ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Perché il coworking di Fosbury & Sons è meglio dei soliti uffici?

Al primo piano della Watt Tower di Anversa uno spazio progettato per una nuova maniera di lavorare, autonomo, flessibile, confortevole e stimolante.

coworking-fosbury-and-sons-watt-tower-anversa
Frederik Vercruysse

 La location di 3.000 m2 in stile contemporaneo all’interno della WATT Tower di Anversa in Belgio offre a 250 persone un luogo privilegiato di co-working  

Imprenditori, professionisti e nomadi digitali potranno beneficiare ad Anversa di una nuova location di coworking all’interno della Watt Tower, uno degli edifici-icona della città progettato dal leggendario architetto modernista Léon Stynen.

La Fosbury & Sons, di Stijn Geeraets e Maarten Van Gool, ha fatto dei 3.000 m2 del primo piano della Watt Tower nella città belga, il luogo di una nuova maniera di lavorare: 250 posti di lavoro per un investimento di 6 milioni di euro per tradurre in pratica “il cambiamento della percezione del lavoro da parte della odierna società”.

Tutte le foto: Frederik Vercruysse

Autonomia, flessibilità e un cosciente utilizzo del tempo sono i concetti alla base dell’ambizioso progetto del coworking space che, grazie ai dettagli architettonici e di design, offre un ambiente professionale e stimolante ma anche accogliente come un salotto di casa. Sale per riunioni si alternano ad angoli intimi e aree relax, oltre ad una biblioteca molto fornita, bar e ristorante. Incluso nella member card del Fosbury & Sons Center, accessibile 24 ore al giorno tutti i giorni, troviamo anche servizi docce per chi ama arrivare in ufficioin bicicletta o fare jogging nella pausa pranzo, servizio lavasecco, lezioni di training sportivo e cuffie antirumore per poter racchiudersi più facilmente nel proprio mondo.

Il restyling dell’area è stato affidato allo studio belga Going East che ha trasformato l’hub creativo in interni professionali dal design contemporaneo. Ispirati dall’High Line newyorkese, gli architetti hanno accentuato la luce proveniente dai 6 metri di finestre che guardano su uno dei più bei parchi della città. All’interno “abbiamo creato un set unico mescolando vecchio e nuovo e utilizzando materiali naturali combinati a dei dettagli etnici. Per il bar abbiamo invece sperimentato mattoni riciclati e fibra di vetro” afferma Anaïs Torfs co-fondatrice di Going East insieme a Michiel Mertens “il nostro scopo è stato quello di sorprendere ogni visitatore con un nuovo dettaglio o un nuovo percorso per evitare il feeling tipico di prevedibilità di chi visita un ufficio”.

Mentre l’entrata dell’edificio è stata disegnata da Studio Job (leggi anche L'installazione di Studio Job ad Anversa), le stanze e le pareti sono stati decorati con opere d’arte di alcune gallerie belghe che si occupano di sostituirle a rotazione oltre ad una collezione permanente che comprende lavori di Damien Hirst e Fabre e mobili vintage. Per gli interni di alcune unità lavorative sono stati utilizzati divani e mobili del nuovo brand belga Journuit. Le stanze e le pareti di Fosbury & Sons sono decorate con opere d'arte in collaborazione con le gallerie di Anversa, PLUS-ONE e Sofie Van De Velde e la galleria di Bruxelles Veerle Verbakel, che cambieranno le opere esposte nel corso del tempo.

www.fosburyandsons.com

www.goingeast.be

www.journuit.be

SCOPRI ANCHE:
Lavorare in un coworking a Londra
Coworking Space a Brooklyn
Coworking con mobili vintage a Shanghai

 


di Paola Testoni / 9 Gennaio 2017

CORNER

Interior Decoration collection

[Interior Decoration]

Un attico baciato dal sole

A Palermo minimalismo ed ergonomicità su due livelli

restyling

[Interior Decoration]

Location! Location! Location!

Roma e i nuovi progetti per l’abitare contemporaneo

interviste

[Interior Decoration]

Polvere di stelle

Femminilità a colori: il pop up store di Paula Cademartori

negozi di design

[Interior Decoration]

Mix balinese

Un boutique hotel a Bali tra arte, natura, design e vintage

hotel

[Interior Decoration]

Cafè No. 19, vintage alla greca

Un nuovo locale ispirato alle vecchie gastronomie greche di Melbourne

ristoranti

[Interior Decoration]

New style new life

Questa volta Dmail reinventa se stessa

negozi di design

[Interior Decoration]

Londra ha un cuore sardo

Il ristorante Olivo racconta tra menù e design la bellezza di un'isola

ristoranti

[Interior Decoration]

Tempi di vendemmia

In Catalogna il minimalismo contagia anche le cantine

food e design

[Interior Decoration]

I pastelli di Odette

A Singapore un ristorante francese punta tutto sui colori soft

ristoranti

Hearst Magazines Italia

©2017 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web