ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Resort di design sul lago in Cina in un'ex fattoria by studio IDO

Munwood Lakeside Resort è uno scenografico hotel affacciato sul lago Erhai, un'opera contemporanea nata dalla ristrutturazione di un'architettura vernacolare

Uno scenografico resort di design affacciato sul lago Erhai, in Cina. Un progetto firmato dallo studio IDO - Init Design Office che ha trasformato una vecchia fattoria in un moderno hotel, attraverso un contemporaneo esercizio di architettura vernacolare.

Il Munwood Lakeside, questo il nome dell’hotel, è situato nella provincia occidentale dello Yunnan, nei pressi del villaggio di Jiapeng. Con i suoi tradizionali tetti spioventi e la sua struttura contemporanea, l’edificio rappresenta una particolare fusione di stili e culture. Un lavoro di armonizzazione che ha richiesto quasi due anni di lavoro e svariati cambi di rotta: ”Durante la fase di progettazione”, ricordano gli architetti, “abbiamo dovuto correggere il concept più volte, per far si che l’hotel potesse offrire agli ospiti un’esperienza unica”.

Le tredici camere del Munwood Likeside godono tutte di un panorama straordinario grazie a terrazze dal look molto “europeo”. Quasi tutte le stanze sono caratterizzate da diverse soluzioni di interior, ognuna di esse è un universo da scoprire.

L’edificio è collegato idealmente al lago grazie a strutture che si allungano verso il blu, come un tranquillo giardino acquatico, dominato da un antico albero di tè. Un richiamo alla tradizione locale che ritorna anche nelle scenografiche mura di pietra. Il legame col territorio e il passato è rafforzato anche dall’utilizzo di legno di recupero per la creazione degli arredi.

Un’espressione della vocazione green del progetto che è ribadita da un giardino di alberi da frutta e da un orto ricco di genuine golosità.

L’ultimo tocco è affidato al fascino delle imperfezioni: “Abbiamo imparato ad amarle”, concludono gli architetti, “quelli che all’inizio sembravano limiti del design, come alcuni elementi grezzi, sono in realtà diventati particolari preziosi che regalano uno charme antico e spirituale agli spazi”.

SCOPRI ANCHE:
 → Hotel Le Meridien a Zhengzhou by Neri&Hu


di Francesco Marchesi / 7 Luglio 2016

CORNER

Interior Decoration collection

[Interior Decoration]

Hotel o club esclusivo?

Luci soffuse e atmosfera intima da Room Mate Gerard a Barcellona

hotel

[Interior Decoration]

Design giapponese, colori del Perù

Il nuovo Nobu Dowtonwn progettato da David Rockwell

ristoranti

[Interior Decoration]

Design alle Maldive

Ospiti di Cocoon, il resort di design nel blu dell'Oceano indiano

hotel

[Interior Decoration]

La rivoluzione dell'hotellerie

Patrick Norguet firma il nuovo Okko Hotel di Parigi

hotel

[Interior Decoration]

Luxury per tutti

Il nuovo hotel di Ian Schrager a New York

Hotel

[Interior Decoration]

White Forest

La firma di Tokujin Yoshioka per un negozio di scarpe a Tokyo

negozi di design

[Interior Decoration]

Refettorio felice

Ilse Crawford firma il nuovo spazio londinese del progetto di Bottura

ristoranti

[Interior Decoration]

Lavorare di fantasia

Tokyo incontra New York in un coworking...a Madrid

coworking

[Interior Decoration]

Bellezza imperfetta

Makhno firma una casa minimalista e rustica ispirata al wabi-sabi

casa moderna

Hearst Magazines Italia

©2017 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web