ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Pareti in legno e piante: a Barcellona un ristorante vegetariano per scappare dal caos

Si chiama The Green Spot e unisce la cucina innovativa dello chef Marcelino Jimenez ai materiali naturali e le linee rigorose dell’architetto brasiliano Isay Weinfeld

pareti-in-legno-ristorante-vegetariano-barcellona
Iñigo Bujedo-Aguirre

 The Green Spot il ristorante vegetariano dello chef Marcelino Jimenez si distingue per la semplicità degli interni a contrasto con una vegetazione ridondante ben visibile dalle grandi vetrate e nel patio

Con le sue pareti in legno e un cuore verde, The Green Spot – ristorante vegetariano nel quartiere storico di Barceloneta – celebra la cucina innovativa dello chef Marcelino Jimenez. E come le creazioni del grande chef anche il progetto dell’architetto brasiliano Isay Weinfeld è definito dall’audacia delle soluzioni e dalla sobrietà naturale dei materiali, con legno dai toni caldi che forma il perfetto contrasto con le pareti bianche e le aree dense di verde.

Entrando nel ristorante, gli ospiti percorrono un lungo corridoio dai rivestimenti in legno di quercia che sfocia in accogliente atrio verde, quasi una maniera per abbandonare i rumori esterni ed immergersi in un’atmosfera fatta di semplicità e rigore contemporaneo. Le arcate basse, le lastre di legno alle pareti, i tavoli di design e i divani bassi acuiscono l’attenzione sui dettagli dei pezzi di mobilio accuratamente selezionati per essere in armonia con l'architettura dell'edificio.

Dalle grandi vetrate rettangolari entra una vegetazione prepotente che contrasta con la serenità e il colore degli interni. Sono infatti tre le tinte in predominanza: il calore marrone del legno per pareti, la freschezza della vegetazione che spunta dalle vetrate e dal patio interno e la purezza del bianco delle pareti. Anche il bar, che serve bevande e ospita spettacoli dal vivo, presenta un bancone con poltroncine basse e lampade da tavolo che non stonerebbe all’interno di una biblioteca.

I colori degli arredi non si staccano volutamente dai toni terra di parete in legno e pavimento, accentuandoli. Dai toni delle confortevoli poltrone, ai piatti e ai bicchieri, tutto è un richiamo voluto al ritorno della semplicità della natura armonizzata dalle tinte calde e dalle forme organiche degli arredi. Anche l’illuminazione ha contribuito a creare questa atmosfera unica grazie ad alcune lampade a braccio alternate a spot incassati all’incrocio degli archi. La facciata con i tipici balconcini è stata semplificata creando delle vetrate a struttura di acciaio verniciato con toni mattone rosso scuro. Il risultato è il luogo ideale per assaporare le delizie vegetariane che Tarruella ama preparare per i suoi ospiti.

www.isayweinfeld.com

www.encompaniadelobos.com/the-green-spot/

SCOPRI ANCHE:
Uno dei bar più belli del mondo è a Barcellona
Boutique hotel a Barcellona
Gioielli, design e moda da Misui
→ A Barcellona, il bed and breakfast firmato Nook Architects


di Paola Testoni / 24 Febbraio 2017

CORNER

Interior Decoration collection

[Interior Decoration]

Hotel o club esclusivo?

Luci soffuse e atmosfera intima da Room Mate Gerard a Barcellona

hotel

[Interior Decoration]

Design giapponese, colori del Perù

Il nuovo Nobu Dowtonwn progettato da David Rockwell

ristoranti

[Interior Decoration]

Design alle Maldive

Ospiti di Cocoon, il resort di design nel blu dell'Oceano indiano

hotel

[Interior Decoration]

La rivoluzione dell'hotellerie

Patrick Norguet firma il nuovo Okko Hotel di Parigi

hotel

[Interior Decoration]

Luxury per tutti

Il nuovo hotel di Ian Schrager a New York

Hotel

[Interior Decoration]

White Forest

La firma di Tokujin Yoshioka per un negozio di scarpe a Tokyo

negozi di design

[Interior Decoration]

Refettorio felice

Ilse Crawford firma il nuovo spazio londinese del progetto di Bottura

ristoranti

[Interior Decoration]

Lavorare di fantasia

Tokyo incontra New York in un coworking...a Madrid

coworking

[Interior Decoration]

Bellezza imperfetta

Makhno firma una casa minimalista e rustica ispirata al wabi-sabi

casa moderna

Hearst Magazines Italia

©2017 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web