ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Nobiltà spagnola e vintage italiano, il segreto di un hotel di charme a Granada

L’hotel Marquiss Issabel coniuga nostalgia e modernità, omaggiando i grandi nomi del Made in Italy, come Gio Ponti e Carlo Mollino

hotel-marquiss-issabel-granada
© Fernando Alda

Il design italiano anni 50 incontra il fascino aristocratico di Granada in questo lussuoso albergo dal carattere unico, situato nella centralissima Plaza Isabel la Católica, che proprio dall’amata regina prende il nome. L’hotel Marquiss Issabel porta la firma di Andrea Spada e Michele Corbani, un duo di origini milanesi che ha fatto fortuna in Spagna, fondando a Madrid lo studio Ilmiodesign. Se già nel brand si avverte la volontà di rivendicare l'appartenenza italiana, non è difficile immaginare l'entusiasmo e l'attenzione con cui la coppia di creativi ha affrontato questa sfida, trasformandola in un tributo, o meglio una dichiarazione d'amore, ai grandi nomi dell'età d'oro del Made in Italy, come Gio Ponti e Carlo Mollino.

@ Fernando Alda

All'esterno, l'albergo si presenta come un volume compatto e specchiato, di impronta moderna. Il primo tratto nostalgico è la griglia che scherma le vetrate del pianterreno, la cui geometria irregolare, impreziosita da forme colorate e dettagli in ottone, strizza l'occhio al secolo scorso. Questo involucro di vetro non è una linea di confine, ma piuttosto un punto di contatto tra dentro e fuori, che mira a fondere la piazza con la hall.

 

@ Fernando Alda

Appena entrati, il dettaglio che colpisce è il lampadario, fatto di pezzi di metacrilato raccolti in una grande scatola di legno. Non vi stupite se non scorgete il classico spazio reception: qui il check in si fa col cellulare e si può andare direttamente in camera senza fermarsi all'ingresso.

Sulla sinistra si dispiega il grande bar, con un bancone di 18 metri realizzato in pietra nera di Marquina, che dialoga con una varietà di mobili casual e colorati, sempre ispirati agli anni 50.

@ Fernando Alda

Se dopo un veloce aperitivo volete accomodarvi al ristorante per la cena, l'albergo ha in serbo per voi una soluzione accattivante, oltre che gustosa: avvolto in un guscio di pannelli di legno laccati di verde, c'è il ristorante la Reina, un’esplosione di contrasti cromatici e linee audaci che più vintage non si può. Particolarmente azzeccati sono i divani rosso fuoco, mentre dal soffitto pendono lampadari di forme diverse, realizzati in ferro e ottone. Il pavimento nero in rovere riporta ordine, aggiungendo la giusta dose di eleganza e tranquillità.

Per uno spuntino salutare, a base di ingredienti rigorosamente bio, c'è invece il Wild Food, uno spazio intimo e sofisticato, incorniciato da un perimetro dorato, dove anche il motivo grafico delle piastrelle su cui mettete i piedi è disegnato ad hoc.

 

@ Fernando Alda

L’oro torna protagonista anche nelle camere: queste si caratterizzano infatti per una banda che taglia orizzontalmente le pareti, passando anche su specchi e armadi, dorata appunto. La parte alta viene così nettamente distinta dalla parte bassa, in cui il muro si confonde con la moquette. Ne deriva un cromatismo di grande impatto, con blocchi di colore su cui spiccano dettagli originali, come gli specchi, omaggio a Carlo Mollino, o le intriganti lampade dalle ramificazioni contorte.

@ Fernando Alda

L'illuminazione è tra gli aspetti curati con maggior dedizione da Ilmiodesign: anche nella Spa si viene subito catturati dai faretti Led che simulano tante piccole candele. Pennellate d'oro anche qui danno calore all'ambiente, che evoca un'atmosfera opulenta e sommessa insieme, come se i clienti avessero accesso ai bagni privati della regina.

 

@ Fernando Alda

Per eventi e ricevimenti, c’è infine un’apposita sala, che ripropone gli ingredienti già apprezzati:.geometrie audaci e finiture dorate. Qui le pareti sono in tessuto e i colori decisi, perché la personalità non può mai mancare, ed è il perfetto complemento del comfort. L’hotel Marquiss Issabel insomma è la destinazione ideale per chi sogna vacanze di design: un mix affascinante di nostalgia e modernità, che porta un po' di orgoglio italiano nel cuore di una delle più belle città della Spagna.

marquis-hotels.com

www.ilmio.design


di Elisa Zagaria / 12 Novembre 2017

CORNER

Interior Decoration collection

[Interior Decoration]

Ristorante o fiorista?

Il ristorante nascosto dai fiori in Cina

Travel

[Interior Decoration]

Cibo e arte al museo

Lo chef Frederik Bille Brahe presenta il cafè creativo Kafeteria

Travel

[Interior Decoration]

Nostalgia australiana a Seoul

Tutto marmi e accenti artistici, il nuovo ristorante Caravan 2.0

Travel

[Interior Decoration]

Bali da sogno

A Bali OMNIA apre un dayclub capace di colpire tutto i sensi

Travel

[Interior Decoration]

Ladurée a Tokyo

India Mahdavi firma il terzo store della pasticceria francese

Travel

[Interior Decoration]

Artisti nei borghi

3 artisti con Airbnb ridanno slancio ai borghi italiani

Travel

[Interior Decoration]

Elogio dell’anticamera

Restyling di un appartamento vista mare a Lerici

Restyling

[Interior Decoration]

Dentro un De Chirico

Apre a Milano uno store sospeso tra leggerezza e materia

Travel

[Interior Decoration]

Hotel di design a Providence

The Dean mette a frutto le idee degli studenti

Travel

Hearst Magazines Italia

©2018 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web