ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

La Wimbledon House di Richard Rogers dopo il makeover è ancora un'icona

Lo storico progetto dai colori fluo ristrutturato da Phillip Gumuchdjian è un omaggio allo stile degli anni '60

wimbledon-house-richard-rogers
Iwan Baan. Courtesy of the Harvard Graduate School fo Design

La Wimbledon House di Richard Rogers

Restyling d'autore per la Wimbledon House a Londra: il famoso progetto dell'architetto Richard Rogers è infatti stato ristrutturato da Phillip Gumuchdjian

Forse il nome Rogers non dice molto a chi non ha studiato architettura, ma tutti conoscono di sicuro i suoi progetti più rinomati: come il Centro Georges Pompidou di Parigi, il Millennium Dome di Londra e il terminal 4 dell'aeroporto di Madrid-Barajas (che è anche uno dei più postati sui social network). Nato a Firenze con il titolo di barone Rogers di Riverside, da una famiglia di origine inglese ma trasferita in Italia due secoli prima, Richard Rogers ha poi studiato architettura a Londra, diventando uno dei punti di riferimento dell'avanguardia più sperimentale. 

©Iwan Baan. Courtesy of the Harvard Graduate School of Design

Un esempio su tutti, che meglio rappresenta la sua visione progettuale così moderna già all'epoca, è la casa a Wimbledon, a sud di Londra. Leggera e flessibile, è stata costruita nel 1968 usando elementi di plastica, acciaio e arredata con colori fluo. Definita dallo stesso architetto "un tubo trasparente con solidi muri separatori", è stata poi ceduta dallo stesso architetto Rogers alla Harvard Graduate School of Design come centro studi. 

©Iwan Baan. Courtesy of the Harvard Graduate School of Design

Dopo 49 anni dalla sua costruzione, questa casa necessitava una ristrutturazione ed è stato incaricato Phillip Gumuchdjian, che conosce molto bene stile di Rogers avendo lavorato per anni nello studio Rogers and Partners Architects prima di mettersi in proprio. Tutta l'opera di recupero è stata concepita con l'intento di modernizzarne la struttura, mantenendo tuttavia intatto lo stile dell'epoca. Del progetto originale quindi, composto da due blocchi distinti circondati da un giardino piantumato, le pareti e il tetto sono stati ricostruiti con l'impiego di materiali più innovativi e performanti, mentre all'interno alcune pareti divisorie sono state eliminate così da avere una maggiore fluidità degli spazi. Anche i mobili sono stati sostituiti da altri fatti su misura, ma riproducendo fedelmente le forme fluide e i colori vitaminici. Il risultato: un capolavoro di recupero architettonico, che omaggia lo stile unico degli anni '60.

©Iwan Baan. Courtesy of the Harvard Graduate School of Design

SCOPRI ANCHE:
Come si ristruttura una casa progettata da Frank Gehry?


di Maria Chiara Antonini / 24 Luglio 2017

CORNER

Interior Decoration collection

[Interior Decoration]

Tradizione reinterpretata

A Londra apre l'hotel tra gusto vittoriano e esperienza ultramoderna

Travel

[Interior Decoration]

Philipp Plein a Parigi

Negli Champs-Élysées inaugurato il nuovo store del lusso estremo

Negozi di design

[Interior Decoration]

Un laboratorio spettacolare

Dimorestudio progetta il nuovo negozio Oliver Peoples a Miami

negozi di design

[Interior Decoration]

Il tropicalismo va di moda

Il nuovo concept store di Prada inaugurato a Miami

negozi di design

[Interior Decoration]

Caffè sì, tavoli no

Un coffee bar senza tavolini – ma con co-working – a Pechino

Uffici di design

[Interior Decoration]

Desideri in cucina

Casamenu, la piattaforma con tutti gli ingredienti della cucina

cucine di design

[Interior Decoration]

L'hotel nella fabbrica di ceramica

Antico e moderno per un'allure senza pari nel centro di Maastricht

Hotel di design

[Interior Decoration]

Quattro amici al bar

Fiori, design e cucina da scoprire dietro un portone milanese

Lifestyle

Hearst Magazines Italia

©2017 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web