ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Arredamento art deco per un bistrot cinese a Melbourne

Mix di culture e influenze anni 70 da Ricky and Pinky, l'ultimo progetto dello studio Sibling Architecture

 ricky-and-pinky-melbourne-by-sibling-architecture

Il ristorante Ricky and Pinky a Melbourne, firmato Sibling Architecture, fonde elementi tipici del multiculturalismo australiano influenzato dalla popolazione cinese degli anni '70. (Foto: Christine Francis)

Una serie di tubi affusolati color blu elettrico e oro, come fili conduttori, guidano i visitatori e creano una suggestiva continuità visiva tra gli spazi. È questa la più originale caratteristica di Ricky and Pinky, il ristorante con arredamento art deco progettato da Sibling Architecture e ospitato tra le mura del Builder Arms Hotel a Melbourne.

LEGGI ANCHE → Atmosfera art déco all'Hôtel Monsieur di Parigi

Sopra i tavoli i tubi diventano un circolo, e ospitano le luci e una serie di specchi, “che hanno lo scopo di riflettere il cibo e moltiplicarlo”, spiega lo studio, e aggiunge: “voleva essere un porta fortuna. Un augurio di longevità e infinito, tipico della cultura cinese”.

Il richiamo è agli anni '70, periodo chiave per la zona periferica della città in cui si trova il ristorante. Quegli anni, infatti, hanno aperto le porte alla forte influenza multiculturale dei popoli che passavano di lì, in particolare quello cinese, con la sua opulenza e le sue contaminazioni in ambito di food e design.

Ne è testimonianza la scelta dei colori, dei dettagli, dei materiali, che richiamano in maniera netta l'art déco tipica di Shangai, che trova la massima espressione su basi bianche dei muri e superfici neutre dei divani, che come tele accolgono l'esplosione dei colori intensi dei tappeti e dei muri divisori delle aree di ristoro.

Le sedie, sono in legno verniciato nero e semplici, ma la spalliera richiama la forma dei tubi oro e blu, veri protagonisti del progetto.

Qua e là, pannelli in ferro dello stesso blu intenso dei tubi, montati nella struttura, ospitano delle piante: elemento di contrasto all'atmosfera industriale del bistrò, nonché forte richiamo alla spiritualità e all'amore per la natura, tipici della regione australiana.

Grande complice è la luce, che filtra da grandi vetrate e regala giochi di riflessi e leggerezza, dentro un luogo in cui si respirano fascino e storia.

www.siblingnation.net


di Valentina Mariani / 18 Gennaio 2017

CORNER

Interior Decoration collection

[Interior Decoration]

Ristorante o fiorista?

Il ristorante nascosto dai fiori in Cina

Travel

[Interior Decoration]

Cibo e arte al museo

Lo chef Frederik Bille Brahe presenta il cafè creativo Kafeteria

Travel

[Interior Decoration]

Nostalgia australiana a Seoul

Tutto marmi e accenti artistici, il nuovo ristorante Caravan 2.0

Travel

[Interior Decoration]

Bali da sogno

A Bali OMNIA apre un dayclub capace di colpire tutto i sensi

Travel

[Interior Decoration]

Ladurée a Tokyo

India Mahdavi firma il terzo store della pasticceria francese

Travel

[Interior Decoration]

Artisti nei borghi

3 artisti con Airbnb ridanno slancio ai borghi italiani

Travel

[Interior Decoration]

Elogio dell’anticamera

Restyling di un appartamento vista mare a Lerici

Restyling

[Interior Decoration]

Dentro un De Chirico

Apre a Milano uno store sospeso tra leggerezza e materia

Travel

[Interior Decoration]

Hotel di design a Providence

The Dean mette a frutto le idee degli studenti

Travel

Hearst Magazines Italia

©2018 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web