ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Pannelli in plexiglass caratterizzano un ostello in Cina

Lo studio He Wei di Pechino firma un progetto di restyling rispettoso che punta su soluzioni moderne

pannelli-plexiglas-trasparenti-camera-da-letto
He Wei, Chen Long

Un uso curioso dei ben noti pannelli plexiglass quello pensato dallo studio dell'architetto cinese He Wei per questo ostello nel villaggio di Pingtian nel sud est della Cina. Qui, un modesto edificio su due piani in terra battuta e legno, noto localmente col nome di 'Papa's home' per via dell'anziano proprietario, è stato trasformato dallo studio di Pechino in un rifugio per giovani viaggiatori.

L'approccio scelto è conservativo. L'idea di He Wei Studio è infatti quella di mantenere, tra le architetture del piccolo villaggio, quell'omogeneità architettonica che conferisce al luogo una certa magia dando ai visitatori l'impressione di trovarsi in un classico villaggio rurale dell'antica Cina. La struttura esterna viene per questo motivo lasciata pressochè invariata.

(tutte le foto: He Wei, Chen Long)

Il carattere rispettoso caratterizza l'intervento all'interno dell'edificio dove, per la suddivisione degli spazi, lo studio ricorre a pannelli plexiglass trasparenti per realizzare le pareti delle piccole stanze. Arredate in modo essenziale, le camere ospitano solamente rigorosi letti a castello con struttura in legno chiaro, a riprendere il pavimento total wood.

Per creare movimento negli ambienti, sulle traslucide lastre plexiglass sono stati realizzati fori dalle forme geometriche che ricordano piccole finestrelle dalle quali sbirciare gli altri ospiti dell'ostello.

Elemento cruciale del progetto, la luce. Sia quella naturale che filtra da finestre e lucernari e la cui diffusione è agevolata dai pannelli in pvc sia quella artificiale scelta per l'illuminazione delle stanze. Le luci LED, posizionate lungo le cornici in legno delle camere, ne risaltano le geometrie e propagano una calda luce bianca negli ambienti creando un'atmosfera rilassata che diventa vibrante quando vira su toni colorati.


di Chiara Chioda / 6 Agosto 2016

CORNER

Interior Decoration collection

[Interior Decoration]

Ristorante o fiorista?

Il ristorante nascosto dai fiori in Cina

Travel

[Interior Decoration]

Cibo e arte al museo

Lo chef Frederik Bille Brahe presenta il cafè creativo Kafeteria

Travel

[Interior Decoration]

Nostalgia australiana a Seoul

Tutto marmi e accenti artistici, il nuovo ristorante Caravan 2.0

Travel

[Interior Decoration]

Bali da sogno

A Bali OMNIA apre un dayclub capace di colpire tutto i sensi

Travel

[Interior Decoration]

Ladurée a Tokyo

India Mahdavi firma il terzo store della pasticceria francese

Travel

[Interior Decoration]

Artisti nei borghi

3 artisti con Airbnb ridanno slancio ai borghi italiani

Travel

[Interior Decoration]

Elogio dell’anticamera

Restyling di un appartamento vista mare a Lerici

Restyling

[Interior Decoration]

Dentro un De Chirico

Apre a Milano uno store sospeso tra leggerezza e materia

Travel

[Interior Decoration]

Hotel di design a Providence

The Dean mette a frutto le idee degli studenti

Travel

Hearst Magazines Italia

©2018 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web