ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Huan, il nuovo oriental bistrot dei Navigli

Affacciato sul Naviglio Grande apre Huan. Atmosfera elegante e conviviale per un bistrot milanese dove Oriente e Occidente si incontrano all’insegna del melting pot

L’ideogramma ‘Huan’ in cinese significa miraggio, sogno a cui si tende, illusione concreta. E riassume lo spirito del nuovo oriental bistrot, appena aperto sui Navigli, centro della movida milanese. 

All’ora dell’aperitivo la clèr si alza e inaspettatamente svela ai passanti la cucina, con un giovane chef intento a realizzare piatti creativi simili a piccole opere d’arte. 

Il cocktail bar, con la parete in vetroresina retroilluminata e la linea dorata del bancone, invita al drink e alla scoperta di una selezione di inediti ‘Dim Sum’, i tradizionali piccoli assaggi cinesi rivisitati in versione by night. 

Ma è lo spazio che si sviluppa oltre l’ingresso scenografico il vero cuore del locale, magnetico, quasi onirico. 

Attratti dall’atmosfera avvolgente viene voglia di proseguire l’esperienza e di fermarsi per la cena.

Il progetto, firmato da Antonio Brizzi con Michaela Stoica, dello studio Brizzi + Riefenstahl, si presenta come un volume profondo, a pianta rettangolare, ritmato da archi e colonne e animato da piccoli salottini Anni 50. 

“Raccontare un contenuto orientale in un contenitore occidentale è stata una sfida interessante”, ci spiega Brizzi. “Ma anche l’occasione per esprimere il nostro linguaggio progettuale attraverso il tema dei contrasti: il pieno e il vuoto, il finito e l’imperfetto, il lucido e l’opaco, la materia e il sogno. Con l’aggiunta di un tocco di esuberanza”. 

Le pareti in mattoni a vista, dipinte in blu pavone, creano l’effetto di una scatola avvolgente e materica. 

Protagonista assoluto è il pavimento, una vera opera d’arte realizzata a mano dalla decoratrice Silvia Moro che ha ripreso i motivi floreali delle sete cinesi. 

Su questo ‘tappeto’ prezioso, protetto da una resina trasparente, una selezione di poltroncine vintage, scelte nei toni del verde salvia, melanzana e arancio carico e accostate con disinvoltura ai tavolini bassi in ottone. 

Ai due angoli opposti dello spazio scopriamo gli unici due tavoli conviviali, più ampi e tondi. 

Le lampade Sampei di Davide Groppi, flessuose e leggere come canne di bambù, diffondono una luce d’atmosfera. 

Un mood complementare all’esperienza del cibo, che parte dalla tradizione per trasformarsi in qualcosa di diverso, fatto di tanti piccoli assaggi e di altrettante piccole emozioni: intimità, condivisione, internazionalità. 

Nel menù, che segue l’alternanza delle stagioni, tante proposte dai nomi accattivanti come ‘Let’s tango’ o ‘Perle del mio orto’, esprimono l’incontro tra la cucina cinese e le materie prime italiane.

Così il tradizionale petto d’anatra è servito con salsa di cachi e soia, cipolle borettane, okra e sesamo. E la crema di riso, decorata con verdure di stagione e scaglie di tartufo nero, prende le sembianze e il nome di ‘Giardino Zen’. 

Come i piatti, anche la squadra di Huan nasce dalla sintesi di storie e culture diverse. Lily Liu, imprenditrice cinese cosmopolita, e Riccardo Capua, proprietario di una tenuta vitivinicola vicino a Saturnia, sono i soci fondatori. 

La manager di sala Giada Wang, cinese, collabora con lo chef Giorgio Bresciani, di origini campane, per la scelta dei piatti. 

Al cocktail bar, Federico Briarava propone drink dall’insolito twist asiatico. 

Un team giovane ma esperto, che conosce bene Milano e porta in città un entusiasmo prezioso proveniente da latitudini diverse. E recupera antiche tradizioni di famiglia per inventare una nuova formula di accoglienza e ristorazione. 

Sofisticata ma informale, eclettica e flessibile.

Leggi anche:
→ Six, l'indirizzo più inedito di Milano a due passi dai Navigli
→ Un nuovo ristorante a Milano firmato Patricia Urquiola

huanmilano.com


di Francesca Benedetto / 17 Gennaio 2018

CORNER

Interior Decoration collection

[Interior Decoration]

Un riad a Marrakech

4 agenzie di real estate raccontano un mercato affascinante

Itinerari

[Interior Decoration]

Tendenza Pinterest

I 7 trend di interior design che cerchiamo di più sul social network

Costume

[Interior Decoration]

Salotto europeo

A San Francisco l’hotel di lusso con mobili vintage del vecchio continente

Travel

[Interior Decoration]

Ristorante o fiorista?

Il ristorante nascosto dai fiori in Cina

Travel

[Interior Decoration]

Cibo e arte al museo

Lo chef Frederik Bille Brahe presenta il cafè creativo Kafeteria

Travel

[Interior Decoration]

Nostalgia australiana a Seoul

Tutto marmi e accenti artistici, il nuovo ristorante Caravan 2.0

Travel

[Interior Decoration]

Bali da sogno

A Bali OMNIA apre un dayclub capace di colpire tutto i sensi

Travel

[Interior Decoration]

Ladurée a Tokyo

India Mahdavi firma il terzo store della pasticceria francese

Travel

[Interior Decoration]

Artisti nei borghi

3 artisti con Airbnb ridanno slancio ai borghi italiani

Travel

Hearst Magazines Italia

©2018 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web