ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Stile Mix and Match per l'Hotel Panache a Parigi che si ispira a New York

Nel cuore della capitale francese un albergo firmato Dorothée Meilichzon che reintrepreta le atmosfere Art Nouveau in chiave moderna

Stile Mix&match all’angolo tra rue Faubourg Montmartre e rue Geoffroy Marie, nel cuore pulsante di Parigi, dove si trova l’Hotel Panache. La zona è quella rinomata in tutto il mondo per il ritmo vorticoso che non si ferma mai. Accanto all’hotel infatti si trova la storica casa d’aste Drouot, gli ampi Grands Boulevards e i tantissimi teatri.

L’edificio che ospita l’Hotel Panache è un palazzo storico del 1800, situato proprio sul crocevia. La sua particolare ubicazione ha fatto ricordare all’interior designer Dorothée Meilichzon, che ha curato tutta la progettazione interna, il fascino del Flatiron Building di New York. Ed è a questo capolavoro di architettura, imponente ed elegante, che si è ispirata nella scelta degli arredi, senza dimenticare tuttavia quell’allure tipicamente parigina.

Due le scelte stilistiche fatte dalla designer: offrire delle esperienze uniche ed esclusive ai clienti dell’hotel, e mantenere viva quell’atmosfera Art Nouveau che si respira in quella zona di Parigi, reinterpretandola in chiave contemporanea. Tutte le 40 camere, distribuite su sette piani, sono diverse una dall’altra. Ma tutte sono state arredate secondo la stessa gamma cromatica: blu navy, verde bandiera e grigio antracite su sfondo bianco.

Gli arredi sono un mix di mobili disegnati dalla designer – come i letti con la testata in paglia di Vienna e metallo dipinto di nero - , pezzi acquistati  nelle gallerie di design e nei mercantini di brocantage. Le piastrelle di ceramica, la carta da parati e le moquette, tutte diverse, creano un caleidoscopio di colori e pattern, sapientemente abbinati tra loro in un continuo rimando stilistico e decorativo. Per i punti luce sono stati scelti lampadari in ottone e vetro soffiato, gli stessi che si ritrovano nella versione applique al piano terra e nella sala ristorante. Qui si ritrovano gli stessi colori dominanti delle camere, come il blu per i divani imbottiti, il grigio per gli ovali dipinti sui pannelli delle boiserie, e in aggiunta c’è l’arancio bruciato per le sedute rivestite in velluto. Completano l’atmosfera da bistrot i tavolini con le gambe in ferro dipinti di nero, gli specchi alle pareti, e il pavimento in legno a lisca di pesce scuro, intervallato da mosaici con piccoli disegni geometrici.

Tanti infine i dettagli molto curati, che contribuiscono a creare nell’hotel Panache un’atmosfera piacevolmente elegante. Come i telefoni a parete in tutte le camere, che sono la perfetta riproduzione del modello in bachelite Ericsson del 1931, e gli interruttori in ceramica, proprio come quelli degli anni ’20. E ancora, la cancelleria a disposizione nelle stanze proviene dalla raffinata La Petite Papeterie Française , i cioccolatini dalla più antica cioccolateria di Parigi À la Mère de Famille.

www.hotelpanache.com

SCOPRI ANCHE: 
 Un weekend di design a Parigi: gli indirizzi da non perdere
La Demeure, un nuovo boutique hotel a Parigi
 Design e vintage all'hotel Henriette
Hotel a Parigi per giovani globetrotter
Dimorestudio: un hotel a Parigi dall'anima Déco


di Maria Chiara Antonini / 13 Luglio 2016
tags:

hotel , Parigi

CORNER

Interior Decoration collection

[Interior Decoration]

abitare mini

13mq di curiose idee di storage in una cornice color pastello

mini case

[Interior Decoration]

Come together

Il restyling di un coworking panoramico ad Amburgo

uffici di design

[Interior Decoration]

Idee per un arredamento vintage

Per chi non resiste al fascino del retrò ma ha paura di azzardare

Top Ten

[Interior Decoration]

A pranzo tra le piante

A Barcellona un ristorante vegetariano che offre un'oasi verde di pace

ristoranti

[Interior Decoration]

Vivere da diversamente abile

Conservare il passato senza rinunciare alle esigenze attuali

Casa moderna

[Interior Decoration]

L'interior design a Roma

Cantiere Galli Design, l'indirizzo per design lovers della capitale

negozi di design

[Interior Decoration]

Anima bipolare

Spazi ristretti risolti con una diagonale in un caffè di Adelaide

lounge bar

[Interior Decoration]

Loft sì, ma piccolo

Open Space, stile industrial e doppie altezze per questa casa in Spagna

Loft

[Interior Decoration]

Ci si vede all’elefante

A Francoforte un bar che sembra un grande origami blu

lounge bar

Hearst Magazines Italia

©2017 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web