ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Dash Kitchen, un ristorante di design in un’ex tipografia torinese

A Torino, Fabio Fantolino, firma il progetto di un nuovo ristorante, tra cemento a vista e arredi seventies, brutalità e raffinatezza

dash-kitchen-ristorante-design-torino-sala-intima
Eugeni Pons

Muri di mattoni ed elementi di cemento ricordano il passato industriale di questa ex-tipografia. A scaldare l’atmosfera del ristorante, sofisticati arredi in stile anni ’70, tavoli in legno e luci soffuse.

Dash Kitchen è il nuovo ristorante di design a Torino: il progetto firmato dall’architetto Fabio Fantolino trasforma un’ex tipografia torinese in un accogliente ristorante, all’interno del quale citazioni anni ’70 si fondono con atmosfere industriali.
Situato nel cuore di San Salvario, uno dei quartieri più frenetici e multiculturali della città, il ristorante è un seducente incontro tra brutalità e raffinatezza. Luci soffuse, colori seducenti, strutture di nudo cemento e mattoni scuri a vista caratterizzano gli ambienti.

A segnare il confine tra la parte più mondana e quella più intima del locale, una sorta di scintillante sipario costituito da una serie di elementi tubolari cromati, circondato da panche in pelle nera e poltrone impreziosite da tessuti nobili come velluto, pelle e alcantara. Corpi illuminanti Phanto contribuiscono a creare un’atmosfera rilassante dagli echi seventies.

La vita del locale gravita attorno a un lungo bancone in acciaio a specchio adornato da elementi cromati. Grandi aperture nel cemento conducono nella zona più privata del ristorante, delimitata anche da una striscia di marmo rosso levanto che decora il pavimento. In questa zona, particolari che rimandano al passato industriale dello spazio si confrontano con il rosso acceso di una serie di poltrone in velluto e le sfumature del vetro delle lampade a sospensione Fabbian Beluga.

A scaldare l’atmosfera, per una perfetta cena brutalista chic, un delicato gioco di luci e il calore naturale di elementi in legno disegnati su misura, che contribuiscono a trasformare la durezza del cemento in un’essenziale cornice per preziosi momenti di relax.
www.dashkitchen.it
www.fabiofantolino.com

SCOPRI ANCHE: 
Un appartamento per due a Torino
Loft con interni total white a Torino
Restyling di una casa nel centro di Torino


di Francesco Marchesi / 16 Giugno 2016

CORNER

Interior Decoration collection

[Interior Decoration]

Un attico baciato dal sole

A Palermo minimalismo ed ergonomicità su due livelli

restyling

[Interior Decoration]

Location! Location! Location!

Roma e i nuovi progetti per l’abitare contemporaneo

interviste

[Interior Decoration]

Polvere di stelle

Femminilità a colori: il pop up store di Paula Cademartori

negozi di design

[Interior Decoration]

Mix balinese

Un boutique hotel a Bali tra arte, natura, design e vintage

hotel

[Interior Decoration]

Cafè No. 19, vintage alla greca

Un nuovo locale ispirato alle vecchie gastronomie greche di Melbourne

ristoranti

[Interior Decoration]

New style new life

Questa volta Dmail reinventa se stessa

negozi di design

[Interior Decoration]

Londra ha un cuore sardo

Il ristorante Olivo racconta tra menù e design la bellezza di un'isola

ristoranti

[Interior Decoration]

Tempi di vendemmia

In Catalogna il minimalismo contagia anche le cantine

food e design

[Interior Decoration]

I pastelli di Odette

A Singapore un ristorante francese punta tutto sui colori soft

ristoranti

Hearst Magazines Italia

©2017 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web