ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Il coworking più bello di Lisbona è una serra firmata SelgasCano dentro a un mercato

Nello storico Mercado da Ribeira un sorprendente spazio per il lavoro collettivo popolato di piante come una serra

Chi non vorrebbe lavorare in uno spazio coworking pensato a misura d’uomo, inondato di luce e popolato da piante e alberi, che nasce per favorire interscambio e creatività? Da questa premessa prende vita il nuovo progetto Second Home, contenitore home working progettato dagli architetti spagnoli di SelgasCano all’interno del Mercado da Ribeira, il più antico mercato alimentare di Lisbona.

A partire dalla location d’eccezione, lo spazio ideato da Lucia Cano e José Selgas interpreta in ogni minimo dettaglio la filosofia della giovane società inglese Second Home, fondata a Londra nel 2014 da Sam Aldenton e Rohan Silva per promuovere la creazione di spazi di lavoro collettivi a servizio di aziende, imprese e settori disciplinari connessi tra loro da una precisa finalità sociale. Il risultato? Lo sviluppo di una vera e propria community, unita da profondi valori etici, dove sperimentare a 360° sostenibilità, empatia e benessere comune a vantaggio della produttività.

Già collaudata nel precedente progetto di SelgasCano per Second Home a East London, definito l’ufficio più bello del mondo, la collaborazione tra architetti e committenza per il nuovo hub di Lisbona si è rivelata l’occasione perfetta per rivitalizzare l’area del vecchio mercato.

L’intervento progettuale, come racconta Lucia Cano, co- founder dello studio, ha preservato la struttura nel suo originario carattere conservando integralmente la copertura con le sue capriate di ferro a vista. Al centro del grande open space è stato collocato un immenso tavolo sociale lungo ben 70 metri: pensato per favorire sinergie e lavoro di gruppo, questo banco extra large dalla forma sinuosa offre agli associati adeguata privacy per concentrarsi sulla propria attività pur mantenendo il senso di comunità. Intorno, oltre 1000 piante che rendono lo spazio simile a una serra.

Avrete già capito che il lavoro non è protagonista assoluto all’interno di Second Home Lisboa. In circa 1100 mq, ospita una biblioteca, un bar che offre cibo e bevande per tutto il giorno, luoghi di sosta attrezzati per distribuire caffè all’italiana, un’area benessere dove rilassasi con corsi di yoga, una sala dedicata a film, musica dal vivo e conferenze di personalità della cultura.

Tutto concorre alla nuova idea di ufficio moderno, in cui scompare il limite tra lavoro e vita. L’ufficio di Second Home a Lisbona vuole essere accogliente come un ambiente domestico, in cui un impianto di climatizzazione estremamente sofisticato assicura comfort abitativo, luci di design personalizzate a LED sostituiscono la fredda illuminazione in linea, e arredi come le sedie, scelte con cura tra la produzione Bauhaus, sono tutte diverse tra loro.

www.selgascano.net

secondhome.io


di Laura Pastorino / 16 Febbraio 2017

CORNER

Interior Decoration collection

[Interior Decoration]

Un attico baciato dal sole

A Palermo minimalismo ed ergonomicità su due livelli

restyling

[Interior Decoration]

Location! Location! Location!

Roma e i nuovi progetti per l’abitare contemporaneo

interviste

[Interior Decoration]

Polvere di stelle

Femminilità a colori: il pop up store di Paula Cademartori

negozi di design

[Interior Decoration]

Mix balinese

Un boutique hotel a Bali tra arte, natura, design e vintage

hotel

[Interior Decoration]

Cafè No. 19, vintage alla greca

Un nuovo locale ispirato alle vecchie gastronomie greche di Melbourne

ristoranti

[Interior Decoration]

New style new life

Questa volta Dmail reinventa se stessa

negozi di design

[Interior Decoration]

Londra ha un cuore sardo

Il ristorante Olivo racconta tra menù e design la bellezza di un'isola

ristoranti

[Interior Decoration]

Tempi di vendemmia

In Catalogna il minimalismo contagia anche le cantine

food e design

[Interior Decoration]

I pastelli di Odette

A Singapore un ristorante francese punta tutto sui colori soft

ristoranti

Hearst Magazines Italia

©2017 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web