ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Un resort di lusso nella Repubblica Dominicana tra oceano e giungla

Amanera Resort, un hotel di design che scommette su materiali e artigianato locali

resort-di-lusso-repubblica-dominicana-amanera
courtesy Amanera Resort

Tra Playa Grande e la giungla, sulla costa oceanica della Repubblica Domenicana, si trova l’Amanera Resort sparso su oltre 2.000 acri di terreno

Un resort di lusso, ma un lusso discreto e un’atmosfera sobria. Questa l'aria che si respira all’Amanera Resort sulla costa oceanica della Repubblica Dominicana.

Situato sulla costa nord dell’isola, il resort progettato dall’architetto John Heah funge da insolito anello di congiunzione tra la natura lussureggiante della giungla e le infinite spiagge di sabbia dorata di Playa Grande.

Grazie al declivio che dalle montagne scende verso l’oceano, il resort si sviluppa su diversi livelli lungo tutto il pendio su un’estensione di oltre 2.000 acri di terreno e con una fantastica vista sul panorama marino.

Le “casitas” sono di sei diverse tipologie e alcune di esse sono anche provviste di piscina privata.

Il tratto essenziale che le accomuna è la scelta di utilizzare materiali e artigianato locale per l’arredo degli interni a partire dalla pietra, fino a manufatti e arte dominicana come le famose piastrelle Aguayo.

Niente di folcloristico però: gli esterni lineari e sobri sono lontanissimi dallo stile caraibico-tropicale. Solo gli interni amano mescolare stile contemporaneo con oggetti colorati tipicamente dominicani che si trasformano così in punti di colore capaci di giocare con la neutralità degli interni.

Le 25 suite disseminate tra giungla e spiaggia vantano tutta la privacy di cui i clienti necessitano ma per ogni esigenza di convivialità nel resort sono presenti vari bar con punto ristoro di cui uno sulla spiaggia e uno sul campo da golf da 18 buche disegnato da Robert e Rees Trent Jones.

I tre  ristoranti, che utilizzano prodotti biologici, hanno finestre a tutt'altezza che assicurano un’ampia visuale sulla meravigliosa natura circostante. Ogni suite presenta ampie terrazze ombreggiate con zona  pranzo e aree relax esterne e, all'interno, alti soffitti e finiture in legno.

Per chi non si accontenta di tutto questo, il resort mette a disposizione anche delle ville da due a sei camere da letto che è possibile affittare o acquistare. In questo ultimo caso molti dettagli architettonici e arredi interni possono essere scelti dal proprietario per essere personalizzati.

Gli affittuari e i proprietari delle ville di Amanera hanno accesso privilegiato a tutte le strutture e i servizi del resort, tra cui i diversi punti di ristoro, il Beachclub, la Spa e la piscina principale a Casa Grande. Ogni villa dispone di due golf-car a quattro posti per facilitare l’accesso al green per i proprietari ed i loro ospiti.

www.aman.com

SCOPRI ANCHE:

Un hotel in Messico immerso nella natura tra le rovine Maya
A Phuket, un hotel su palafitte nella foresta tropicale
Un hotel sostenibile immerso nella natura in Sri Lanka


di Paola Testoni / 28 Marzo 2017

CORNER

Interior Decoration collection

[Interior Decoration]

Hotel o club esclusivo?

Luci soffuse e atmosfera intima da Room Mate Gerard a Barcellona

hotel

[Interior Decoration]

Design giapponese, colori del Perù

Il nuovo Nobu Dowtonwn progettato da David Rockwell

ristoranti

[Interior Decoration]

Design alle Maldive

Ospiti di Cocoon, il resort di design nel blu dell'Oceano indiano

hotel

[Interior Decoration]

La rivoluzione dell'hotellerie

Patrick Norguet firma il nuovo Okko Hotel di Parigi

hotel

[Interior Decoration]

Luxury per tutti

Il nuovo hotel di Ian Schrager a New York

Hotel

[Interior Decoration]

White Forest

La firma di Tokujin Yoshioka per un negozio di scarpe a Tokyo

negozi di design

[Interior Decoration]

Refettorio felice

Ilse Crawford firma il nuovo spazio londinese del progetto di Bottura

ristoranti

[Interior Decoration]

Lavorare di fantasia

Tokyo incontra New York in un coworking...a Madrid

coworking

[Interior Decoration]

Bellezza imperfetta

Makhno firma una casa minimalista e rustica ispirata al wabi-sabi

casa moderna

Hearst Magazines Italia

©2017 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web