ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Edonistico e glam, l'hotel più famoso di Palm Spings rivisto da Jonathan Adler è tutto tranne che tipico

Il restyling del celebre The Parker Palm Springs coniuga edonismo ed eccentricità in un ambiente rilassato che omaggia il modernismo e la vecchia Hollywood

jonathan-adler-hotel-the-parker-palm-springs-piscina
© Nikolas Koenig

Prendete un guro del design come Jonathan Adler, un hotel iconico e una location piena di fascino, metteteli insieme, e otterrete il “nuovo” The Parker Palm Springs.

Non tragga in inganno l'aggettivo: stiamo parlando di un albergo prestigioso e pieno di storia, che l’anno prossimo compirà sessant’anni. Ma tutti prima o poi abbiamo bisogno di un lifting. O almeno è così che la vede Adler, l'eccentrico designer che gli ha rifatto il look.

Leggi anche: Arredare casa, 18 siti di mobili online che conoscono solo i veri esperti

© Nikolas Koenig

Vitale, eclettico, glam: così appare ora l'hotel The Parker ristrutturato da Jonathan Adler, baciato dal sole della California del Sud, in quell’oasi di benessere e mondanità che ê Palm Springs, meta prediletta dell'elite di Los Angeles ma anche culla della sperimentazione architettonica e dell’International style di metà novecento.

Non a caso, di ispirazione modernista è anche la struttura che ospita l’albergo di Palm Spings, eretto nel 1959, e passato attraverso mille fasi (e altrettante metamorfosi): ex Holiday Inn (il primo della California), poi quartier generale della squadra di baseball dei Los Angeles Angels, e ancora Resort di Merv Griffin e Givenchy Spa.

Leggi anche: Vacanze a Palm Springs? Dal Party Animal al Boho-chic, trova l'hotel su misura per te

© Nikolas Koenig

Stravolgimenti e novità, insomma, da queste parti sono la prassi. Ciò che nel tempo non è mai mutato sono invece gli standard di assoluta eccellenza, che hanno consacrato l'hotel a buen retiro di tanti milionari e divi di Hollywood. In questo via vai di proprietari e ospiti illustri, l’albergo inevitabilmente è invecchiato un po’, e allora ecco che il designer Jonathan Adler è giunto in suo soccorso, rinverdendo gli antichi fasti con l’aggiunta di una ventata di freschezza e imprevedibilità.

© Nikolas Koenig

Noto soprattutto per le combinazioni caleidoscopiche di materiali e disegni insoliti nelle sue collezioni di mobili, ceramiche e illuminazioni, Adler ha impresso all’hotel The Parker Palm Springs la sua inconfondibile impronta di design chic, ricreando un’atmosfera glamour, ludica ed edonistica insieme, che è un tripudio di fantasia.

La sua prima preoccupazione era spogliare l'albergo di quella patina ricercata ma un po’ fredda che lo connotava. Il lusso non dovrebbe mai essere intimidente, è il mantra di Jonathan Adler designer, tanto più vero quando tutto intorno si stende un deserto d’oro abbagliante, che invita a rilassarsi e godersi la vita.

© Nikolas Koenig

Palm Springs è un luogo spensierato, sospeso e un po’ magico, che non disdegna guizzi di “follia”. E allora ecco che ad incarnare perfettamente lo spirito del nuovo The Parker è l’enorme banana in bronzo alta sette metri, che troneggia nel parco. Evocativa e provocatoria, è la prima scultura pubblica di Adler, che ne va particolarmente fiero.

La stessa audacia espressiva si ritrova negli interni, curati nei minimi dettagli e incredibilmente fotogenici, coi loro pattern grafici e i colori vibranti che sembrano fatti apposta per fare incetta di like su Instagram. Delle 144 camere disponibili, la più rappresentativa è forse la Gene Autry Residence, suite dedicata alla star del country che un tempo vi abitava.

© Nikolas Koenig

Qui Adler ha ridisegnato la sala da pranzo, posizionando al centro un tavolo in legno di faggio contornato di sedie in ottone e lana color arancio brillante. Sul pavimento è adagiato un tappeto a zig zag tessuto a mano, mentre tutto intorno spuntano accessori, stampe e lampade di grande personalità, che inebriano gli occhi e rendono vivo ed elettrizzante lo spazio.

© Nikolas Koenig

Le vibrazioni vintage, come i dettagli Art Déco, sono un omaggio dovuto alla vecchia Hollywood e al nobile background architettonico della città. Anche la natura rivendica il suo ruolo in questo mix vitaminico e intrigante: vetrate ininterrotte smussano i confini tra interno ed esterno, patii privati cedono all’assalto di palme e fronde lussureggianti. Si può scegliere di dondolarsi languidamente su un’amica, in solitudine, oppure intrattenersi negli spazi comuni, avvolti dall'abbraccio del paesaggio tropicale disegnato da Judy Kameonl.

© Nikolas Koenig

E a ribadire il lifestyle rilassato e ameno dell’hotel più famoso di Palm Springs ci pensa il delizioso stand in mezzo al prato, coi suoi sgabelli variopinti su cui sostare sorseggiando limonata. È il lusso a portata di mano del nuovo The Parker, un universo pop dove l'eleganza si tuffa nella sfrontata giocosità di ambienti confortevoli e sofisticati, che sembrano set cinematografici, ma con l’anima.

In altre parole, nonostante gli accenti estrosi e opulenti, qui è facile sentirsi a casa. Non una casa reale, ma quella immaginifica e sbalorditiva in cui tutti vorremmo vivere.

© Nikolas Koenig

www.jonathanadler.com

www.theparkerpalmsprings.com


di Elisa Zagaria / 14 Marzo 2018

CORNER

Interior Decoration collection

[Interior Decoration]

Ristorante o fiorista?

Il ristorante nascosto dai fiori in Cina

Travel

[Interior Decoration]

Cibo e arte al museo

Lo chef Frederik Bille Brahe presenta il cafè creativo Kafeteria

Travel

[Interior Decoration]

Nostalgia australiana a Seoul

Tutto marmi e accenti artistici, il nuovo ristorante Caravan 2.0

Travel

[Interior Decoration]

Bali da sogno

A Bali OMNIA apre un dayclub capace di colpire tutto i sensi

Travel

[Interior Decoration]

Ladurée a Tokyo

India Mahdavi firma il terzo store della pasticceria francese

Travel

[Interior Decoration]

Artisti nei borghi

3 artisti con Airbnb ridanno slancio ai borghi italiani

Travel

[Interior Decoration]

Elogio dell’anticamera

Restyling di un appartamento vista mare a Lerici

Restyling

[Interior Decoration]

Dentro un De Chirico

Apre a Milano uno store sospeso tra leggerezza e materia

Travel

[Interior Decoration]

Hotel di design a Providence

The Dean mette a frutto le idee degli studenti

Travel

Hearst Magazines Italia

©2018 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web