ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Il primo negozio di Forte_forte a Milano sembra un quadro di De Chirico

Un ambiente surrealista, dal carattere delicato ma anche materico, che parla femminilità piena di forza, coerente coi canoni estetici del brand

forte-forte-abbigliamento-nuovo-negozio-milano-brera
Courtesy photo: P. Pansini

Forte_forte apre un negozio a Milano. Il marchio di abbigliamento italiano prêt-à-porter inaugura la sua prima boutique monomarca al numero 1 di Via Ponte Vetero, nel quartiere Brera. 

Era stato annunciato alla fine del 2017, ma adesso è realtà: con l’apertura di un negozio Forte_forte a Milano, il brand veneto dei fratelli Paolo e Giada Forte inizia il passaggio strategico ai negozi monomarca, dopo la fase dei multimarca sparsi in Europa, Giappone e Stati Uniti. 

Il negozio forte_forte è stato curato da Robert Vattilana e dalla stessa Giada Forte. Nessuno schema prestabilito ha guidato la scelta di arredi e soluzioni, se non quello di assecondare la mission dell’azienda di “dissolvere la distanza tra i capi e le persone che li indossano”. 

Proprio come gli abiti della casa di moda, lo spazio avvolge e riduce le distanze tra vendita e pubblico, dipanandosi come un racconto. L'architettura e l'esposizione dei prodotti creano un’atmosfera metafisica tra gli spazi e le collezioni, con una purezza di linee e materiali che potrebbe evocare De Chirico, ma anche stanze decadenti da film anni ’30, e toni pastellati e vintage più anni ’60 nella zona camerini.

Il risultato è un ambiente dal carattere delicato ma anche materico, che sembra parlare di una femminilità piena di forza, coerente coi canoni estetici del brand.

Primo elemento che cattura l'attenzione, un’elegante tenda bianca a tutta altezza che avvolge la vetrina e dietro la quale le lightbox creano effetti lanterna e distribuiscono una luminosità diffusa e impalpabile.  

Da una tenda scultorea in ottone pendono ampolle in vetro soffiato e lavorato a mano da Massimo Lunardon: insieme al busto in gesso di una Venere, realizzata da una fonderia francese, dona all’allestimento anche un’aura un po’ simbolista, fine ‘800.

Ma protagonista dell’ambiente è la materia che conferisce alla boutique Forte_Forte un aspetto concreto e “tattile”. Stimola la vista e celebra l’irregolarità del “fatto a mano” all’italiana.

Al centro troviamo il travertino: il materiale per eccellenza della tradizione costruttiva italiana rinuncia qui alla monumentalità e diventa caldo ed espressivo: usato per pareti e arredi a bassorilievo, in poro aperto e chiuso, in crosta o scanalato a righe.

Sul pavimento è tagliato in grandi lastre punteggiate da tessere di vetro colorato da mosaico, mentre sulle scale incontriamo un’altra texture, un “pizzo lapideo” di sassolini.

A dare leggerezza ai marmi sono le lucenti rifiniture in ottone degli elementi del display, del perimetro degli specchi, degli oblò, e dello chandelier d’ingresso.

Ottone che impreziosisce anche la silhouette dei camerini, chiusi e confortevoli come scompartimenti di un treno con pareti in voluttuoso velluto trapuntato di bottoni raccolti in viaggio. 

A dare un tocco domestico, infine, le piante di sterlitzia in vasi di travertino, ed elementi del mondo privato e personale raccolti per il mondo: un disegno di donna di Didier Mahieu, una ceramica Bitossi disegnata da Aldo Londi, un vaso di provette di vetro acquistato in un mercatino a Los Angeles, conchiglie, coralli ed altri elementi sottomarini che alimentano la sensazione di evanescenza e surrealtà del nuovo negozio Forte_forte a Milano. 

 

forte-forte.com/it/it


di Roberto Fiandaca / 13 Aprile 2018

CORNER

Interior Decoration collection

[Interior Decoration]

Ristorante o fiorista?

Il ristorante nascosto dai fiori in Cina

Travel

[Interior Decoration]

Cibo e arte al museo

Lo chef Frederik Bille Brahe presenta il cafè creativo Kafeteria

Travel

[Interior Decoration]

Nostalgia australiana a Seoul

Tutto marmi e accenti artistici, il nuovo ristorante Caravan 2.0

Travel

[Interior Decoration]

Bali da sogno

A Bali OMNIA apre un dayclub capace di colpire tutto i sensi

Travel

[Interior Decoration]

Ladurée a Tokyo

India Mahdavi firma il terzo store della pasticceria francese

Travel

[Interior Decoration]

Artisti nei borghi

3 artisti con Airbnb ridanno slancio ai borghi italiani

Travel

[Interior Decoration]

Elogio dell’anticamera

Restyling di un appartamento vista mare a Lerici

Restyling

[Interior Decoration]

Hotel di design a Providence

The Dean mette a frutto le idee degli studenti

Travel

[Interior Decoration]

5 in 1 sotto lo stesso tetto

Cos'è Edit, il nuovo concept di food alle porte di Torino

Travel

Hearst Magazines Italia

©2018 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web