ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

L'open space che prende il posto di un antico fabbro

Nel loro ultimo progetto Michaelis Boyd lasciano tutte le tracce della lunga storia di questa casa londinese, per scoprire quanto siano importanti gli spazi vuoti

open-space-michaelis-boyd-londra
Courtesy of Michaelisboyd

 

Siamo a Clerkenwell, nell’est di Londra dove si trova una casa open space con una lunga storia da raccontare. Per iniziare dobbiamo andare infatti a ritroso fino al 1700 quando questo edificio nasce per ospitare il laboratorio di un fabbro. Un’eredità importante che dopo vari secoli e altrettanti ristrutturazioni e cambi d’uso, gli architetti Alex Michaelis and Tim Boyd hanno voluto tenere in considerazione nel loro restyling giocando con dettagli raw che danno un carattere particolare a tutta la casa.

Si tratta dell’abitazione a tre piani di una famiglia circondata da un folto gruppi di amici. Per questa ragione si è pensato di suddividere perfettamente la destinazione dei vani: al piano terreno, un open space adatto a riunioni conviviali, mentre il primo e il secondo piano verranno utilizzati rispettivamente per zona giorno e notte.

Ma il cambiamento non si ferma qui: l’architetto ha saputo suggerire agli abitanti una diversa suddivisione degli spazi che consentisse un’ampia e fluida circolazione interna e un senso di connessione con gli esterni grazie ad ampi terrazzi. Il sapore contemporaneo arricchito da un tocco raw si integra lascia entrare la natura nella casa: tre betulle crescono nel patio interno del pian terreno e con i loro rami arrivano a “bucare” la terrazza dei piani superiori. La sensazione di larghi spazi interni è stata invece ottenuta con delle aree vuote che aumentano notevolmente la sensazione di ampiezza.

Interessante poi la facciata esterna che con i suoi mattoni scuri richiama la tradizione animandola poi con un twist minimalista e grafico: oltre a piccole feritoie create con la posa dei mattoni, perfette per la ventilazione, sono state aperte finestre lunghe e strette e altre ampie e quadrate, una sorta di moderno bovindo. Sono proprio queste che grazie alla loro sporgenza verso l’esterno creano delle bellissime sedute interne, sospese nell’aria, sia nel soggiorno che nella camera da letto. Da notare i materiali scelti per i rivestimenti: a partire dai pavimenti di cemento lucidato al piano terra e quelli di rovere rustico ai piani superiori per finire con l’acciaio e il bronzo anticato di porte e finestre.

Cemento e pietra sono stati anche usati per i servizi e per l'ambiente cucina open space, che, una volta aperta la parete in vetro, si apre verso l’esterno senza soluzione di continuità. Per proseguire questo dialogo tra recupero della tradizione e gusto moderno, si è riportato alla luce anche la vecchia parete interna in mattoni che è stata poi dipinta di bianco per aumentare la luce proveniente dal lucernario. In questo muro si apre anche il camino minimalista alimentato a bioetanolo, che grazie a una poltrona e a un ampio tappeto turchese si trasforma in un angolo tranquillo dove osservare, fuori dalla finestra, il quartiere.

Intorno al patio centrale, oltre alla cucina, si dispongono anche l'angolo bar, la palestra, l’ufficio - che si può trasformare facilmente in camera per gli ospiti - e infine il soggiorno open space illuminato anche da un lucernario. La zona notte è stata concepita come un’area di relax e cocooning con un letto creato su misura in legno di quercia tinto in nero tinto quercia e testiera in velluto. Palette antracite invece per il bagno di cemento lucidato e di gusto grafico.

La scelta voluta di lasciare spazi vuoti aumenta la percezione di ampiezza e soprattutto regala una sensazione di calma e tranquillità. Per unire i tre piani si è ideata una scala in rovere e placche di acciaio nere con ringhiera traforata dello stesso colore, le cui trasparenza permettono di mantenere il flusso di luce.

www.michaelisboyd.com

SCOPRI ANCHE:
→ Da ex magazzino a loft, un restyling a Londra
→ Una casa a Londra tra sperimentazione, sostenibilità e design
→ Vivere in una casa di 45 mq a Londra


di Paola Testoni / 27 Luglio 2017

CORNER

Interior Decoration collection

[Interior Decoration]

Arrivano le lifestyle House

A Shoreditch uno spazio che è loft, caffetteria, negozio e ufficio

Negozi di design

[Interior Decoration]

Speakeasy a Milano

Alla scoperta dei locali isiprati ai bar clandestini del Proibizionismo

itinerari, speakeasy, mixology, instant article, milano

[Interior Decoration]

Palazzo boutique

A Palazzo Torres il nuovo spazio veneziano di Dolce & Gabbana

negozi di design

[Interior Decoration]

7 locali per 7 città

Scelti per voi 7 locali trendy in 7 hot city europee

travel

[Interior Decoration]

Un caffè mediterraneo a Parigi

Un'oasi di pace progettata da Francois Champsaur

travel

[Interior Decoration]

Fuga d'autunno, 5 idee

Ponti d'autunno da trascorrere in giro per l’Italia e l'Europa

Travel

[Interior Decoration]

Concept street

L'indirizzo di Roma per alloggiare, mangiare e bere, fare shopping

negozi di design

[Interior Decoration]

Un bistrot firmato Urquiola

A Milano il ristorante 403030 basato sulla dieta a zona

Travel

[Interior Decoration]

Le Drugstore, il restyling

Riapre il Drugstore di Parigi con un restyling di Tom Dixon

Ristoranti

Hearst Magazines Italia

©2017 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web