ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Il ristorante Liza a Beirut

Da Parigi alla capitale libanese, un locale d'atmosfera che unisce food e design

Un nuovo indirizzo per chi ha intenzione di visitare Beirut e cenare in un locale dall'atmosfera cosmopolita situato nella parte est della città. Il luogo è Liza, noto nome della cucina libanese considerato a Parigi una vera istituzione a partire dalla nascita, avvenuta nel 2005, ad opera di Ziad e Lisa Asseily al n.14 di rue de la Banque.

Dopo 8 anni Liza ha aperto un avamposto nello storico distretto di Achrafieh in una location che mette insieme - come in una casa - il gusto per l'arte araba contemporanea con la cultura culinaria libanese. Punto di forza del locale: l'interior decoration firmato da Maria Ousseimi che, ci tiene a precisare, è un'ex studentessa della Columbia University con un Master in Economic Development alla quale si aggiungono lauree in filosofia, film e scrittura.

Girare per le stanze di questo appartamento di lusso è un'esperienza. L'edificio ha mantenuto la struttura tipica di una tradizionale abitazione libanese del 19° secolo con 3 grandi sale simmetricamente disposte intorno a una grande hall. Solo le porte sono state allargate per migliorare l'illuminazione interna.

Spazi vastissimi - 500 metti quadri con soffitti di 7 metri di altezza - sono stati decorati a tema. Alcune pareti si ispirano ai lavori dagli artisti Maryline Massoud e Rasha Nawam: creazioni in ceramica rappresentanti isolati della città di Beirut con edifici bruciati e anneriti dalle vaghe forme cubiste.

Ovunque c'è la sensazione del mix culturale. Negli interni, ricchi ed eclettici convivono decorazioni di derivazione islamica e pezzi di design dallo stile europeo come le lampade a sospensione di Tom Dixon. La carta da parati è di provenienza italiana e ideata da Idarica Gazzoni. Altri oggetti sono su realizzazione della stessa Ousseimi stessa e di creativi locali quali Hubert Fattal, Rasha Nawam e Marilyn Massoud. Il bar in marmo con dettagli color oro è situato in uno spazio a specchi ed è stato progettato da Karim Chaya.

Info: www.lizabeirut.com


di Eugenio Cirmi / 4 Luglio 2014

CORNER

Interior Decoration collection

[Interior Decoration]

Un attico baciato dal sole

A Palermo minimalismo ed ergonomicità su due livelli

restyling

[Interior Decoration]

Location! Location! Location!

Roma e i nuovi progetti per l’abitare contemporaneo

interviste

[Interior Decoration]

Polvere di stelle

Femminilità a colori: il pop up store di Paula Cademartori

negozi di design

[Interior Decoration]

Mix balinese

Un boutique hotel a Bali tra arte, natura, design e vintage

hotel

[Interior Decoration]

Cafè No. 19, vintage alla greca

Un nuovo locale ispirato alle vecchie gastronomie greche di Melbourne

ristoranti

[Interior Decoration]

New style new life

Questa volta Dmail reinventa se stessa

negozi di design

[Interior Decoration]

Londra ha un cuore sardo

Il ristorante Olivo racconta tra menù e design la bellezza di un'isola

ristoranti

[Interior Decoration]

Tempi di vendemmia

In Catalogna il minimalismo contagia anche le cantine

food e design

[Interior Decoration]

I pastelli di Odette

A Singapore un ristorante francese punta tutto sui colori soft

ristoranti

Hearst Magazines Italia

©2017 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web