ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

L'hotel più bello di Lisbona è una vecchia casa trasformata da Aires Mateus

Palazzo storico e senso di sospensione del tempo si sposano in Santa Clara 1728, un boutique hotel nel centro della città dall’atmosfera atemporale

hotel-a-lisbona-santa-clara-1728-aires-mateus
Francesco Martello

Un forte senso sospeso del tempo in questo progetto di Manuel e Francisco Aires Mateus per il santa Clara 1728, un boutique hotel nel cuore storico di Lisbona

ll progetto di Santa Clara 1728, un boutique hotel a Lisbona, prevedeva la ristrutturazione di un antico edificio dalla storia indefinita e dalle molteplici trasformazioni, costruito in diversi periodi storici, cosa piuttosto comune nelle aree culturalmente ricche.

Con l'obiettivo primario di costruire un edificio che riflettesse l'esperienza di vita della città, lo Studio Aries Mateus ha iniziato i lavori con una ricerca prima storica e poi architettonica, non con lo scopo di riprodurre elementi tradizionali, ma piuttosto di combinare elementi, materiali, atmosfere e proporzioni, che fossero in grado di riportare in quegli spazi vuoti l’idea della vita di ieri e di oggi.

Il risultato è un'architettura semplice e minimalista, che combina pochi elementi, ma che cerca, nello stesso tempo, la qualità assoluta nell'uso di materiali reali.

Leggi anche: 10 indirizzi segreti a Lisbona dove potresti incontrare Sam Baron

Ne scaturisce un'idea di autenticità che rende questo hotel di lusso a Lisbona storico e atemporale.

Il segno minimale di Manuel e Francisco Aires Mateus si esplica infatti in un spazio-non spazio che ha la capacità di sovrastare il tempo portando armonia e tradizione negli interni dell'hotel.

Della storia infatti qui resta solo l’essenza in un gioco a togliere che lascia un linguaggio architettonico puro e molto eloquente. E la presentazione di intenti appare subito chiara nella lobby dell’hotel Santa Clara 1728: un ampio atrio antico con doppia scala dalla palette cromatica minima che prevede solo un bianco morbido e un beige.

Ma qui sotto a un enorme sfera bianca che funge da lampadario, appoggiato con nonchalance alla parete, troviamo un enorme quadro seicentesco che regalo dinamismo al tutto. Salendo le scale prosegue questo dialogo tra interni minimalisti, fatti di pietra e marmo, lampadari leggerissima dal design contemporaneo, e opere caravaggesche che aggiungono senso drammatico e tensione emotiva.

La sala riunioni dell'albergo in centro a Lisbona è arredata da un solo grande tavolo di legno massiccio e sedie moderne di colore chiaro mentre nelle camere i pavimenti di marmo lasciano ampio spazio a dei parquet di larghe assi di legno naturale dove troneggiano vasche da bagno di marmo screziato.

Gli interni delle camere con pareti in cemento lucidato, sono quasi monacali nella loro semplicità assoluta ma sono in grado di parlare all’ospite di una storia preziosa e di echi lontani. Lo scopo che si prefiggeva il progetto degli architetti portoghesi, cioè quello di comunicare una living experience di Lisbona, pare così pienamente raggiunto.

Senza imitazioni e senza riproduzione ma mettendo in contatto storia e contemporaneità, senso di sospensione del tempo e forte senazione del luogo. Dalle finestre non solo una superba vista sul mare ma anche tanta luce naturale ad invadere gli interni rendendoli più puri.

www.airesmateus.com


di Paola Testoni / 19 Marzo 2018

CORNER

Interior Decoration collection

[Interior Decoration]

Ristorante o fiorista?

Il ristorante nascosto dai fiori in Cina

Travel

[Interior Decoration]

Cibo e arte al museo

Lo chef Frederik Bille Brahe presenta il cafè creativo Kafeteria

Travel

[Interior Decoration]

Nostalgia australiana a Seoul

Tutto marmi e accenti artistici, il nuovo ristorante Caravan 2.0

Travel

[Interior Decoration]

Bali da sogno

A Bali OMNIA apre un dayclub capace di colpire tutto i sensi

Travel

[Interior Decoration]

Ladurée a Tokyo

India Mahdavi firma il terzo store della pasticceria francese

Travel

[Interior Decoration]

Artisti nei borghi

3 artisti con Airbnb ridanno slancio ai borghi italiani

Travel

[Interior Decoration]

Elogio dell’anticamera

Restyling di un appartamento vista mare a Lerici

Restyling

[Interior Decoration]

Dentro un De Chirico

Apre a Milano uno store sospeso tra leggerezza e materia

Travel

[Interior Decoration]

Hotel di design a Providence

The Dean mette a frutto le idee degli studenti

Travel

Hearst Magazines Italia

©2018 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web