tessuti eccentrici incontrano il massimo del comfort e della tecnologia contemporanea. Non stupitevi insomma se su un comò Art Deco è posata una Apple TV.

© Beaverbrook

Il design del country hotel porta la firma di Susie Atkinson, la decoratrice di interni più amata dall'elite londinese, che ha saputo preservare lo spirito originario di Beaverbrook schivando le trappole di un classicismo troppo pesante o lezioso. Siamo pur sempre in una casa di campagna, anche se di luxury country si tratta, e allora spazio a colori brillanti, fantasie originali (geometriche, zebrate o hawaiane), accostamenti audaci, all'insegna della spensieratezza e del relax.

© Beaverbrook

Ogni rigore formale è bandito. Eleganza fa rima con leggerezza e allora via il superfluo: nello spazio depurato dagli ingombri del passato la luce tersa della campagna inglese è libera di fluire e spandersi. Non a caso ogni suite vanta una vista mozzafiato sul paesaggio e le più belle hanno anche un terrazzo privato, per lasciarsi inebriare dai colori e dai profumi del Surrey. E quando fa freddo si può accendere il camino: pressoché tutte le stanze ne hanno uno originale.

© Beaverbrook

Se siete alla ricerca di un'atmosfera country d'altri tempi, allora date un'occhiata al Parrot Bar: seduti sui deliziosi sgabelli rivestiti di velluto blu, tra pareti rosa cipria e arredi impreziositi da dettagli in bronzo, si viene di colpo catapultati negli anni 20. Ma la nostalgia e la tradizione al Beaverbrook vanno sempre di pari passo con la modernità, e allora non aspettatevi solo earl gray e whisky inglesi. Il barman Rafael Sanchez serve cocktail ricercati di ispirazione giapponese, che si coniugano alla perfezione col menù del ristorante dell'hotel. La cucina del Beaverbrook è infatti affidata a Taiji Maruyama, chef del rinomato ristorante KIRU a Chelsea. Degustare dello squisito sushi in campagna? Si può. Il pesce arriva ogni giorno freschissimo, e molti degli altri ingredienti sono un dono della terra. Nella tenuta infatti non poteva mancare un generoso orto, da cui rifornirsi quotidianamente di prodotti stagionali.

© Beaverbrook

Accanto alla struttura principale c'è anche una Garden House (11 camere da letto con annessa Scuola di cucina e un ristorante anglo-italiano), e a breve aprirà una favolosa Spa, con piscine interne e ogni genere di trattamento.

Insomma, se sognate uno scenario da vecchia nobiltà britannica e amate la vita all'aria aperta, ma con tutto il lusso e il comfort del presente, questo è l'indirizzo che fa per voi. Un consiglio? Chiedete la Suite Dowager: il doppio affaccio sul panorama vi farà venire le lacrime agli occhi e il bagno principesco è più grande di un appartamento medio a Londra.

 

© Beaverbrook

beaverbrook.co.uk

 


di Elisa Zagaria / 25 Ottobre 2017

CORNER

Interior Decoration collection

[Interior Decoration]

Ristorante o fiorista?

Il ristorante nascosto dai fiori in Cina

Travel

[Interior Decoration]

Cibo e arte al museo

Lo chef Frederik Bille Brahe presenta il cafè creativo Kafeteria

Travel

[Interior Decoration]

Nostalgia australiana a Seoul

Tutto marmi e accenti artistici, il nuovo ristorante Caravan 2.0

Travel

[Interior Decoration]

Bali da sogno

A Bali OMNIA apre un dayclub capace di colpire tutto i sensi

Travel

[Interior Decoration]

Ladurée a Tokyo

India Mahdavi firma il terzo store della pasticceria francese

Travel

[Interior Decoration]

Artisti nei borghi

3 artisti con Airbnb ridanno slancio ai borghi italiani

Travel

[Interior Decoration]

Elogio dell’anticamera

Restyling di un appartamento vista mare a Lerici

Restyling

[Interior Decoration]

Dentro un De Chirico

Apre a Milano uno store sospeso tra leggerezza e materia

Travel

[Interior Decoration]

Hotel di design a Providence

The Dean mette a frutto le idee degli studenti

Travel

Hearst Magazines Italia

©2018 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web