ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Il ristorante asiatico più chic di Bucarest

Mangiare nella giungla nella capitale rumena, grazie al designer Bogdan Ciocodeica e al suo progetto per l'eclettico Kane World Food Studio

ristorante-asiatico-bucarest-bodgan-ciocodeica

Il ristorante Kane World Food Studio progettato da Bodgan Ciocodeica a Bucarest ricrea una giungla urbana, tra murales e giochi di toni del verde. 

Un ristorante asiatico a Bucarest può sembrare un'azzardo, eppure se siete nella capitale della Romania per un viaggio di lavoro o un weekend di piacere, non potete non fermarvi per mangiare cibo orientale all'interno di una giungla lussureggiante racchiusa in una cornice di cemento e acciaio. Al numero 60 di Strada Tunari, nel cuore di Bucarest, prende vita una vera e propria oasi in città, un'eccellenza tra i ristoranti di Bucarest.

Si tratta di Kane World Food Studio, progettato dall'architetto locale Bogdan Ciocodeica che, con il suo approccio semplice e la predilezione per i materiali naturali, è riuscito a ricreare l'atmosfera di un ambiente naturale in uno spazio urbano.

Come? Utilizzando sapientemente il verde e i suoi molteplici toni, a partire dalle piante che si trovano negli spazi, alle piastrelle cerulee in ceramica smaltata che ricoprono una parte delle pareti, alle sedie con diverse cromie, alle panche di velluto dai toni intensi, al verde scurissimo dei soffitti, riverniciati senza copertura, con tubi a vista che sembrano le radici di piante selvatiche della foresta.

Il ristorante, che si sviluppa su una superficie di 180mq e conta 74 posti a sedere, è stato progettato con mobili su misura. Tra i brand con i quali il designer ha collaborato, sono presenti Normann Copenhagen, Bolia e Hubsch, Pedrali, con le iconiche sedie nere Nemea, solo per citarne alcuni.

Interessante la scelta delle illuminazioni, firmate CristofaroLuce e dalle forme semplici e minimali, eccezion fatta per un grande lampadario color oro che pende sul tavolo centrale all'ingresso del ristorante.

La ciliegina sulla torta? Una parete sulla quale è stato realizzato un murales a tema giungla, che ritrae animali e piante, con un tratto delicato che lascia l'impressione intenzionale di essere un'opera work in progress, per non appesantire ma bensì alleggerire e sdrammatizzare l'ambiente.

Al fine di creare un doppio effetto visivo, è stato posto uno specchio alla parete accanto.

L'utilizzo del legno per le sedute e per i tavolini, e della pelle per le poltrone, conferisce un effetto naturale che richiama gli elementi presenti nella giungla, e si contrappone con il colore freddo e la forma squadrata del grande bancone di marmo presente all'ingresso.

ciocodeica.com

www.kane-restaurant.com

SCOPRI ANCHE:
Un ristorante cinese a Singapore
Gli interni di una ravioleria a Dalian


di Valentina Mariani / 9 Febbraio 2017

CORNER

Interior Decoration collection

[Interior Decoration]

Hotel o club esclusivo?

Luci soffuse e atmosfera intima da Room Mate Gerard a Barcellona

hotel

[Interior Decoration]

Design giapponese, colori del Perù

Il nuovo Nobu Dowtonwn progettato da David Rockwell

ristoranti

[Interior Decoration]

Design alle Maldive

Ospiti di Cocoon, il resort di design nel blu dell'Oceano indiano

hotel

[Interior Decoration]

La rivoluzione dell'hotellerie

Patrick Norguet firma il nuovo Okko Hotel di Parigi

hotel

[Interior Decoration]

Luxury per tutti

Il nuovo hotel di Ian Schrager a New York

Hotel

[Interior Decoration]

White Forest

La firma di Tokujin Yoshioka per un negozio di scarpe a Tokyo

negozi di design

[Interior Decoration]

Refettorio felice

Ilse Crawford firma il nuovo spazio londinese del progetto di Bottura

ristoranti

[Interior Decoration]

Lavorare di fantasia

Tokyo incontra New York in un coworking...a Madrid

coworking

[Interior Decoration]

Bellezza imperfetta

Makhno firma una casa minimalista e rustica ispirata al wabi-sabi

casa moderna

Hearst Magazines Italia

©2017 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web