ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Giardini verticali: un esempio abitativo in Vietnam

La Garden House dello studio Alpes è un progetto green legato alla vegetazione e ai suoi ritmi

Il giardino verticale della Garden House in Vietnam

È uno dei giardini verticali più riusciti dello studio vietnamita Alpes che, nel centro della città di Da Nang in Vietnam, ha ideato una Garden House intrinsecamente legata ai ritmi del verde.

Foto di: Hiroyuki Oki
La vegetazione è davvero dappertutto e forma un vero e proprio giardino verticale interno che ama giocare con la luce, il vento e il foliage creando ombra e frescura naturale.

Foto di: Hiroyuki Oki
La sfida legata al progetto era infatti quella di convogliare l'illuminazione naturale riducendo contemporaneamente i costi di raffreddamento in un’area geografica al limite della zona tropicale. Per lottare, infatti, contro il caldo umido, nella regione, i metodi tradizionali utilizzano attualmente solo diversi elementi architettonici come corridoi ventilati e pareti a grata di marmo. Il muro verde è una novità.

Foto di: Hiroyuki Oki
Le dimensioni del terreno di costruzione piuttosto ridotte hanno reso necessario ipotizzare un volume che si sviluppasse prevalentemente in altezza come una torre. La mancanza di luce e la poca ventilazione dei piani terra è la conseguenza principale. La soluzione progettuale quindi è stata quella di costruire due blocchi separati con una rigogliosa parete verde situata soprattutto nel nucleo centrale. Alcuni ponti collegano i due blocchi creando corridoi paesaggistici con alberi e mattoni decorativi.

Foto di: Hiroyuki Oki
Questa zona aperta centrale occupata dalla parete vegetale permette una perfetta ventilazione in tutta la casa oltre a consentire alla luce naturale di entrare in tutti gli spazi delle diverse abitazioni. La facciata di questo edificio di 4 piani coperto di alberi e fioriere cattura l'attenzione delle persone che percorrono la frequentatissima arteria commerciale di Dien Bien Phu, vicino al cavalcavia recentemente completato.

Foto di: Hiroyuki Oki
Le lastre di cemento e le piastrelle sono pensate per facilitare la crescita degli alberi che diventando grandi riducono la polvere e il rumore dalla strada e offrono una depurazione naturale e continua dell'aria all'interno della casa. Al terzo piano uno spazio-giardino collega la camera da letto matrimoniale con il living con un percorso tranquillo e fresco. Al quarto piano troviamo invece uno sky Garden aperto con alberi ad alto fusto e prato all’inglese: uno spazio verde perfetto per una casa che si trova in una zona rumorosa e con spazi angusti.

Foto di: Hiroyuki Oki
L'intero tetto della casa viene usato per piantumare verdure per la famiglia. Tutto, in questo edificio, segue ritmi e regole naturali. L'esposizione e l'orientamento del building hanno obbligato i progettisiti a ideare una parete di fondo - della scala – dotata di piccole prese d'aria che, pur non permettendo l'ingresso della pioggia, permettono un riciclo dell'aria ad ogni livello. La ricerca del comfort abitativo è l'obiettivo principale da inseguire.

Foto di: Hiroyuki Oki

http://www.alpes.vn/


di Paola Testoni / 14 Novembre 2016

CORNER

Interior Decoration collection

[Interior Decoration]

Un attico baciato dal sole

A Palermo minimalismo ed ergonomicità su due livelli

restyling

[Interior Decoration]

Location! Location! Location!

Roma e i nuovi progetti per l’abitare contemporaneo

interviste

[Interior Decoration]

Polvere di stelle

Femminilità a colori: il pop up store di Paula Cademartori

negozi di design

[Interior Decoration]

Mix balinese

Un boutique hotel a Bali tra arte, natura, design e vintage

hotel

[Interior Decoration]

Cafè No. 19, vintage alla greca

Un nuovo locale ispirato alle vecchie gastronomie greche di Melbourne

ristoranti

[Interior Decoration]

New style new life

Questa volta Dmail reinventa se stessa

negozi di design

[Interior Decoration]

Londra ha un cuore sardo

Il ristorante Olivo racconta tra menù e design la bellezza di un'isola

ristoranti

[Interior Decoration]

Tempi di vendemmia

In Catalogna il minimalismo contagia anche le cantine

food e design

[Interior Decoration]

I pastelli di Odette

A Singapore un ristorante francese punta tutto sui colori soft

ristoranti

Hearst Magazines Italia

©2017 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web