ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Minimalismo e colore per la farmacia più accogliente

Free-flow, punto ristoro e sistemi di distribuzione tecnologici per uno spazio che sfida i cliché della farmacia tradizionale

farmacia-belgio-minimalismo
Stan Koolen

 Una farmacia con interior design per creare un ambiente più ospitale e accogliente. Niente clima asettico e colori ospedalieri ma un punto ristoro e una maggiore interazione tra farmacista e cliente nello spazio free-flow.

Farmacia può far rima con minimalismo? Perché no. Certamente una sfida per l’agenzia creativa belga di Zware Jongens che hanno ripensato un luogo prettamente funzionale e hanno trasformato una farmacia tradizionale in uno spazio “tonico” e accogliente, d'impronta minimalista senza rinunciare al colore. Non a caso il progetto include un punto ristoro e un bancone a isola "a flusso libero".

Lo studio è stato coinvolto dai proprietari della centenaria farmacia Van Dijck nella cittadina fiamminga di Bree, nel nord del Belgio, per progettare uno spazio in cui i clienti potessero usufruire di uno spazio dove trascorrere del tempo: "Spesso nella maggior parte delle farmacie prevale un senso di negatività" ha affermato Filip Janssen di Zware Jongens "L'interazione è spesso impersonale e l'ambiente in molti casi è stereotipato, sia come arredi che come illuminazione: un luogo dal quale, nella maggior parte dei casi, le persone preferiscono uscire il più velocemente possibile."

Il concetto è stato sviluppato dal proprietario della farmacia Joeri Van Dijck, con il progettista londinese Mark Pimlott e gli architetti olandesi Hoek & De Wit ed è incentrato sul bancone a isola intorno al quale i clienti possono circolare liberamente: "Siamo partiti da un'idea free-flow", ha detto Pimlott. "Fondamentalmente tutti possono camminare dove desiderano".

L’uso del colore è un elemento che spesso non è sinonimo di essenziale , ma qui diventa fil rouge della progettazione: se il bianco, con le sue connotazioni cliniche, è la scelta usuale delle farmacie, il team di progettazione ha optato per colori caldi che non solo sono più accoglienti, ma che si mettono anche naturalmente in relazione con la buona salute. L'arredamento minimal è in legno di betulla con ripiani in compensato con dettagli in color rosa e particolari in ottone e la caratteristica croce verde luminosa, disegnata dallo Studio V3RS di Eindhoven è stata posta in un angolo.

Un bancone in piastrelle bianche su un lato della stanza contiene brocche di acqua con frutta in infusione che invitano i clienti a fermarsi per una pausa. Solo una scelta limitata di farmaci da banco è in mostra sugli scaffali della farmacia, il resto si trova in un altro spazio ed è accessibile tramite un sistema di erogazione automatica: dopo che il farmacista ha digitato l’ordine tramite uno dei computer, dal deposito i prodotti arrivano in farmacia tramite uno scivolo a spirale. Il concetto vuole migliorare l'interazione tra farmacista e cliente, che può utilizzare lui stesso i terminali del sistema computerizzato per accedere direttamente ai farmaci da banco.

www.zwarejongens.com

www.v3rs.nl

www.markpimlott.com

www.hoekwit.nl


di Paola Testoni / 3 Febbraio 2017

CORNER

Interior Decoration collection

[Interior Decoration]

Hotel o club esclusivo?

Luci soffuse e atmosfera intima da Room Mate Gerard a Barcellona

hotel

[Interior Decoration]

Design giapponese, colori del Perù

Il nuovo Nobu Dowtonwn progettato da David Rockwell

ristoranti

[Interior Decoration]

Design alle Maldive

Ospiti di Cocoon, il resort di design nel blu dell'Oceano indiano

hotel

[Interior Decoration]

La rivoluzione dell'hotellerie

Patrick Norguet firma il nuovo Okko Hotel di Parigi

hotel

[Interior Decoration]

Luxury per tutti

Il nuovo hotel di Ian Schrager a New York

Hotel

[Interior Decoration]

White Forest

La firma di Tokujin Yoshioka per un negozio di scarpe a Tokyo

negozi di design

[Interior Decoration]

Refettorio felice

Ilse Crawford firma il nuovo spazio londinese del progetto di Bottura

ristoranti

[Interior Decoration]

Lavorare di fantasia

Tokyo incontra New York in un coworking...a Madrid

coworking

[Interior Decoration]

Bellezza imperfetta

Makhno firma una casa minimalista e rustica ispirata al wabi-sabi

casa moderna

Hearst Magazines Italia

©2017 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web