ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Una notte tra le pareti in pietra di un vecchio convento a Salamanca

Un indirizzo d'eccezione per immergersi in quella che chiamano la "città d'oro" per i rivestimenti in arenaria

pareti-in-pietra-hotel-a-salamanca
Foto: Courtesy of Design Hotels

Un mini uliveto in una delle tante corti interni dell’Hospes Palacio San Esteban di Salamanca, la città festeggerà nel 2018 gli 800 anni della sua storica Università, la più antica della Spagna

 

Salamanca è un dedalo di stradine costeggiate da edifici in cui le pareti in pietra di Villamayor, con il suo colore dorato, sono il comun denominatore, tanto che alla luce riflessa dai rivestimenti in pietra di deve il soprannome di "La Dorada". Vagando tra la splendida assemblea di cattedrali, piazze, palazzi e giardini che continuano a invitare i visitatori di tutto il mondo vi renderete conto che Salamanca, costruita in pietra arenaria dai più grandi architetti della regione, ha più di una storia da raccontare. Basta entrare nel dedalo pittoresco delle stradine del centro storico per imbattersi in ristoranti, gallerie d’arte e romantiche caffetterie dall’atmosfera intima e accogliente, con le decorazioni alle pareti che armonizzano gotico e barocco.

Una storia che va a ritroso di oltre duemila anni se si pensa che già prima dei Romani qui esisteva una fortezza, Helmantica, creata da popolazioni iberiche. Conquistata da Annibale nel III secolo a.C. successivamente passò sotto il controllo dei Romani ai quali si deve lo splendido ponte sul fiume Tormes risalente al primo I secolo e tuttora esistente. Nel 712 viene conquistata dai Mori per tornare cristiana, nell’undicesimo secolo. Una storia millenaria che ha lasciato importanti tracce architettoniche nell’intera città. A cominciare dalla due cattedrali costruite adiacenti rispettivamente nel dodicesimo e nel sedicesimo secolo in stile gotico e romanico, testimonianza di un cultura religiosa ben radicata nell’heritage cittadino.

Se volete, restare strettamente legati a questa incredibile eredità culturale anche nella scelta del vostro hotel a Salamanca potete optare per un soggiorno al Palacio di San Esteban. Un tempo monastero domenicano facente parte con la Chiesa e il chiostro dell’enorme complesso di edifici in pietra dedicato a Santo Stefano, il maestoso volume è stato trasformato in un hotel dal design rigoroso che ben si sposa ai tanti dettagli storici presenti all’interno e all’esterno dell’edificio. Risalente al 16esimo secolo, quando la città era al culmine della sua grandezza, il complesso presenta spesse pareti di pietra, capaci di offrire un'oasi di tranquillità a pochi passi dai monumenti più notevoli di Salamanca.

All'Hospes Palacio de San Esteban, la storia si trova in ogni angolo: a cominciare dalle cucine dell’antico convento che con le loro caratteristiche volte basse in pietra , ospitano ora l’area ristorazione, fino alle ampie camere, 51 in totale, dove pietra e legno interagiscono con interni grafici e contemporanei. Anche l’illuminazione ha la funzione di sottolineare il calore dorato della pietra proveniente dalla vicina Villamayor e accentuare una sensazione di intima accoglienza.

Il cuore dell’hotel è uno spazio a doppia altezza sul quale si aprivano alcune delle camere dagli arredi moderni e minimalisti, perfetti se accoppiati all’ocra della pietra naturale delle pareti e al legno delle grossi travi del soffitto. Il complesso, costruito in epoche diverse e a più livelli, ha creato diverse terrazze attrezzate o giardini dove fanno mostrà di sè ulivi e macchia mediterranea.

www.hospes.com

www.designhotels.com

SCOPRI ANCHE:
In Francia un monastero diventa un hotel boutique
Da convento a studio creativo


di Paola Testoni / 14 Luglio 2017

CORNER

Interior Decoration collection

[Interior Decoration]

Qualcuno ha detto colore?

Ristrutturazione tra antico e moderno alla Wes Anderson

Uffici di design

[Interior Decoration]

Lusso ginnico

Gentlemen club? No, palestra! Nasce il club più esclusivo di Londra

design&wellness

[Interior Decoration]

Appartamento plug & play

Parte da Amsterdam l'idea che cambia il concetto di abitazione

hotel di design

[Interior Decoration]

Coworking di lusso a NYC

Un club privato, ecco la nuova frontiera per gli uffici di design

uffici di design

[Interior Decoration]

Una casa-palafitta sospesa

Quando l'architettura si deve adeguare al terreno e alla natura

Casa moderna

[Interior Decoration]

Restyling colorato in Israele

Un Duplex ristrutturato con il colore per una giovane coppia

Restyling

[Interior Decoration]

Un loft moderno e raw

Ex centrale del gas a Melbourne diventa casa dal sapore industriale

Restyling

[Interior Decoration]

Restyling in punta di piedi

Una casa mediterranea si rifà il look, senza tradire la propria identità

restyling

Hearst Magazines Italia

©2017 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web