ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Mobili colorati attrezzano la nuova scuola di inglese di Madrid per imparare giocando

Il nuovo centro English for Fun, firmato dal Rica Studio, permette ai bambini di imparare in un parco avventura

mobili-colorati-per-imparare-l-inglese-giocando-scuola-madrid
Miguel de Guzman

Un primo piano dei mobili colorati pensati dal Rica Studio che ha progettato la sede centrale della scuola di lingue English for Fun di Madrid, ispirandosi al metodo educativo seguito nei corsi, il Reggio Emilia approach, secondo cui l'apprendimento deve stimolare la creatività e i cinque sensi dei bambini

Mobili colorati attrezzano una scuola pensata come un un parco avventura: il Rica Studio di Madrid ha progettato, nella capitale spagnola, una scuola che permette a bambini di ogni età e condizione fisica di imparare giocando. È la nuova sede centrale della English for Fun, dove le lingue sono insegnate seguendo il Reggio Emilia approach, un metodo pedagogico nato in Italia ma oggi diffuso in tutto il mondo e ispirato all'idea che i bambini siano individui con un proprio potenziale unico e speciale, da stimolare e incoraggiare.

Foto di: Miguel de Guzman

Foto di: Miguel de Guzman

Il nuovo centro English for Fun, progettato dagli architetti Lorena del Río e Iñaqui Carnicero, è nato proprio con l'obiettivo di permettere ai piccoli studenti di esprimere la propria creatività nell'interazione con lo spazio attraverso questa serie di mobili colorati che contengono, rilassano e permettono di utilizzare tutti e cinque i sensi nel processo d'apprendimento. «Un'opportunità per approfondire la capacità del design di dare forma all'esperienza».

Foto di: Miguel de Guzman

L'edificio, ampio circa 1050, si estende su due piani. L'ambiente è neutro e polifunzionale, diverso dai classici luoghi per bambini pieni di poster e giocattoli. Nel Reggio Emilia approach adottato dalla scuola spagnola, infatti, l'apprendimento è basato sull'esplorazione libera e continua dello spazio, visto alla stregua di un terzo insegnante, dopo i docenti e la famiglia, e sull'interazione creativa con gli oggetti.

Foto di: Miguel de Guzman

Le classi, delimitate da questa parete attrezzata e abitabile di mobili colorati moderni, è costituita da una cornice in alluminio giallo e da un sistema di scatole estraibili in legno di faggio. La struttura crea delle nicchie in cui i bambini possono arrampicarsi e in cui riporre gli attrezzi non in uso o per riconfigurare velocemente gli ambienti. Il sistema, accessibile sia dalla classe che dal corridoio, è caratterizzato dalla doppia percezione. Lo spazio è fluido e visivamente continuo permettendo, ai genitori, di osservare il processo di apprendimento e, ai bambini, di muoversi senza vincoli. 

www.ricastudio.com

SCOPRI ANCHE:
Pareti colorate per il restyling di una fattoria in Portogallo
Pareti colorate per un polo scolastico a Montpellier
Una nursery per bambini nel verde


di Alessandra D'Angelo / 7 Marzo 2017

CORNER

Interior Decoration collection

[Interior Decoration]

Hotel o club esclusivo?

Luci soffuse e atmosfera intima da Room Mate Gerard a Barcellona

hotel

[Interior Decoration]

Design giapponese, colori del Perù

Il nuovo Nobu Dowtonwn progettato da David Rockwell

ristoranti

[Interior Decoration]

Design alle Maldive

Ospiti di Cocoon, il resort di design nel blu dell'Oceano indiano

hotel

[Interior Decoration]

La rivoluzione dell'hotellerie

Patrick Norguet firma il nuovo Okko Hotel di Parigi

hotel

[Interior Decoration]

Luxury per tutti

Il nuovo hotel di Ian Schrager a New York

Hotel

[Interior Decoration]

White Forest

La firma di Tokujin Yoshioka per un negozio di scarpe a Tokyo

negozi di design

[Interior Decoration]

Refettorio felice

Ilse Crawford firma il nuovo spazio londinese del progetto di Bottura

ristoranti

[Interior Decoration]

Lavorare di fantasia

Tokyo incontra New York in un coworking...a Madrid

coworking

[Interior Decoration]

Bellezza imperfetta

Makhno firma una casa minimalista e rustica ispirata al wabi-sabi

casa moderna

Hearst Magazines Italia

©2017 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web