ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Cosa succede se il rifugio alpino si rifà il look?

Al ristorante dell'Oberholz ski resort si cena sospesi a duecento metri d'altezza in tre volumi trasparenti dall'aspetto decisamente contemporaneo

rifugio-alpino-ristorante-oberhollz-mountain-hut
Oskar Dariz

Quando il rifugio alpino si rifà il look anche sciare diventa un’esperienza di design: all’Oberholz ski resort, nelle montagne del sud Tirolo, il nuovo ristorante realizzato dagli architetti Peter Pichler Architecture e Pavol Mikolajcak è composto da tre volumi geometrici di vetro e larice che si susseguono a sbalzo sulla vetta della montagna.

Con una vista mozzafiato e l’accesso diretto alla pista da sci il ristorante Oberholz Mountain Hut è il nuovo indirizzo per chi ama sciare, o solo godere di un’atmosfera intima sospeso in un rifugio a duecento metri d’altezza.

“La struttura a sbalzo s’innalza in cima alla montagna, come tre rami di un albero, creando un rapporto simbiotico con il paesaggio”, sostiene l’architetto. Gli interni scultorei e monumentali del rifugio, composti da travi di legno a vista, seguono un’andamento geometrico e dinamico che protende verso l’esterno, in un rapporto naturale in cui si annullano i confini con il paesaggio circostante.

“Alla fine dei tre rami si estende una grande facciata di vetro che incornicia le montagne circostanti”, aggiunge l’architetto. La struttura interna ispirata dal paesaggio con l’andamento curvilineo delle travi, con effetto spina di pesce, divide lo spazio in tre grandi partiture.

Tre ambienti raccolti con i tavoli che si affacciano sulle porte finestre di vetro a tutta altezza, sospese sul paesaggio. Reinterpretando l'architettura di montagna tipica dei rifugi, la struttura è composta da una rete di linee geometriche: dal soffitto si diramano alle pareti fino a punteggiare le sedute a panca che circondano i tavoli del ristorante. Tutto rigorosamente in legno oak.

Diviso in area ristorante e area lounge, con il camino che si staglia sulla parete grigia di cemento che contrasta con il resto dell’ambiente in cui dominano i toni chiari e luminosi del legno oak. Sul retro l'angolo raccolto dell’area bar con gli sgabelli e le sedute in legno rivisita il classico bar dello chalet di montagna in una chiave moderna moderna di cui la cifra stilistica sono la natura e il paesaggio.

www.oberholz.com

www.peterpichler.eu

SCOPRI ANCHE:
La perla nascosta del Kulm Hotel di St Moritz
Le 5 baite di montagna per le vacanze invernali
Come si costruisce in montagna? L'ispirazione da 3 rifugi alpini


di Monica Mascia London / 9 Marzo 2017

CORNER

Interior Decoration collection

[Interior Decoration]

500 anni e non sentirli

Il restauro di un'antica torretta medievale divenuta guest house

restyling

[Interior Decoration]

Sport e design

L'open space moderno di un appassionato di ciclismo a Barcelona

restyling

[Interior Decoration]

Micro-casa idilliaca

Sulle coste francesi, Freaks ristruttura un vecchio capanno di pesca

casa vacanze

[Interior Decoration]

Hotel o club esclusivo?

Luci soffuse e atmosfera intima da Room Mate Gerard a Barcellona

hotel

[Interior Decoration]

Design Japan, tinte del Perù

Il nuovo Nobu Dowtonwn progettato da David Rockwell

ristoranti

[Interior Decoration]

Design alle Maldive

Ospiti di Cocoon, il resort di design nel blu dell'Oceano indiano

hotel

[Interior Decoration]

La rivoluzione dell'hotellerie

Patrick Norguet firma il nuovo Okko Hotel di Parigi

hotel

[Interior Decoration]

Luxury per tutti

La nuova ospitalità del Public Hotel di Ian Schrager a New York

Hotel

[Interior Decoration]

White Forest

La firma di Tokujin Yoshioka per un negozio di scarpe a Tokyo

negozi di design

Hearst Magazines Italia

©2017 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web