ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Mobili in cartone per un bar della felicità a Taiwan

Si chiama Paper Space lo spazio temporaneo progettato con la carta dallo studio di J.C. Architecture, un luogo di cambiamento e di evoluzione, dove le persone possono sentirsi a proprio agio

mobili-in-cartone-paper-space-bar-taiwan
Zach Hone

 Paper Space è un’istallazione artistica all’interno dell’Happier Cafè: temporanea come la felicità, grazie alla carta, diventa luogo privilegiato per l’espressione della propria creatività

 Cosa c'entrano i mobili in cartone con la felicità? Che cos’è la felicità e cosa rende felici? È qualcosa di tangibile o una semplice sensazione?

Questo è stato il punto di partenza dal quale è nato il progetto Paper Space di J.C. Architecture all’interno dell’Happier Cafè. Se la risposta al dilemma è che la felicità è l’espressione della propria creatività, per lo studio di design taiwanese gli oggetti di carta sembrano l’elemento più indovinato per esprimerla. Costantemente e strettamente legata alla nostra vita quotidiana, è proprio la carta a svolgere molteplici funzioni nella nostra vita: da quando ci svegliamo e leggiamo il giornale al mattino, fino all’utilizzo come materiale per documenti, libri e carta moneta.

E all’Happier Cafè con i mobili di cartone si è creato un luogo di cambiamento e di evoluzione, dove le persone possono sentirsi a proprio agio. Il progetto Paper Space è stato immaginato come un'installazione artistica temporanea, visto che il contratto di locazione dell’Happier Cafè è di solo sei mesi, e come la felicità è fantasioso e ludico ma non non costante nel tempo. In questo spazio non c’è una distinzione tra pavimento, parete e soffitto ma un flusso di continuità tra materiali che l’utente stesso usa per trasformare lo spazio. Il risultato è uno spazio che le persone condividono creando una sensazione di intimità.

Sfidare le convenzioni tradizionali di arredo aiuta le persone a essere maggiormente consapevoli di cosa succede nello spazio intorno a loro e a rompere le abitudini ripensando a quello che facciamo e chi siamo. Utilizzare cose di carta è infine il modo ideale per permettere a tutti di esprimersi costruendo l'ambiente che lo circonda in base al proprio stato d'animo.

www.johnnyisborn.com

SCOPRI ANCHE:
Perché il tavolo rotondo di Moreno Ratti è nato a Taiwan?
 Pareti colorate di blu e nascondigli segreti, una casa bellissima a Taiwan
 Quali sono le 6 città più belle del mondo per chi vive di design?


di Paola Testoni / 2 Gennaio 2017

CORNER

Interior Decoration collection

[Interior Decoration]

A pranzo tra le piante

A Barcellona un ristorante vegetariano che offre un'oasi verde di pace

ristoranti

[Interior Decoration]

Vivere da diversamente abile

Conservare il passato senza rinunciare alle esigenze attuali

Casa moderna

[Interior Decoration]

L'interior design a Roma

Cantiere Galli Design, l'indirizzo per design lovers della capitale

negozi di design

[Interior Decoration]

Anima bipolare

Spazi ristretti risolti con una diagonale in un caffè di Adelaide

lounge bar

[Interior Decoration]

Loft sì, ma piccolo

Open Space, stile industrial e doppie altezze per questa casa in Spagna

Loft

[Interior Decoration]

Ci si vede all’elefante

A Francoforte un bar che sembra un grande origami blu

lounge bar

[Interior Decoration]

Dormire in un ex- magazzino

Un boutique hotel ricco di storia industriale nasce a Singapore

Hotel

[Interior Decoration]

Casa DIY ad Amsterdam

Creare con i progettisti spazi di design, funzionali e flessibili

Loft

[Interior Decoration]

Vintage e tattoo al ristorante

Un ristorante a Hong Kong arredato per portarci nella mente dello chef

ristoranti

Hearst Magazines Italia

©2017 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web