ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

A Berlino arriva il foodmarket che fa impazzire gli Instagrammer

Si chiama Kantini, fa parte del grande concept mall Bikini, ed è il nuovo place to be della capitale tedesca, per chi vuol bere e mangiare divertendosi, e postare il tutto su Instagram

ristorante-a-berlino-kantini-bikini-berlin
© Patricia Parinejad

È il nuovo hotspot di Berlino dove mangiare e bere, il perfetto punto di incontro tra cibo e lifestyle: stiamo parlando di Kantini, foodmarket di design (il primo del genere in Europa) appena inaugurato all'interno di Bikini Berlin, il concept mall più cool della città, tra lo zoo di Berlino e Breitscheidplatz.

Disinvolto, giovane e divertente: così si presenta questo ristorante a Berlino sui generis, che ha ridato vita a un palazzo storico di Berlino Ovest, luogo di fermenti creativi e underground sin dalla sua costruzione, negli anni 50. Gli stessi ingredienti si ritrovano anche in Kantini, ciliegina sulla torta di un’offerta già ricca (Bikini è anche cinema, hotel e centro commerciale).

Leggi anche: Un nuovo design hotel a Berlino

© Jens Boesenberg

Non stupisce che un terreno così fertile, sospeso tra memoria e futuro, identità e contaminazione, abbia ispirato uno dei designer più influenti della scena tedesca: Werner Aisslinger, titolare dell’omonimo studio che ha curato il progetto.

Già ideatore del 25Hours Hotel Bikini, un'oasi green che strizza l’occhio ironicamente all’idea di giungla metropolitana, Aisslinger gioca col binomio cultura / natura anche in Kantini.

© Jens Boesenberg

Distribuito su due livelli, per una superficie totale di 1,800 metri quadri, questo ristorante particolare / foodmarket ruota intorno a una visione social e contemporanea dell’esperienza culinaria. Sempre più diffusi sono i ristoranti a misura di Instagram, dove gli interni ambiscono ad essere fotografati tanto quanto ciò che sta nel piatto.

Aisslinger segue questa tendenza, creando “paesaggi di divani”, scorci accattivanti e composizioni ipnotiche, ma la abbina a un senso più profondo e concreto di condivisione. Kantini infatti mette insieme sapori e profumi provenienti da ogni parte del mondo.

© Patricia Parinejad

13 sono gli stand disponibili, cucine modulari che all’occorrenza diventano teatro per performance di cooking show. I visitatori possono scegliere tacos messicani o humus israeliano e poi prendere posto dove preferiscono, in qualsiasi punto della struttura.

La location più ambita è senza dubbio la loggia panoramica, da cui si può guardare giù, lasciandosi rapire dalla stordente sinfonia di 13 cucine al lavoro contemporaneamente, oppure volgere gli occhi allo zoo, incorniciato dalla gigantesca vetrata che si spalanca sulla città.

E proprio lo zoo offre lo spunto per mixare elementi ludici e vegetali: c’è un’area relax delimitata da una gabbia, che ricorda la voliera poco distante, mentre cactus, rampicanti e fronde verdi sbucano da muri e soffitti ad ogni angolo, come se la natura cercasse di riappropriarsi del suo spazio.

© Patricia Parinejad

Il design dialoga con questa scenografia articolata, puntando su modernità e simmetria, all’insegna di un minimalismo che non rasenta mai l’austerità, ma anzi vuol essere fluido, accessibile, gioioso. Nella scelta degli arredi, Aisslinger attinge al passato dell’edificio: e allora ecco i colori pastello e le forme lineari, con il fascino senza tempo degli anni 50.

√ Patricia Parinejad

Ma niente paura: la nostalgia non abita qui. Per dare una sferzata di vitalità e carattere al food market, Aisslinger porta un pizzico di California nella grigia Berlino: il sole di Palm Springs e l'esuberante flora di LA fanno capolino tra tavoli e fornelli, mentre la palette cromatica rende omaggio ai dipinti di David Hockney. Il tocco personale del designer emerge dai dettagli, che nobilitano e impreziosiscono lo spazio.

© Patricia Parinejad

I pezzi più significativi, realizzati di suo pugno, includono lo sgabello "Token" (per Moroso), la lampada "Hobo" (per Wästberg) e l'installazione luminosa "Tree". Il risultato finale, in linea con lo spirito di Bikini e della Berlino più all’avanguardia, è un luogo empatico, vivo e mutevole, dove il design racconta una storia e costruisce percorsi esperienziali.

Il foodmarket diviene così il social hub dove mangiare a Berlino, in cui tutto è pensato per intrattenere e mettere di buon umore, con un solo rischio, se così si può dire: che si dimentichi persino la ragione per cui si era entrati.

 

© Jens Boesenberg

www.aisslinger.de

www.bikiniberlin.de


di Elisa Zagaria / 12 Marzo 2018

CORNER

Interior Decoration collection

[Interior Decoration]

Da terminal ad hotel

Il TWA Flight Center di Eero Saarinen da oggi è un albergo

Travel

[Interior Decoration]

Una piadina a Lione

Masquespacio progetta 40 mq coloratissimi dedicati all'Italia

Travel

[Interior Decoration]

Belgrado cosmopolita

La rinascita della città passa per un hotel di design democratico

Travel

[Interior Decoration]

Colombiana a New York

Ispirazione finca per la seconda sede di Devocion a New York

Travel

[Interior Decoration]

Storia delle cementine

Cuore di sabbia e cemento e un'allure tra stile liberty e decò

Costume

[Interior Decoration]

I colori dell’estate in casa

11 colori con cui dipingere le pareti di casa. Subito

Costume

[Interior Decoration]

Cena in terrazza da Prada

A Milano, il nuovo ristorante nella Torre di Rem Koolhaas

Travel

[Interior Decoration]

Marni arriva a Firenze

Un negozio pop dal tocco industriale, dentro a un palazzo antico

Travel

[Interior Decoration]

Destinazione Grecia

Design hotel e resort: le nuove aperture da provare nel 2018

Travel

Hearst Magazines Italia

©2018 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web