ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

La nuova vita del primo Department Store di Londra

La nuova “casa” degli architetti londinesi Squire & Partners è un vecchio palazzo eduardiano, restaurato preservando i segni del tempo

department-store-londra-squire-and-partners
© James Jones

Lo studio di architetti Squire & Partners ha appena inaugurato un nuovo ufficio a Brixton, Londra. Ma la definizione di ufficio non potrebbe essere più riduttiva, a giudicare da queste immagini: quattro piani di decadente bellezza in un ex grande magazzino eduardiano, The Department Store, sottoposto a un radicale restauro. Del resto che c'è di più ispirante per un architetto di un luogo in cui ogni trave, ogni finestra, ogni gradino racconta una storia?

© James Jones

Costruito nel 1906 come primo centro commerciale di Londra, il palazzo scelto da Squire & Partners come nuovo quartier generale fino a due anni fa versava in condizioni pessime. La testimonianza di quello stato di abbandono è ancora impressa sulle pareti, che esibiscono tracce di graffiti e intonaco scrostato come ricordi da preservare. È con questo spirito che è stato condotto il restauro: valorizzare l'identità e la storia del luogo in tutte le sue stratificazioni, spogliare l'edificio fino alle ossa per metterne a nudo la poesia, cruda e scheggiata dal tempo.

© James Jones

È così che, liberato di aggiunte sconsiderate e inutili ingombri, l'edificio di oltre seimila metri quadri ha rivelato i suoi tesori sepolti: pavimenti in teak, finestre Crittall, marmo e terracotta. Per riportarli all'antico splendore è stato necessario un grande sforzo artigianale, lo stesso che ha strappato al degrado la maestosa scala centrale piastrellata, e anche una serie di preziosi radiatori in ghisa. La sfida più ardua? Il tetto, probabilmente: qui sono stati montati padiglioni di quercia rivestiti in rame, e la cupola in vetro, pressoché distrutta, è stata rimessa in piedi.

© James Jones

Se gli elementi architettonici preesistenti sono stati in larga parte mantenuti ed evidenziati, lo strappo principale operato da Squire & Partners ha riguardato l’articolazione dei volumi: ampi vuoti sono stati ritagliati tra un livello e l'altro per dare uno spessore drammatico allo spazio e mettere in connessione le diverse aree. Dietro la scelta di conservare il vecchio nome The Department Store per il quartier generale, c'è infatti l'idea che l'edificio metta insieme anime e attività diverse.

© James Jones

Al pianterreno ci sono un negozio di modelli e una caffetteria, aree meeting e postazioni per il disegno si succedono lungo i livelli intermedi, e sotto il tetto trova posto uno spettacolare ristorante, coronato dalla cupola e arricchito da un affaccio panoramico sulla strada. Per rilassarsi e socializzare c'è anche un tranquillo cortile interno che aggiunge un tocco verde alla struttura. Persino le toilette sono piccoli gioielli, con le loro piastrelle multistrato e i dettagli in ottone, anch'essi salvati dal declino. 

© James Jones

In una cornice così monumentale e “vissuta”, gli interventi di design appaiono essenziali, improntati alla funzionalità, e in armonia con lo spirito raw del luogo. Una menzione speciale meritano i tappeti, fatti a mano e ispirati all'edificio, firmati Eley Kishimoto. Trattati alla stregua di oggetti d'arredamento sono anche prototipi, modelli, presentazioni, che raccontano il lavoro dell'architetto e si dispiegano di piano in piano, marcando il territorio

© James Jones

All'esterno, infine, si è ricreato un dialogo vivace con la strada, grazie alle ampie vetrine che invitano i passanti ad entrare, per bere un caffè o dare un'occhiata ai modelli. L'obiettivo del Department Store è diventare un polo culturale, un riferimento  per la comunità. Non a caso, un vicino negozio di vinili aperto da anni si è subito trasferito dentro il grande magazzino. Attingendo dal mondo circostante e dalla storia, l'architettura trova nuova linfa e recarsi in ufficio al mattino anche nelle grigie giornate di Londra può diventare un piacere. 

 

© James Jones

squireandpartners.com


di Elisa Zagaria / 13 Ottobre 2017

CORNER

Interior Decoration collection

[Interior Decoration]

Ufficio biofilico

l'ultimo progetto di SelgasCano per la community di SecondHome

uffici di design

[Interior Decoration]

La tradizione bolle in pentola

Bouillon Pigalle, il nuovo ristorante di cui parla tutta Parigi

Travel

[Interior Decoration]

Anno nuovo, hotel nuovo

Le migliori aperture del 2018 da tutto il mondo

Travel

[Interior Decoration]

Total Fusion

Un bistrot milanese tra Oriente e Occidente, all’insegna del melting pot

Travel

[Interior Decoration]

Il legno vince, sempre

Posato alla francese, il parquet è ancora il pavimento più bello

Lifestyle

[Interior Decoration]

Spa per la beat generation

AvroKo a Calistoga riecheggia i miti della generazione Jack Kerouac

Travel

[Interior Decoration]

A cena nei Caruggi

Sulle orme di Alessandro Borghese nei 4 ristoranti migliori di Genova

Travel

[Interior Decoration]

Chiesa con cucina

Duddell’s Hong Kong apre il suo gemello londinese in un'antica chiesa

Travel

[Interior Decoration]

Navigare nel lusso

Una locanda giapponese attraversa il Seto Inland Sea

Travel

Hearst Magazines Italia

©2018 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web