ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Design e gusto per Lume a Milano, il ristorante di Luigi Taglienti

In una ex fabbrica ristrutturata, in zona Naviglio Grande, apre il locale stellato nel complesso polifunzionale W37

ristorante-a-milano-lume-chef-stellato-luigi-taglienti-spazio-interno

Il ristorante milanese Lume in via G.Watt 37. Il progetto di interiro design è firmato da Monica Melotti; lo chef è Luigi Taglienti

Un nuovo ristorante stellato a Milano - sotto la guida dello chef Luigi Taglienti - all’interno dell'ex fabbrica Richard Ginori in Zona Naviglio Grande, in una delle zone di espansione della città più vitali e interessanti.

Inserito in un suggestivo contesto di archeologia industriale, Lume – questo è il nome del locale – è parte del complesso polifunzionale W37, che comprende residenze, uffici e spazi per eventi, gestito da MB America: società di valorizzazione di beni e investimenti con sede a Miami. Il ristorante è nato dalla volontà di Emanuela Verlicchi Marazzi, imprenditrice e Presidente della Fondazione Filippo Marazzi che da sempre investe in iniziative a sostegno di giovani talenti.

Il progetto, elegante e curato nei dettagli, è a cura di Monica Melotti Chief Design Officer di MB America, nonché cofondatrice della società insieme a Marco Bruzzi che riveste la carica di Chief Executive Officer. Monica si è occupata sia della ristrutturazione architettonica sia del design degli interni che appare lussuoso e minimale al tempo stesso.

La cucina, cuore dello spazio, è inserita in un cubo di vetro rivestito da ricami tridimensionali, simili a moderni merletti bianchi, che danno vita a un originale gioco di trasparenze e chiaroscuri. Presenza di grande impatto visivo, la decorazione dialoga in maniera armonica con l'essenzialità del design e il total white della sala illuminata da grandi finestre che si affacciano sul giardino interno. Il ristorante, che conta 40 coperti, si sviluppa su due sale. Un'area può essere riservata come spazio privato per circa 12 ospiti.

A capo del ristorante è lo chef Luigi Taglienti che i milanesi amanti della buona cucina ricordano per le precedenti esperienze da Trussardi alla Scala e a Palazzo Parigi. Taglienti propone una cucina di ricerca, attenta al territorio e alla qualità delle materie prime, capace di coniugare in modo armonico e consapevole classico e contemporaneo. Tre i menu disponibili: uno alla carta, stagionale, e due dedicati alla degustazione: uno di influenza milanese, l’altro più sperimentale.

Tra i servizi offerti alla clientela sono previsti: un servizio di concierge, la possibilità di avvalersi di valet parking o di transfer privato da/per il ristorante. Vista la presenza degli appartamenti del complesso W37, su richiesta, è possibile pernottare all’interno della struttura.

Lume
Via G.Watt 37 Milano

www.lumemilano.com

SCOPRI ANCHE:

10 ristoranti di design a Milano
Piante da interno protagoniste in un nuovo ristorante a Copenaghen
Un design restaurant a Chelsea firmato da Kinnersley Kent Design
Pharmacy 2 apre a Londra, presso la Newport Street Galler


di Alec Cinque / 12 Luglio 2016

CORNER

Interior Decoration collection

[Interior Decoration]

Il loft che non voleva essere un loft

Pareti curve e toni caldi: dimenticate tutto quello che sapete sui loft

restyling

[Interior Decoration]

Minimalismo vittoriano

Unire due stili e due atmosfere: a Londra l’esperimento è riuscito

lounge bar

[Interior Decoration]

Un'oasi in città

A Firenze, un salotto open air per la socialità e il relax

negozi di design

[Interior Decoration]

Nido creativo per due

Cork study, uno spazio ecosostenibile per artisti a Londra

edifici ecosostenibili

[Interior Decoration]

Prada apre a Saint Barts

Uno store in stile esotico tipico delle case sudamericane anni '50

negozi di design

[Interior Decoration]

Lo stupore di Marcel Wanders

Un complesso residenziale ispirato agli elementi della natura

edifici ecosostenibili

[Interior Decoration]

Loft tubi a vista

Bologna, dall’ex magazzino d’idraulica il carattere del restyling

hotel

[Interior Decoration]

A Parigi l’hotel più groovy

32 camere in tema con la black music e le atmosfere degli anni 70

hotel

[Interior Decoration]

Color shock

Terapia d'urto a base di colore per una classica casa inglese

pareti colorate

Hearst Magazines Italia

©2016 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web