ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Come arredare con un giardino verticale ispirandosi a Sou Fujimoto

Vasi moderni in acciaio sospesi al soffitto trasformano un interno a Hong Kong in una giungla d'ispirazione tropical.

giardino-verticale-vasi-sospesi-sou-fujimoto-ingresso
courtesy Potato Head Hong Kong

Con una fitta sequenza di vasi a specchio in acciaio inox sospesa al soffitto, Sou Fujimoto trasforma lo spazio bar di Potato Head Hong Kong in un giardino d'interni galleggiante.

Un giardino verticale per trasformare con vasi d'arredo un interno urbano: è la scelta dell'architetto giapponese Sou Fujimoto per il risto-bar Potato Head Hong Kong.

Lo spazio è una collaborazione tra Fujimoto e il team creativo interno di PTT Family, e fonde lo stile di Fujimoto con l'artigianato indonesiano in un contesto moderno: in una delle città più popolate al mondo, il sapiente mix di piante, elementi metallici leggeri (come i vasi a specchio che dominano la zona bar) e altri più pesanti in legno di teak evoca una sensazione domestica, con aree distinte che si fondono organicamente le une nelle altre.

In facciata Fujimoto sceglie di applicare a dei semplici vetri un pattern che riprende i tradizionali serramenti di Hong Kong, e li usa per coprire l'intera struttura. L'effetto è una scatola omogenea e trasparente che cattura lo sguardo senza imporsi nel contesto.

All'ingresso un bancone per il caffè si apre sulla strada e anticipa lo spazio del negozio arredato con esili strutture in metallo, in modo che gli spazi si distinguano senza chiudersi l'uno rispetto all'altro. Sospese al soffitto, le fioriere in acciaio inox disegnate da Fujimoto creano l'illusione di una foresta galleggiante sopra uno spazio che sembra non avere confini.

La zona bar è uno spazio colorato d'ispirazione tropical che rimanda all'origine balinese del franchising con pareti dai colori vivaci, mobili indonesiani e pezzi d'antiquariato, come le poltrone in pelle Marcel Breuer.

Nella zona ristorante Kaum, oltre 700 preziosissimi pannelli dipinti a mano dai Toraja (gruppo etnico indigeno dell'Indonesia) rivestono soffitti e pareti, trasponendo il tema del giardino d'interni con una sequenza di pattern colorati d'ispirazione jungle.

Nascosta dietro il ristorante, la Sala della Musica è uno spazio pensato per i collezionisti di dischi della città, che trasmette l'atmosfera di una sala segreta – a cui si accede attraverso un corridoio nascosto dall'ingresso, passando dal ristorante oppure da un ingresso segreto sulla High Street – rivestita con pannelli in legno per migliorare l'acustica.

www.ptthead.com

www.sou-fujimoto.net

SCOPRI ANCHE:
Intervista a Sou Fujimoto
La foresta di luce di Sou Fujimoto


di Carlotta Marelli / 23 Giugno 2016

CORNER

Interior Decoration collection

[Interior Decoration]

Hotel o club esclusivo?

Luci soffuse e atmosfera intima da Room Mate Gerard a Barcellona

hotel

[Interior Decoration]

Design giapponese, colori del Perù

Il nuovo Nobu Dowtonwn progettato da David Rockwell

ristoranti

[Interior Decoration]

Design alle Maldive

Ospiti di Cocoon, il resort di design nel blu dell'Oceano indiano

hotel

[Interior Decoration]

La rivoluzione dell'hotellerie

Patrick Norguet firma il nuovo Okko Hotel di Parigi

hotel

[Interior Decoration]

Luxury per tutti

Il nuovo hotel di Ian Schrager a New York

Hotel

[Interior Decoration]

White Forest

La firma di Tokujin Yoshioka per un negozio di scarpe a Tokyo

negozi di design

[Interior Decoration]

Refettorio felice

Ilse Crawford firma il nuovo spazio londinese del progetto di Bottura

ristoranti

[Interior Decoration]

Lavorare di fantasia

Tokyo incontra New York in un coworking...a Madrid

coworking

[Interior Decoration]

Bellezza imperfetta

Makhno firma una casa minimalista e rustica ispirata al wabi-sabi

casa moderna

Hearst Magazines Italia

©2017 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web