ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Philippe Starck firma il lusso di Miami

Un progetto che unisce camere d'albergo ad appartamenti esclusivi, con un servizio a 5 stelle

philippe-starck-hotel-residence-sls-miami

 La south dining room del ristorante italiano Fi'lia nell'SLS Brickell di Miami, arredato da Philippe Starck con rimandi al Nordic Style, come le sospensioni Louis Poulsen. Sul fondo, tra la cornice e lo specchio, una collezione di cartoline dall'Italia  

Miami ha un nuovo gioiello firmato Philippe Starck, l'SLS Brickell Hotel & Residences, un progetto che mette assieme camere d'albergo e appartamenti di lusso, stile e creatività. Lo firmano i padrini della catena SLS, l'azienda americana sbe e il designer francese, assieme al Related Group, una delle principali imprese immobiliari in Florida.

L'SLS Brickell prende il nome dal quartiere in cui si trova, il cuore finanziario di Miami, a pochi passi da Downtown e dal Design District. La sua cifra stilistica ricorda in parte quella della struttura "sorella" inaugurata qualche anno fa nella stessa città, l'SLS South Beach, con gli interni sempre a firma Starck. Ma il tocco è decisamente più "urban".

Progettato dallo studio Arquitectonica, l'edificio ha 55 piani e ospita 124 stanze, suite incluse, e 450 appartamenti. Visto dall'esterno ha un profilo aguzzo, movimentato da balconi sporgenti che di notte si illuminano di blu. Non il tipico high-rise condo in vetro, acciaio e cemento, anche perché la facciata è decorata da un coloratissimo murales dripping dell'artista di origini tedesche Markus Linnenbrink, omaggio al carattere vivace di Miami. All'interno la struttura ospita altre opere d'arte commissionate ad hoc, ed è per questo che Philippe Starck ha parlato di un progetto "diverso dagli altri SLS, perché Miami è il nuovo centro mondiale dell'arte (leggi anche → OMA firma il Faena Forum di Miami). E in questo SLS non si parla di interior design ma di arte, che è meglio, perché l'arte è più eterna e universale dell'interior design".

Portando avanti il suo impegno ormai quasi trentennale nella progettazione di "designer hotel" destinati a diventare lo scenario di un'esperienza coinvolgente e, perché no, divertente, Philippe Starck ha curato gli interni dell'SLS Brickell scegliendo palette cromatiche neutre e materiali che raccontano una storia, come la pietra spezzata a mano e la ceramica, tanto legno, cuoio e marmo. Nelle stanze le pareti rosa si abbinano a una fascia nera che sembra uno skyline scomposto, gli arredi sono bianchi e luminosissimi e, in pieno stile Starck, c'è uno specchio proprio sopra al letto. A bordo piscina non poteva mancare la versione maxi e metallizzata della classica paperetta di gomma, si direbbe un marchio di fabbrica dell'SLS, già presente al South Miami.

Gli appartamenti, ai piani più alti del grattacielo, sono un perfetto setting per un lifestyle di lusso, così come i due ristoranti d'eccellenza, il Bazaar Mar dello chef Jose Andrés e il Fi’lia di Michael Schwartz. Due cuochi, una garanzia: il premio James Beard, l'Oscar della gastronomia. Il primo, come suggerisce il nome, è un trionfo del pesce, mentre Fi'lia, un richiamo alla parola "figlia", è un omaggio alla cucina italiana, da gustare in un ambiente in cui Starck ha accostato evidenti richiami al nordic style con souvenir mediterranei, come i piatti in ceramica. Nel menu, pancakes limone e ricotta con composta di frutti di bosco, Ceasar salad preparata al momento con crostini di garlic bread, scramble di cacio e pepe su una ciabatta tostata, e ben sei versioni dello Spritz.

Poi ci sono i servizi non stop, quelli che non possono mancare in un hotel (e residenza) a 5 stelle: l'obiettivo è soddisfare qualunque desiderio degli ospiti, dagli uomini d'affari ai turisti, istituendo un vero e proprio "buen retiro" nel cuore economico di Miami. Se amate il lusso, avete un nuovo indirizzo da aggiungere in agenda.

slshotels.com/brickell


di Alessandra d'Angelo / 10 Dicembre 2016

CORNER

Interior Decoration collection

[Interior Decoration]

A pranzo tra le piante

A Barcellona un ristorante vegetariano che offre un'oasi verde di pace

ristoranti

[Interior Decoration]

Vivere da diversamente abile

Conservare il passato senza rinunciare alle esigenze attuali

Casa moderna

[Interior Decoration]

L'interior design a Roma

Cantiere Galli Design, l'indirizzo per design lovers della capitale

negozi di design

[Interior Decoration]

Anima bipolare

Spazi ristretti risolti con una diagonale in un caffè di Adelaide

lounge bar

[Interior Decoration]

Loft sì, ma piccolo

Open Space, stile industrial e doppie altezze per questa casa in Spagna

Loft

[Interior Decoration]

Ci si vede all’elefante

A Francoforte un bar che sembra un grande origami blu

lounge bar

[Interior Decoration]

Dormire in un ex- magazzino

Un boutique hotel ricco di storia industriale nasce a Singapore

Hotel

[Interior Decoration]

Casa DIY ad Amsterdam

Creare con i progettisti spazi di design, funzionali e flessibili

Loft

[Interior Decoration]

Vintage e tattoo al ristorante

Un ristorante a Hong Kong arredato per portarci nella mente dello chef

ristoranti

Hearst Magazines Italia

©2017 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web