ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

L'hotel di Amsterdam dove incontri le persone più rock della capitale

Nato per interpretare lo spirito informale della città olandese, Sir Adam non è solo un albergo ma un simbolo di lifestyle in formato rock

Un hotel ad Amsterdam cool, affascinante e anticonvenzionale: così è Sir Adam, il nuovo albergo di lusso aperto a Amsterdam, epicentro delle nuove tendenze, che si candida a diventare the place to be nella capitale olandese. Decisamente fuori dall’ordinario, è pensato per essere il punto di riferimento per una generazione di viaggiatori cosmopoliti, dallo spirito dandy e dal gusto sofisticato, alla continua ricerca di esperienze stimolanti.

D’eccezione la location: il boutique hotel di Amsterdam Sir Adam occupa alcuni livelli della iconica A’DAM Toren, l’alto edificio a torre che domina lo skyline della città, in cui sono ospitati locali alla moda, ristoranti e la piattaforma panoramica A’DAM Lookout dove si gode di una vista mozzafiato di tutta Amsterdam (leggi anche Musica e danza nella nuova torre di Amsterdam). Intorno, il vivace e frequentatissimo quartiere Canal, dove accanto al futuristico EYE Film Institute si è creato un eccitante mix di bar e negozi per lo shopping.

Grazie al suo design d’avanguardia, curato dal pluripremiato studio newyorkese ICRAVE, la nuova struttura ricettiva è molto più di uno dei tanti hotel ad Amsterdam, ma un vero e polo d’attrazione dove ospiti e gente del posto si riuniscono per socializzare. La hall a doppia altezza, battezzata The Butcher Social Club, è un salotto pieno di vita dove passare il tempo piacevolmente, allestito con divani, poltrone a dondolo, opere d’arte contemporanea e postazioni per il gioco.

Lo spazio, che conserva pilastri e soffitti in calcestruzzo della costruzione originale, comprende l’area dedicata al check-in, ma anche una taverna dove gustare ottimi hamburger e una grande isola – bar con dj set dal vivo, animata fino tarda notte. A disposizione dei frequentatori ci sono anche una terrazza sul fiume dove gustare cocktail ricercati, e the Beergarden, birreria collegata alla lobby con una scala a spirale dove vengono servite le migliori birre locali, rigorosamente artigianali.

Tagliato su misura per chi vive al tempo di musica, l’albergo dispone di una fornita libreria musicale che comprende una raccolta di brani tutti accessibili tramite Bluetooth. Ma non finisce qui: le 108 camere e suite di Sir Adam, lussuosamente arredate con esclusivi pezzi di design e mobili su misura, prevedono la presenza di giradischi Crosley Cruiser e specchi incisi con i testi delle più celebri canzoni, insieme alle apparecchiature tecnologiche più attuali della Sony e alle chitarre Gibson amate dai rockers.

www.siradamhotel.com

SCOPRI ANCHE:
Il secondo W Hotel ad Amsterdam
→ Il design dell'Hotel Not Hotel ad Amsterdam


di Laura Pastorino / 10 Marzo 2017
tags:

hotel , Amsterdam

CORNER

Interior Decoration collection

[Interior Decoration]

Hotel o club esclusivo?

Luci soffuse e atmosfera intima da Room Mate Gerard a Barcellona

hotel

[Interior Decoration]

Design giapponese, colori del Perù

Il nuovo Nobu Dowtonwn progettato da David Rockwell

ristoranti

[Interior Decoration]

Design alle Maldive

Ospiti di Cocoon, il resort di design nel blu dell'Oceano indiano

hotel

[Interior Decoration]

La rivoluzione dell'hotellerie

Patrick Norguet firma il nuovo Okko Hotel di Parigi

hotel

[Interior Decoration]

Luxury per tutti

Il nuovo hotel di Ian Schrager a New York

Hotel

[Interior Decoration]

White Forest

La firma di Tokujin Yoshioka per un negozio di scarpe a Tokyo

negozi di design

[Interior Decoration]

Refettorio felice

Ilse Crawford firma il nuovo spazio londinese del progetto di Bottura

ristoranti

[Interior Decoration]

Lavorare di fantasia

Tokyo incontra New York in un coworking...a Madrid

coworking

[Interior Decoration]

Bellezza imperfetta

Makhno firma una casa minimalista e rustica ispirata al wabi-sabi

casa moderna

Hearst Magazines Italia

©2017 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web