ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Un nuovo design hotel a Milano: il restyling dell'Hilton

Il progetto di THDP trasforma l'albergo di via Galvani in un boutique hotel all'insegna di funzionalità, comfort e networking

design-hotel-hilton-milano-reception

Un dettaglio della reception dell'Hilton di Via Galvani a Milano, dopo il restyling dello studio THDP

Un nuovo design hotel a Milano: lo storico Hilton Hotel di Via Galvani è stato di recente ridisegnato dallo studio angloitaliano THDP, composto da Manuela Mannino e Nicholas Hickson, con sede a Londra.

L'obiettivo? Portare la Corporate Hotellerie verso un concetto di design proprio dei Boutique Hotel. Li abbiamo incontrati, e ci hanno raccontato il progetto.

 

In cosa consiste il rinnovamento dell'Hotel, e quali cambiamenti sono stati realizzati?

Abbiamo rinnovato prima le camere e i corridoi, e poi la lobby. Abbiamo dotato quest'ultima di un nuovo spazio dining, che accoglie l’ospite in un contesto esteticamente bello ma soprattutto accogliente e funzionalmente flessibile, con spazi adatti al relax, alla socializzazione e al networking, sia per lavoro che per piacere.

Rispetto a prima, lo spazio è aperto e più visibile dall’esterno. Vuole essere un segno di apertura alla città?
Certamente sì. Il concept della lobby deriva dalla direzione fornita da Hilton Worldwide di creare spazi pronti per il futuro, in cui l’ospite e la città sono le protagoniste e in cui l’hotel esprime un autentico legame con il tessuto e la storia urbana.

Un Hotel che parla di Milano...
La scelta dei colori, dei materiali e dei tessuti deriva dalla città e dal contesto urbano in cui l’hotel è situato, e la cui forte vocazione per la moda, l’arte, il design e l’architettura ne fanno un luogo unico al mondo. I materiali si rifanno alla tradizione italiana del marmo, del travertino, dello stucco. Frutto di una manualità artigianale che vuole essere espressamente rappresentata, come forte simbolo del design e della tradizione italiana.

L'Italia è anche cibo e ristorazione.
Esattamente, e la ristrutturazione è stata anche occasione per il lancio del nuovo spazio Dining Lounge Concept45, con menu' creato dallo chef Paolo Ghirardi, ispirato ai piatti delle regioni attraversate dal 45° parallelo.

Il passaggio da Hotel Corporate a spazio living salta subito all'occhio. Come avete ottenuto questo risultato?
Certamente con la cura nei dettagli. Al centro della lobby abbiamo posizionato un tavolo allestito con frutta, biscotti e bevande per accogliere l’ospite in arrivo o in partenza, presentati in vasi di Kartell e Driade. Intorno alla gallery sono sistemati gli ambienti bar e dining da una parte e la zona hearth, che in inglese è la pietra di rivestimento usata intorno al camino, dall'altra: uno spazio intimo e rilassante, dotato di uno scenografico camino, arredato con divani e pouf morbidi e reso ancora più accogliente dalla diffusione di aromi a vapore. Nella biblioteca e nel bar sono presenti due grandi opere d'arte dedicate al teatro Alla Scala, e sugli scaffali una serie di teche dal tema “Objets de Curiositè” contiene oggetti vintage ispirati alla moda milanese.

Lo spazio che prima era dedicato al business centre è stato trasformato in una zona lettura. E anche qui la scelta di elementi del design italiano è chiara, specialmente nell'illuminazione. Quali aziende avete scelto?
Abbiamo disegnato un tavolo ovale su cui è sospesa una lampada di Oluce disegnata da Vico Magistretti, così come le Atollo gold, che accolgono l’ospite sistemate sui banchi ricevimento. Le aziende scelte per illuminare gli ambienti sono tutte italiane, da Guzzini a Italamp e Nemo Lighting. 

www.thdpdesign.com

SCOPRI ANCHE:
Il nuovo Room Mate Hotel progettato da Patricia Urquiola
10 ristoranti di design a Milano
→ L'Hotel Saint-Marc by Dimorestudio


di Valentina Mariani / 20 Giugno 2016

CORNER

Interior Decoration collection

[Interior Decoration]

Minimalismo vittoriano

Unire due stili e due atmosfere: a Londra l’esperimento è riuscito

lounge bar

[Interior Decoration]

Un'oasi in città

A Firenze, un salotto open air per la socialità e il relax

negozi di design

[Interior Decoration]

Nido creativo per due

Cork study, uno spazio ecosostenibile per artisti a Londra

edifici ecosostenibili

[Interior Decoration]

Prada apre a Saint Barts

Uno store in stile esotico tipico delle case sudamericane anni '50

negozi di design

[Interior Decoration]

Lo stupore di Marcel Wanders

Un complesso residenziale ispirato agli elementi della natura

edifici ecosostenibili

[Interior Decoration]

Loft tubi a vista

Bologna, dall’ex magazzino d’idraulica il carattere del restyling

hotel

[Interior Decoration]

A Parigi l’hotel più groovy

32 camere in tema con la black music e le atmosfere degli anni 70

hotel

[Interior Decoration]

Color shock

Terapia d'urto a base di colore per una classica casa inglese

pareti colorate

[Interior Decoration]

La casa piu stretta del mondo

Varsavia: ecco come si vive in 92 centimetri di larghezza

mini case

Hearst Magazines Italia

©2016 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web